Test di Medicina 2022, oltre 65mila candidati per 16mila posti: le prove

Si svolgeranno domani, 6 settembre, le prove per essere ammessi alle facoltà di Medicina e Chirurgia. Solo un candidato su quattro riuscirà ad entrare

Parte la corsa al posto per la facoltà di medicina: martedì 6 settembre a partire dalle ore 13, in tutte le sedi universitarie gli aspiranti medici parteciperanno al test per aggiudicarsi l’ingresso al corso a numero programmato delle facoltà di Medicina e Chirurgia.

Solo un candidato su quattro riuscirà ad entrare: sono infatti 65.378 gli iscritti al test, che si contendono i 16.070 posti messi a bando dal ministero dell’Università per l’anno accademico 2022/2023 (14.740 per medicina e 1.330 per odontoiatria), 700 in più dell’anno scorso.

Test di Medicina 2022, i quesiti

I quesiti sono 60, ognuno con cinque opzioni di risposta: soltanto una possibilità è corretta. Il tempo a disposizione è di 100 minuti per un totale di oltre un minuto e mezzo a domanda.

Da quest’anno cambia la composizione degli argomenti. Verranno richieste meno cultura generale e logica che lasciano spazio a biologia, chimica, fisica e matematica. In totale, si tratta di:

  • 4 quesiti sulle competenze di lettura e conoscenze dagli studi;
  • 5 di ragionamento logico e problemi;
  • 23 di biologia;
  • 15 di chimica;
  • 13 di fisica e matematica.

Test di medicina, i punteggi

Il punteggio massimo che si può ottenere è di 90 punti. A ogni risposta esatta corrispondono 1,5 punti. Le risposte omesse valgono 0 punti, mentre quelle errate tolgono 0,4 punti a quelli acquisiti con le risposte corrette.

Test di Medicina 2022, le regole

Consulcesi, un team legale che sostiene gli aspiranti camici bianchi nel loro percorso, ha stilato un vademecum per essere certi di non commettere errori di forma durante la prova. Non sono ammessi i telefoni e le calcolatrici nella sede della prova.
Il modulo di bella copia della prova non può contenere appunti, scarabocchi o calcoli, che potrebbero confondere il lettore ottico automatico che corregge i test.
Uscire dai margini della casella della scelta multipla potrebbe costare caro, ma attenzione: si può cambiare idea sulle risposte e per farlo è sufficiente annerire del tutto la casella con la risposta sbagliata e poi fare la “X” su quella giusta (è possibile correggersi una sola volta).
Il test va compilato esclusivamente con la penna nera, consegnata dalla commissione d’esame ed è consigliato firmare subito la scheda anagrafica per evitare di dimenticarsene. Una volta terminata la prova, i fogli con le domande vanno rimessi nel plico, insieme a quello di controllo, e depositati in una scatola. Mentre le risposte vanno nella scatola sigillata su cui è scritto “Risposte” e la scheda anagrafica in quella con la scritta “Anagrafica”.

Test di Medicina 2022, i risultati

Il 14 settembre verranno pubblicati i punteggi anonimi – associati al codice assegnato durante il test – nell’area riservata sul portale Universitaly. La graduatoria unica nazionale nominativa verrà poi pubblicata sul sito AccessoProgrammato del MIUR il 29 settembre.