Un premio agli studenti più creativi per ridisegnare un ex polo industriale torinese

A Torino, le Officine S lanciano il loro primo contest creativo: gli studenti di IED, IAAD. e Politecnico ridisegnano gli spazi della storica galleria rimasti ancora “cantiere”

Un contest creativo per ripensare gli spazi volutamente lasciati ancora “aperti” di un ex polo industriale rimesso a nuovo, e ripensato, un anno fa. Succede a Torino, dove l’ex stabilimento SNOS di corso Mortara prosegue nella sua trasformazione grazie ai concept originali dei migliori futuri architetti e designer.

Le Officine S, ribattezzate la “piazza lineare” più lunga d’Europa, inaugurate un anno fa nello storico stabilimento SNOS come cantiere aperto in continua evoluzione, hanno scelto di dare voce a giovani creativi, futuri designer e architetti per creare progetti originali che hanno lo scopo di ridefinire e rimodellare gli spazi di questa storica fabbrica ferroviaria che ancora non sono stati riportati in vita.

Cos’era l’antico SNOS di Torino

Le antiche Officine Savigliano sono rinate nel cuore pulsante della nuova Spina 3 di Torino, dove fino agli anni Novanta sorgevano i grandi stabilimenti produttivi di Fiat e Michelin, immersi nel polmone verde del Parco Dora, parco post-industriale di 456mila metri quadri a due passi dal fiume e dall’omonima stazione ferroviaria.

Lo spazio ha visto nascere e svilupparsi la Società Nazionale Officine di Savigliano, meglio conosciuta come SNOS, una delle più prestigiose società industriali italiane di meccanica, elettrotecnica e carpenteria metallica del Novecento.

Fondata a Torino il 17 luglio 1880, SNOS si specializzò soprattutto nella costruzione di treni e materiali ferroviari, ponti e attrezzature belliche in tempo di guerra. Una realtà che ha segnato indissolubilmente la storia economica e industriale del Dopoguerra, in Italia e in Europa.

Cosa sono le Officine S e perché sono un format nuovo di rigenerazione urbana

Oggi, le Officine S sono uno entertainment center nato dalla riqualificazione delle antiche Officine Savigliano: uno spazio dal passato e dall’anima industriale, vibrante delle reminiscenze meccaniche, elettriche e ferroviarie che scorrevano al loro interno. Oggi, sono una galleria dall’enorme potenziale espressivo e progettuale.

Un format originale di rigenerazione urbana, che coniuga nuove esperienze di intrattenimento, tra food, sport, eventi, appuntamenti culturali, spettacoli unici e attività assolutamente nuove, pensato per tutti i cittadini e anche per chi arriva da fuori.

Una “piazza lineare” lunga 300 metri, tra le più lunghe gallerie d’Europa, per un totale di 12.600 metri quadri di spazi commerciali, che si sviluppa sia all’interno che all’esterno della struttura originale delle storiche Officine Savigliano, conservate nei loro più importanti tratti industriali. All’esterno, una promenade di 160 metri con dehors e spazi tutti da vivere.

Le Officine S nel loro primo anno di vita sono già diventate un nuovo polo attrattivo a Torino, anche grazie alla posizione estremamente strategica che occupano.

Snodo essenziale per il traffico torinese, a pochi minuti dal centro e dalla principale stazione ferroviaria cittadina di Porta Susa, lungo l’asse che porta alle rinnovate OGR, alla nuova sede RAI e al grattacielo di Intesa Sanpaolo, si trova davanti al Parco Dora e accanto alla più piccola stazione dei treni, che attraversa Torino da nord a sud in soli 15 minuti e collega la città con l’aeroporto di Caselle. A pochi passi il MAcA-Museo A come Ambiente dedicato ai bambini, il bellissimo skate park Parco Dora e l’avveniristica Chiesa del Santo Volto. Un’offerta diversificata e a 360°, per tutti.

Residenti, professionisti, studenti, turisti, giovani e famiglie, anziani sono tornati a vivere le storiche Officine Savigliano, che si trasformano in una grande “agorà” dedicata al buon cibo, al divertimento, allo sport, alla cultura e al relax.

Le migliaia di visitatori di Officine S frequentano ogni giorno la galleria anche solo per fruire degli spazi pubblici e del nuovo viale pedonale, che si affaccia sul rinnovato Parco Dora: un’opera di arredo urbano regalata da Policentro e ODOS Group alla città su suolo pubblico, che arricchisce l’edificio e lo trasforma in modo funzionale, diventando anche luogo ideale per ospitare eventi, mercati e feste, sia d’inverno che d’estate, com’è stato ad esempio in occasione di Terra Madre-Salone del Gusto.

Un premio agli studenti di design e architettura

Proprio perché le Officine S sono uno spazio in continua evoluzione, ora hanno voluto affidare ai migliori studenti di Design e Architettura di Torino idee e concept per il progetto di allestimento delle parti alte della galleria. Il successo dell’iniziativa è stato straordinario, al di là di ogni aspettativa.

Alzando lo sguardo mentre si cammina lungo la galleria, tra le vetrine e i locali, si incontra una geometria lineare, un soffitto che procede dritto per 300 metri. Obiettivo del contest a cui partecipano gli studenti è ripensare quegli spazi alti, stravolgendoli ma conservandone anche l’autenticità e l’anima storica e industriale.

Titolo del contest: “Trova la S in una linea retta”, per dare nuovo slancio e forme inattese, mobili, curve, a uno spazio dritto. Il concept è stato ideato e sviluppato da BTREES, new media agency di Ebano spa, leader in Italia nei segmenti social media strategy, advertising, SEO e marketing.

“Vogliamo immaginare soluzioni audaci, con sguardo visionario e, naturalmente, sostenibile” spiega il presidente di Policentro, Massimo Teppa, che ha dato vita alle nuove Officine S e che da oltre 40 anni è presente in Italia e all’estero sul mercato della promozione e dello sviluppo di centri commerciali e polifunzionali. La gestione di Officine S è affidata invece ad Odos Group, tra i più importanti player italiani nel settore commerciale.

“Il concorso rappresenta una raccolta di idee originali che potranno costituire uno spunto per futuri interventi di allestimento, anche temporanei e interscambiabili” spiega Teppa. “E, perché no, se il concept vincitore sarà anche sostenibile da un punto di vista economico e ci saranno adeguati finanziamenti potremo pensare anche di realizzarlo davvero”.

“Sentiamo una grande responsabilità per via dell’importanza storica e industriale del luogo che ospita le Officine S: una vera testimonianza di archeologia industriale, che ha tutti i titoli per entrare nella storia dell’architettura di Torino, richiamando cittadini e turisti” spiega l’architetto Marco Candellieri che ne ha seguito il progetto di ristrutturazione.

“Prima l’edificio ex SNOS era chiuso all’esterno, oggi noi lo abbiamo aperto. Mancava l’anima al grande quartiere di 350mila residenti che ci ospita. Mancava l’idea di piazza, che noi abbiamo voluto ricreare, dando vita alla ‘piazza lineare’ più lunga d’Europa. Ma ci siamo fermati volutamente a una certa altezza. Ora, vogliamo dare spazio ai giovani creativi: vogliamo accogliere le loro idee innovative e sostenibili per far rivivere anche le vetrate storiche, la luce, i soffitti industriali, ripensandoli in chiave contemporanea. E avendo ben chiaro che ridisegnare non è solo architettura e design, ma è a tutti gli effetti una profonda trasformazione sociale e culturale, densa di conseguenze anche sul lungo periodo”.

Stanno già partecipando al contest centinaia di studenti universitari, divisi in 11 gruppi, appartenenti a tre delle più importanti realtà accademiche torinesi che hanno aderito al progetto inserendolo all’interno del proprio percorso didattico: IED, IAAD. e Politecnico di Torino.

Una giuria di esperti decreterà poi il vincitore del contest creativo, valutandone creatività e originalità, forza comunicativa e immediatezza, coerenza con l’identità di Officine S, esaustività e riproducibilità.

Ai vincitori del concorso – a tutti gli studenti che faranno parte del gruppo di lavoro selezionato – le Officine S regaleranno un viaggio a Venezia in occasione della Biennale.

La consegna dei lavori è prevista per il 20 gennaio. Info, regolamento del concorso e documentazione tecnica sul sito ufficiale del contest: contest.officine-s.it