Bonus trasporti, in arrivo sconto sul biglietto dei mezzi

Il ministro Andrea Orlando ha fatto sapere durante una conferenza stampa che nel nuovo decreto è presente un bonus destinato ai pendolari

Non c’è solo il bonus contro l’inflazione nel nuovo maxi decreto da 14 miliardi di euro, finanziato soprattutto con il prelievo straordinario degli extra profitti delle aziende energetiche, innalzato al 25%. Nel provvedimento deciso dal Governo il 2 maggio 2022 è entrato anche un bonus per chi si sposta utilizzando il trasporto pubblico locale. Un’agevolazione o uno sconto che riguarda gli abbonamenti di bus, metropolitane e treni.

Bonus abbonamenti dei trasporti pubblici in arrivo: a chi è destinato

Il bonus, ha dichiarato in conferenza stampa il ministro del Lavoro Andrea Orlando, è rivolto a chi utilizza i mezzi pubblici per recarsi nel luogo di lavoro o chi viaggia per motivi di studio.

Con il nuovo decreto, dunque, si lavora sia sul taglio dei costi del carburante, questa volta non solo della benzina e del diesel ma anche del metano, ma anche su incentivi rivolti agli utenti del tpl, e che appartengono a categorie a rischio, con i rialzi dei prezzi dovuti alla crescente inflazione.

Probabilmente sarà richiesto l’Isee per accedere al nuovo bonus trasporti, in quanto il numero uno di via Vittorio Veneto ha fatto sapere che l’aiuto è previsto per attenuare gli effetti della crisi economica sui salari più bassi.

Come sarà erogato il nuovo bonus per il trasporto pubblico locale

Non è ancora chiaro come sarà erogato il nuovo bonus trasporti destinato a chi si muove su bus, metro e treni per motivi di studio e lavoro, e sarà necessario aspettare la pubblicazione del decreto Aiuti sulla Gazzetta Ufficiale e gli eventuali decreti attuativi dei ministeri interessati per avere maggiori informazioni.

Sono diverse le ipotesi in ballo.

  • Sconto al momento dell’acquisto del biglietto presentando la certificazione Isse o l’avvenuta iscrizione agli studi.
  • Detrazione fiscale da ottenere dopo la dichiarazione dei redditi.
  • Rimborso da richiedere su un portale dedicato, sul sito dell’Agenzia delle Entrate o attraverso altri canali.

Bonus mobilità in scadenza: come richiederlo e a quanto ammonta

Fino al 13 maggio 2022, invece, sarà possibile accedere al bonus mobilità sostenibile. Si tratta di un credito d’imposta, istituito con il decreto Rilancio, per chi ha sostenuto spese per l’acquisto di mezzi e servizi di mobilità sostenibile.

È riconosciuto per le seguenti spese sostenute dal 1° agosto 2020 al 31 dicembre 2020.

  • Acquisto di monopattini elettrici.
  • Acquisto di biciclette elettriche o muscolari.
  • Acquisto di abbonamenti al trasporto pubblico.
  • Acquisto di servizi di mobilità elettrica in condivisione o sostenibile (es. car sharing).

Possono usufruire del credito di imposta le persone fisiche che hanno rottamato, contestualmente all’acquisto di un veicolo a bassa emissione di anidride carbonica, anche usato, un secondo veicolo di categoria M1 rientrante tra quelli previsti dalla normativa.

Il bonus mobilità è riconosciuto nella misura massima di 750 euro, anche se verranno distribuiti in rapporto alle richieste e i fondi destinati alla misura, che sono 5 milioni di euro. Qua tutte le istruzioni per richiedere il bonus mobilità sostenibile.

Qua potete trovare tutte le misure contenute nel nuovo decreto Aiuti. Potete invece leggere in questo articolo tutte le nuove decisioni del Governo contro il caro bollette e che riguardano il settore energetico.