Bonus 200 euro, beffa in agguato: chi resterà escluso

L’agevolazione pensata per mitigare gli effetti del caro prezzi potrebbe non arrivare ad alcuni lavoratori dipendenti che pensavano di averne diritto

È partita la corsa selvaggia delle telefonate e delle mail ai patronati e ai commercialisti. Migliaia di lavoratori in tutta Italia si stanno rivolgendo ai propri professionisti di riferimento nel tentativo di chiarire il grande quesito che sta circolando nelle ultime ore: chi fa parte della platea che riceverà il bonus da 200 euro previsto dal governo di Mario Draghi?

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto legge Aiuti, sono arrivati nuovi dettagli anche sulle modalità con le quali verrà erogata l’agevolazione pensata dal governo per aiutare parte della popolazione a far fronte al caro prezzi. Alcune persone che si aspettavano di trovarlo in busta paga potrebbero però rimanere deluse.

Cosa dice la normativa del decreto Aiuti sul bonus da 200 euro

All’articolo 31 si legge infatti testualmente che “ai lavoratori dipendenti di cui all’articolo 1, comma 121, della legge 30 dicembre 2021, numero 234, non titolari dei trattamenti di cui all’articolo 32 e che nel primo quadrimestre dell’anno 2022 hanno beneficiato dell’esonero di cui al predetto comma 121, per almeno una mensilità è riconosciuta per il tramite dei datori di lavoro nella retribuzione erogata nel mese di luglio 2022, una somma a titolo di indennità una tantum di importo pari a 200 euro”.

La normativa che viene citata riguarda la riduzione contributiva prevista dalla Legge di bilancio 2022 nel caso in cui “la retribuzione imponibile, parametrata su base mensile per tredici mensilità, non ecceda l’importo mensile di 2.692 euro, maggiorato, per la competenza del mese di dicembre, del rateo di tredicesima”.

La normativa sul Bonus da 200 euro spiegata dai commercialisti