Pensione a 62 anni, si può? Cosa potrebbe cambiare

Pensione a 62 anni, la nuova proposta di riforma avanzata dai sindacati

Superata Quota 100 bisognerà trovare una soluzione in grado di accompagnare i lavoratori – precoci e non – alla pensione. Tra le proposte di riforma al vaglio del Governo, adesso si fa strada quella che riconosce una possibile uscita dal lavoro a 62 anni, una volta raggiunto il limite minimo di anni contributivi.

Pensioni, cosa prevede la riforma: i punti cardine

La nuova riforma pensionistica, che impedirebbe di tornare alla Riforma Fornero dopo Quota 100, è stata avanzata dai segretari generali di Cgil, Cisl e Uil Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri al convegno “Cambiare le pensioni adesso”. Si tratta di un intervento ad ampio raggio che, di fatto, interverrebbe su più aspetti e che prevede:

  • la possibilità di andare in pensione a 62 anni, su scelta del lavoratore, una volta raggiunti 41 anni di contributi;
  • l’introduzione di una pensione di garanzia per giovani, lavoratori discontinui e/o con basse retribuzioni;
  • maggiore tutela delle donne, tra le categorie più discriminate dell’inasprimento dei requisiti pensionistici degli ultimi anni;
  • più attenzione per i lavori di cura, usuranti e gravosi;
  • sostegno del reddito dei pensionati;
  • rilancio della previdenza complementare.

Sono questi i punti cardine su cui i sindacati si ritroveranno a discutere insieme al ministro del Lavoro, Andrea Orlando, il quale si è detto pronto al confronto.

Pensione a 62 anni: come funziona e chi può

Sull’ipotesi di introdurre una nuova misura che consentirebbe di andare in pensione a 62 anni, al convegno è stato spiegato che questa rimarrebbe di fatto una scelta discrezionale. L’obiettivo, difatti, è quello di rendere più flessibile l’uscita dal lavoro, “permettendo alle lavoratrici e ai lavoratori di poter scegliere quando andare in pensione, senza penalizzazioni per chi ha contributi prima del 1996, a partire dai 62 anni di età o con 41 anni di contributi a prescindere dall’età”.

Per questo motivo, è stato spiegato, andrebbero “sensibilmente ridotti i vincoli che nel sistema contributivo condizionano il diritto alla pensione al raggiungimento di determinati importi minimi del trattamento, penalizzando in questo modo i redditi più bassi”. Da qui l’idea di “modificare l’attuale meccanismo automatico di adeguamento delle condizioni pensionistiche alla speranza di vita, doppiamente penalizzante perché agisce sia sui requisiti anagrafici e contributivi di accesso alla pensione sia sul calcolo dei coefficienti di trasformazione”.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensione a 62 anni, si può? Cosa potrebbe cambiare