Ikea lancia il Black Friday green: ricompra mobili usati e ci paga. Come funziona il Buy Back

Ricomprare i mobili usati per dare loro una seconda vita. Ecco il programma Buy Back di Ikea, che ricompra i vecchi mobili usati e ci regala in cambio buoni acquisto

Ricomprare i mobili usati per dare loro una seconda vita, proprio come succede per i vestiti. Ikea ancora una volta stupisce tutti e lancia il suo Black Friday alternativo e sostenibile per aiutare l’ambiente con la speciale campagna Buy Back.

Ikea lancia il Black Friday green

Il colosso svedese dei mobili low cost annuncia la campagna #GreenFriday che, in occasione del Black Friday, inviterà i clienti a rivendere i propri mobili Ikea usati per dare loro una seconda vita. È una presa di posizione forte, frutto del percorso intrapreso dall’azienda per diventare un business circolare entro il 2030, in favore dell’ambiente.

345 centri di vendita in 42 Paesi, gran parte dei quali in Europa, dove realizza il 70% del suo fatturato (ma opera anche in Usa, Brasile, Canada, Asia, Emirati Arabi Uniti, Australia e Marocco), Ikea ha sempre avuto una visione “avanti”, con l’obiettivo di promuovere stili di vita più semplici e accessibili, per tutti, senza perdere qualità e leggerezza. A giugno, aveva persino restituito gli aiuti di Stato a 9 Paesi ricevuti per l’epidemia Covid.

“La crisi climatica ci impone di ripensare radicalmente le nostre abitudini di consumo” ha detto Pia Heidenmark Cook, Chief Sustainability Officer del Gruppo Ingka. “Essere circolari è un’ottima opportunità di business e, al tempo stesso, una responsabilità”. Già, perché un’economia circolare si può raggiungere solo attraverso gli investimenti e la collaborazione con i clienti, le altre imprese, le comunità locali e i governi, in modo da azzerare i rifiuti e innescare un ciclo di riparazione, riutilizzo, riadattamento e riciclaggio.

Il modello sostenibile di Ikea

Ikea, che ha anche appena lanciato un maxi piano assunzioni per diplomati e laureati, punta a un modello di economia circolare e la trasformazione delle attività retail è una tappa di questo percorso.

La campagna aiuterà Ikea a raggiungere l’obiettivo di diventare un business circolare e di avere un impatto positivo sul clima entro il 2030, termine entro il quale tutti i prodotti Ikea saranno realizzati con materiali rinnovabili o riciclati.

L’azienda ha sottoscritto le finalità della Exponential Climate Action Roadmapper, che delinea la trasformazione economica globale necessaria per rispettare gli impegni dell’Accordo di Parigi entro il 2030: cioè, dimezzare le emissioni di gas serra in termini assoluti entro il 2030.

Avere un impatto positivo sul clima significa ridurre le emissioni di gas serra di una quota superiore a quella prodotta dalla catena del valore di Ikea. Il brand eliminerà le emissioni di gas serra in linea con le prescrizioni dell’Accordo di Parigi; adotterà metodi per lo stoccaggio del carbonio attraverso il terreno, le piante e i prodotti; ridurrà l’impronta climatica di una percentuale superiore a quella della sua intera catena di valore; e collaborerà con altri interlocutori per contenere l’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5°C.

Buy Back Ikea: date e come funziona

La campagna Buy Back di Ikea per l’ambiente, in questo Black Friday alternativo, prenderà il via in Italia dal 27 novembre al 6 dicembre in tutti i 21 store sul territorio nazionale.

Attualmente il 45% delle emissioni totali di CO2 nel mondo deriva dal modo in cui vengono realizzati e utilizzati i prodotti d’uso quotidiano, come i mobili. Favorendo la vendita e l’acquisto di mobili di seconda mano possiamo limitare il loro impatto sull’ambiente, allungandone il ciclo di vita.

I mobili che non sono più necessari all’interno di una casa possono rivivere in un’altra abitazione, con un vantaggio per chi li rivende e chi li acquista. Il Black Friday alternativo di IKEA vuole alimentare questo circolo virtuoso, in favore di un consumo sempre più consapevole e sostenibile, sia per il pianeta che per il portafoglio dei consumatori.

I clienti che desiderano vendere i propri mobili Ikea usati potranno consultare la pagina del sito dedicata, verificare le condizioni del servizio di riacquisto ed effettuare una pre-valutazione del prodotto prima di recarsi in negozio per la valutazione finale e la consegna.

Chi consegna a Ikea i propri mobili usati riceverà un buono acquisto da spendere in negozio. In base alle condizioni dei mobili, il buono può ammontare fino al 50% del prezzo originale dell’articolo.

Nel periodo del Black Friday, per i soci IKEA Family che rivenderanno i propri mobili di seconda mano, il valore del buono sarà maggiorato di un ulteriore 50% rispetto alla valutazione ricevuta.

Il buono potrà essere utilizzato entro 2 anni dal momento del rilascio, offrendo ad ogni cliente la possibilità di spenderlo solo dopo aver valutato accuratamente le proprie reali esigenze di acquisto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Ikea lancia il Black Friday green: ricompra mobili usati e ci paga. Co...