Come si calcola il valore dell’oro al grammo

Quando si vende dell'oro, è utile capirne il valore prima di rivenderlo: ecco i passi da seguire per calcolare il valore dell'oro al grammo

Quando si vuole vendere dell’oro, prima di recarsi a vendere da un compro oro, sarebbe utile capire esattamente il valore, in modo da poter definire adeguata o meno la somma che si riceve.

Il primo passo da fare per capire il valore dell’oro al grammo è stabilire il numero dei carati di ogni pezzo. Per farlo è necessario trovare il timbro, un numero inciso sul gioiello e circondato da un rombo che indica la quantità di oro presente nell’oggetto. Nel caso le cifre siano illeggibili, è consigliabile far valutare l’oro da un orafo di fiducia, in grado con un test chimico specifico di capire se si tratta di oggetti realmente in oro o solamente placcati.

Se sussistono i dubbi sul valore dei propri gioielli, è possibile effettuare il test acido, acquistando nei negozi specializzati una pietra composta da materiali tra cui novaculite e l’acido nitrico, in grado di testare l’oro a 10, 14, 18 e 22 carati. Per valutare l’oggetto, così come viene fatto presso un normale compro oro, basterà strofinare la pietra sulla sua superficie e versare una goccia di acido 14 carati: se l’oggetto testato è effettivamente a 14 carati resisterà all’acido e non si modificherà, mentre in caso contrario diventerà marrone.

Infine, è possibile valutare l’oro, grazie al test skey: è necessario acquistare un tester per l’oro o una penna di verifica. In questo modo, si potranno eseguire test senza ricorrere all’acido nitrico. Per capire il valore dei gioielli, basterà tracciare una linea di mezzo centrimetro sull’oggetto, ripassandola quattro volte senza togliere la punta dal metallo. Successivamente, basterò tracciare con la stessa penna una linea su un foglio bianco:

  • se la linea è marrone chiara e dopo pochi secondi verde, l’oro è sotto i 10 carati;
  • se la linea è marrone chiara, l’oro è 10 carati;
  • se la linea è marrone scura, l’oro è 14 carati;
  • se la linea è arancione, l’oro è 18 carati;
  • se la linea è gialla, l’oro è 22 carati;
  • se la linea è rossa, l’oro è 24 carati.

Per capire come calcolare il valore dell’oro al grammo, è necessario quindi stabilire il peso dell’oro in grammi. È importante procurarsi una bilancia specifica: non si tratta della normale bilancia utilizzata per cucinare, ma di un bilancino apposito che può essere acquistato presso un gioielliere. Gli oggetti devono essere pesati in gruppi divisi per carati, posizionati sulla bilancia.

Una volta conosciuto il valore al grammo, basterà cercare online il prezzo al grammo o al kg: in questo caso, basterà dividere il valore per 1000. Si moltiplicherà poi il prezzo al grammo, con i grammi di peso del gruppo di gioielli di quel determinato carato. Se si hanno 10 grammi di oro 18 carati e il prezzo dell’oro 18 carati è pari a 20 euro al grammo, si dovrà ricevere una cifra di 200 euro, senza dimenticare che l’oro usato viene pagato il 75% in meno rispetto all’oro nuovo.

Per rivendere presso un compro oro i propri gioielli, basterà lasciare che l’addetto faccia le dovute verifiche. Verrà quindi richiesto un documento di identità e il codice fiscale, oltre alla compilazione di un modulo apposito con la descrizione degli oggetti. In questo modo, le forze dell’ordine potranno eseguire eventuali controlli sugli oggetti venduti.

Come si calcola il valore dell’oro al grammo