Officine Panerai Mare Nostrum Acciaio 42 mm, un orologio e i suoi misteri

Portare al polso una storia fatta di dittatori, grandi guerre ed alluvioni: i modelli Mare Nostrum di Officine Panerai sono per chi fa il suo tempo non per chi lo rincorre.

Probabilmente il primo cronografo Officine Panerai risale al 1924. Chiamato Mare Nostum da Guido Panerai, di quel modello si è persa ogni traccia, ma è rimasto inciso nel suo nome quell’orgoglioso scatto identitario dal sapore salato con cui gli antichi Romani indicavano il Mar Tirreno, e i primi Italiani post unità il mar Mediterraneo.

Implicazioni storico-militari ha anche quello che è certamente stato il primo cronografo di Officine Panerai. Prodotto nel 1943, non era destinato al commercio ma alla Marina Militare. Infatti il dittatore Benito Mussolini utilizzò l’espressione Mare Nostrum per la sua propaganda fascista fin dal 1922. Non un orologio per fare immersione, ma un modello con cui gli ufficiali  coordinavano le operazioni con una precisione che sfiorava il centesimo di secondo.

Questo è tutto ciò che si sa a riguardo dei primi Officine Panerai Mare Nostrum, ma in realtà questo è più di quanto si sappia in generale, perché anche la data della creazione del primo prototipo è molto dibattuta. Mentre Panerai insiste che il Mare Nostrum può essere fatto risalire al 1943, lo stile dell’orologio ha una somiglianza più stretta con gli strumenti da immersione Panerai degli anni Cinquanta. In ogni caso nessuno lo sa per certo e mai nessuno lo saprà, in quanto tutti gli annali del Mare Nostrum sono stati distrutti durante l’alluvione di Firenze del 1966. Tutto, o forse meglio dire quasi tutto: infatti si è salvata una lastra fotografica. Se non fosse per questa, il prototipo che è emerso all’asta nel 2005 sarebbe potuto essere stato liquidato come un falso. Ma ciò non è avvenuto.

Officine Panerai ha ripreso la produzione del Mare Nostrum con delle Special Edition come nel caso del Mare Nostrum Acciaio – 42MM PAM00716, prodotto in soli 1000 esemplari. Il suo design è ben diverso dai più noti e iconici modelli Luminor e Radomir, ma questo non significa che sia meno accattivante. Dotato di una cassa dal diametro di 42 mm in acciaio satinato con fondo blu come il cinturino in alligatore dello stesso colore con cui si abbina alla perfezione. Ovviamente è un orologio meccanico a carica manuale e vanta un’autonomia di 42 ore. Come il suo avo che ha combattuto la Seconda Guerra Mondiale, presenta un cronografo, ma in più è dotato di un’impermeabilità di 5 bar che lo può far arrivare a 50 metri di profondità.

Un modello pregiato che richiama un mare profondo sul cui fondale sono in attesa di essere rinvenute storie, miti e leggende.

Officine Panerai Mare Nostrum Acciaio 42 mm, un orologio e i suoi misteri
Officine Panerai Mare Nostrum Acciaio 42 mm, un orologio e i suoi ...