Conti correnti, la guida per evitare quelli più cari: come scegliere l’offerta migliore

Aumentano i prezzi dei conti correnti, ma diverse banche offrono ancora proposte vantaggiose, soprattutto online

Foto di Matteo Runchi

Matteo Runchi

Editor esperto di economia e attualità

Redattore esperto di tecnologia e esteri, scrive di attualità, cronaca ed economia

Una recente indagine ha rilevato un aumento molto importante dei costi dei conti correnti da parte di varie banche attive in Italia. La media presenta prezzi in crescita del 2%. Particolarmente colpiti i giovani, che vedono le loro offerte crescere del 5,5% rispetto al passato.

Nonostante questo scenario, il mercato è molto variegato e la concorrenza non manca. Le banche alternative propongono conti correnti a costi inferiori anche dell’8% rispetto alla media, mentre per i giovani abbondano le offerte a costo zero da parte di diversi grandi istituti. Le offerte online si confermano ancora le migliori, crescono invece i costi per quelle tradizionali.

L’aumento dei prezzi dei conti correnti

Altroconsumo ha elaborato per il Corriere della Sera Economia gli ultimi dati sugli indicatori sintetici di conto annuo della Banca d’Italia, che riguardano i costi dei conti correnti che le banche offrono in Italia. La spesa media delle famiglie in questo ambito è aumentata negli ultimi sei mesi del 2% per le famiglie e i pensionati. Va molto peggio ai giovani, che vedono i costo dei propri conti bancari aumentare del 5%.

Rimane un’enorme differenza tra i conti correnti tradizionali e quelli online, in favore di questi ultimi. Aprire un conto via internet, senza doversi presentare in filiale, permette di risparmiare anche l’80% stando a quanto emerso dalla ricerca. Online, in media, per le famiglie i conti correnti costano 29,61 euro all’anno, con una tendenza in contrasto e un calo negli ultimi mesi dell’8%.

Come detto, sono stati i giovani a subire di più gli aumenti degli ultimi sei mesi. Un +5,5% che si distanzia nettamente ad esempio dal calo del 7,4% riscontrato dalle offerte dedicate ai pensionati. Questo nonostante l’ultimo periodo abbia visto il ritorno di una tipologia di conto corrente per giovani quasi scomparso, quello a costo zero, con Ing che ha seguito l’iniziativa di Bbva.

La guida al miglior conto corrente

La prima certezza che emerge dall’analisi degli strumenti di Altroconsumo è che non esiste un migliore conto corrente in assoluto. Ogni categoria di potenziale correntista, dalle famiglie ai giovani fino a pensionati, avrà a disposizione offerte molto diverse tra cui scegliere. In ogni categoria però, la convenienza sta praticamente tutta dalla parte dei conti online, i cui costi sono infinitamente minori.

Per le famiglie, le tre offerte online migliori sono quelle di:

  • Bbva, Conto Bbva, a costo zero
  • Ing, Conto corrente Arancio/Arancio Più, a costo zero
  • Widiba, Conto Widiba, 20 euro

Per quanto riguarda invece i conti tradizionali per famiglie, la classifica include:

  • Monte dei Paschi di Siena, Conto Mps Mio – Plus, 92,60 euro
  • Credem, Conto Credem Facile, 138,70 euro
  • CheBanca!/Mediolanum Premier, Conto Corrente Premier, 144,36 euro

Tra i conti online dedicati ai giovani, i migliori sono:

  • Bbva, Conto Bbva, a costo zero
  • Banca Mediolanum, Selfy Conto, 5 euro
  • Hello Bank!/Bnl, Hello!Money, 11,90 euro

Per i giovani che scelgono un conto tradizionale invece, le opzioni più convenienti sono:

  • Poste Italiane, Conto Bancoposta Opzione Smart Giovani, 35,25 euro
  • Crédit Agricole, Conto Smart, 43,70 euro
  • Credem, Conto Credem Semplice Under 30, 65,25 euro

I pensionati presentano molte opzioni a costo zero online, che possono però essere di difficile accesso per le persone anziane:

  • Bbva, Conto Bbva, a costo zero
  • Ing, Conto corrente Arancio/Arancio Più, a costo zero
  • Banca Sistema, Si! Conto, 20 euro

Significativamente più costosi però i conti tradizionali a disposizione dei pensionati:

  • Monte dei Paschi di Siena, Conto Mps Mio – Plus, 86,60 euro
  • Credem, Conto Credem Facile, 131,06 euro
  • Bper Banca, On demand, 135,18 euro