Pensioni, con Quota 102 in arrivo aiuti per tre categorie

Cosa succede dopo Quota 100? Tra le ipotesi al vaglio si fa sempre più strada "Quota 102", ma solo per determinate categorie

Si pensa già al post Quota 100: con la misura in scadenza nel 2021, il Governo si è messo a lavoro per trovare una soluzione alternativa per l’anticipo pensionistico. In questo contesto, oggi, si fa sempre più strada la cd. “Quota 102“, alla quale è probabile potranno ricorrere solo determinate categorie di lavoratori. Vediamo quali e a che condizioni.

Quota 102, quali le differenze rispetto a Quota 100?

Qualora Quota 102 venisse approvata, ciò che la differenzierebbe da Quota 100 sarebbe – principalmente – il requisito anagrafico. La pensione anticipata con Quota 100, infatti, viene riconosciuta al momento a chi ha almeno 62 anni di età (requisito anagrafico) e 38 anni di contributi (requisito contributivo).

Ebbene, con Quota 102 dovrebbe essere confermato il cumulo contributivo ma non l’età minima di accesso: fermo quindi il raggiungimento di almeno 38 anni di contribuzione, l’uscita anticipata dal lavoro verrebbe riconosciuta tramite questa misura ai soggetti di almeno 64 anni (64+38=102).

Pensioni in anticipo con Quota 102: le categorie che possono usufruire dello sconto contributivo

Per andare incontro alle categorie più svantaggiate, quelle ciò che per condizioni personali/familiari spesso non riescono a raggiungere il minimo di contributi previsti da Quota 102, la misura in esame prevedrebbe anche delle agevolazioni ad hoc, destinate a determinati lavoratori e lavoratrici.

Lo “sconto” contributivo verrebbe riconosciuto in questi casi a: donne, caregivers e precoci. Nello specifico, si parla di:

  • una riduzione di 8 mesi sui contributi richiesti per ogni figlio per le donne (fino a un massimo di 24 mesi);
  • riduzioni contributive pari a un anno per chi assiste da almeno 5 anni un familiare con handicap grave, i cd. caregivers;
  • una maggiorazione del 25% degli anni di lavoro prestati tra i 17 e i 19 anni per i lavoratori precoci, ovvero coloro che hanno maturato almeno 12 mesi di contributi prima del compimento dei 19 anni.

Quota 102, confermati i requisiti di incompatibilità?

Trattandosi di una misura ancora al vaglio dei tecnici del Governo, non è chiaro se altri criteri di attribuzione validi per Quota 100 verranno confermati anche per Quota 102. Ad esempio, nulla è stato detto sui casi di incompatibilità.

Ricordiamo infatti che Quota 100 non è cumulabile con i redditi derivanti da qualsiasi attività lavorativa, svolta anche all’estero, a eccezione di quelli derivanti da lavoro autonomo occasionale nel limite di 5.000 euro lordi annui. Tale incumulabilità si applica per il periodo intercorrente tra la data di decorrenza della pensione e la data di maturazione del requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia – adeguato agli incrementi della speranza di vita – previsto nella gestione a carico della quale è stata liquidata la pensione.

La produzione di redditi derivanti da attività lavorativa diversa da quella autonoma occasionale o la produzione di redditi derivanti da lavoro autonomo occasionale oltre il limite dei 5.000 euro lordi annui comporta la sospensione dell’erogazione del trattamento pensionistico nell’anno di produzione dei predetti redditi e l’eventuale recupero delle rate di pensione indebitamente corrisposte

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni, con Quota 102 in arrivo aiuti per tre categorie