Anche i siti internet inquinano e non poco

Se tutto il web fosse uno stato, sarebbe uno dei più inquinanti. Strategie e consigli per un web design ecosostenibile e a basso impatto energetico

Foto di Alessandro Mariani

Alessandro Mariani

Giornalista professionista

Nato a Spoleto, dopo una laurea in Storia e una parentesi in Germania, si è stabilito a Milano. Ha avuto esperienze in radio e in TV locali e Nazionali. Racconta la società, con un focus sulle tematiche ambientali.

Negli ultimi anni, la consapevolezza sull’impatto ambientale del web design è cresciuta considerevolmente. Non è più sufficiente creare siti web attraenti e funzionali; ora è importante considerare anche l’efficienza energetica e la riduzione delle emissioni di CO2. Secondo il Global Carbon Project, se il web fosse una nazione, sarebbe al terzo posto per consumo di energia elettrica e al quarto per inquinamento, dopo Cina, USA e India. Pertanto, è necessario adottare strategie e pratiche che rendano il web più sostenibile e che riducano la sua carbon footprint.

L’impatto del Web Design sull’ambiente

Il web design, se non ottimizzato correttamente, può contribuire in modo significativo alle emissioni di CO2 e al consumo energetico. Secondo la Green Software Foundation, il web design potrebbe rappresentare circa il 20-30% del consumo totale di energia e delle emissioni di CO2 di un sito web. Questo è dovuto principalmente alle dimensioni dei dati trasferiti, che influenzano il consumo energetico dei dispositivi, delle infrastrutture di rete e dei data center. Pertanto, è necessario adottare pratiche di web design sostenibile per ridurre l’impatto ambientale.

L’importanza della riduzione delle dimensioni delle pagine e delle immagini

Una delle principali strategie per ridurre l’impatto ambientale dei siti web è ridurre le dimensioni delle pagine. Ciò può essere ottenuto ottimizzando le immagini, riducendo al minimo l’uso di script di terze parti e ottimizzando il codice HTML, CSS e JavaScript. Ridurre le dimensioni delle pagine consente di ridurre il consumo energetico durante il trasferimento dei dati sulla rete, contribuendo così alla riduzione delle emissioni di CO2, che rappresenta un vero e proprio obbiettivo per l’Europa. Il Parlamento europeo ha adottato, infatti, una serie direttive fondamentali per proseguire il percorso intrapreso per ridurre le emissioni di gas serra di almeno il 55%

Un altro aspetto importante per un web design sostenibile è l’ottimizzazione delle immagini e dei contenuti multimediali. Le immagini ad alta risoluzione e i video sono spesso responsabili di una grande quantità di dati trasferiti e di un elevato consumo energetico. Ridurre le dimensioni delle immagini, comprimere i video e utilizzare formati più efficienti dal punto di vista energetico, come il formato WebP, può contribuire a ridurre significativamente le dimensioni delle pagine e l’impatto ambientale. Inoltre, limitare l’uso di animazioni complesse e di effetti visivi che richiedono un carico aggiuntivo può aiutare a ridurre ulteriormente il consumo energetico del sito.

Ottimizzazione del codice e la sfida della compatibilità con dispositivi mobili

Un altro aspetto cruciale per un web design sostenibile è l’ottimizzazione del codice e delle risorse esterne. Ridurre la quantità di codice e migliorarne l’efficienza può contribuire a diminuire il consumo energetico del sito. Inoltre, limitare l’uso di risorse esterne, come i plugin e gli script di terze parti, può contribuire a ridurre il carico del sito e a migliorare le prestazioni complessive.

Con l’aumento dell’uso di smartphone e tablet per la navigazione web, è fondamentale che il web design sia ottimizzato per la compatibilità con dispositivi mobili. Social come TikTok e Instagram, ad esempio, emettono 2,3kg/min e 1,05kg/min di Co2. Un design responsivo e leggero non solo migliora l’esperienza dell’utente, ma contribuisce anche a ridurre il consumo energetico, poiché i dispositivi mobili hanno risorse limitate. Ridurre il carico delle pagine, limitare l’uso di animazioni e ottimizzare le immagini sono solo alcune delle pratiche che possono essere adottate per rendere il sito mobile-friendly e sostenibile.

L’impegno delle aziende e delle start-up

Molte aziende e start-up si stanno impegnando attivamente per rendere il web più sostenibile. Ad esempio, Reply, un’azienda leader nel settore del software e delle tecnologie ICT, ha un team dedicato allo studio di metodologie di green web design. Questi sono solo esempi di come le aziende stanno cercando di contribuire a un web più sostenibile e a basso impatto ambientale. Oppure la startup Dedalo Ai, che è nata proprio con l’intento di diminuire il più possibile il consumo energetico dei siti web.

Oltre agli sforzi delle aziende e dei professionisti del settore, è fondamentale educare gli utenti sul concetto di web sostenibile. Gli utenti stessi possono contribuire adottando comportamenti responsabili durante la navigazione online. Ad esempio, evitare di lasciare aperti inutilmente numerosi schede del browser, disattivare gli aggiornamenti automatici e ridurre al minimo il download di file non necessari sono azioni che possono aiutare a ridurre il consumo energetico e l’impronta ambientale generale. Promuovere la consapevolezza attraverso campagne di sensibilizzazione e fornire informazioni sui comportamenti sostenibili da adottare durante l’utilizzo di Internet può fare la differenza nel promuovere un web più eco-friendly.

L’importanza della misurazione e del monitoraggio

Infine, per rendere il web più sostenibile, è essenziale misurare e monitorare costantemente l’impatto ambientale dei siti web. L’utilizzo di strumenti e software per la misurazione delle emissioni di CO2, il consumo energetico e le prestazioni del sito può fornire dati preziosi per identificare le aree di miglioramento e adottare azioni correttive. Questo processo di misurazione e monitoraggio continuo consente di valutare l’efficacia delle strategie di web design sostenibile implementate e di apportare eventuali ottimizzazioni aggiuntive. Solo attraverso una valutazione costante e un impegno continuo verso la sostenibilità, sarà possibile costruire un web più ecologico e a basso impatto energetico.

Il web design sostenibile è quindi un aspetto fondamentale per ridurre l’impatto ambientale dei siti web e contribuire alla lotta contro il cambiamento climatico. Attraverso pratiche come la riduzione delle dimensioni delle pagine, l’ottimizzazione delle immagini, il miglioramento del codice e l’adozione di strategie compatibili con i dispositivi mobili, è possibile rendere il web più eco-friendly. L’impegno delle aziende, la sensibilizzazione degli utenti e la misurazione costante dell’impatto ambientale sono elementi cruciali per garantire un web sostenibile e a basso impatto energetico. Solo attraverso una collaborazione globale e un impegno condiviso possiamo creare un web che sia bello, funzionale e rispettoso dell’ambiente.