Mediaset, svelati i compensi d’oro dei conduttori

Sono stati diffusi i cachet delle star di Mediaset (tutte ben pagate): da Bonolis e De Filippi che sfiorano i 10 milioni, fino ai 2 milioni l'anno della Marcuzzi

Degli stipendi della Rai si sa quasi tutto, con il contratto di Fazio che è diventato un caso politico e il ritorno di Fiorello in Rai pagato a peso d’oro, coi presunti 17mila euro per una clip di due minuti. Cifre alte ma comunque lontane anni luce dai compensi capogiro dei conduttori Mediaset, svelati da ItaliaOggi.

Cifre che “fanno letteralmente impallidire quelli della Rai” e che sfiorano i 10 milioni di euro l’anno per Bonolis, Gerry Scotti e la De Filippi.

ALESSIA MARCUZZI – Lo stipendio più “basso” è quello percepito da Alessia Marcuzzi, che ha una retribuzione legata all’esclusiva. Con 200 mila euro a puntata dell’Isola dei Famosi in prima serata su Canale 5 sarebbe arrivata a guadagnare “solo” 2,4 milioni di euro.

BARBARA D’URSO – Per la conduzione dei programmi in daytime (Pomeriggio 5 e Domenica Live) Barbara D’Urso incassa circa due milioni di euro l’anno. Italia Oggi spiega che il totale annuo dei suoi compensi si aggira intorno ai sei milioni euro con l’aggiunta della fiction La Dottoressa Giò, il Grande Fratello e Live-Non è la D’Urso.

EZIO GREGGIO – Lo stipendio del conduttore storico di Striscia la Notizia Ezio Greggio è praticamente ufficiale, reso noto da un contenzioso nato con l’Agenzia delle entrate: il presentatore guadagna circa 5.750.000 euro ogni 12 mesi.

GERRY SCOTTI – Lo stakanovista Gerry Scotti guadagna quasi 10 milioni di euro l’anno con il preserale, oltre ai prime time e alle telepromozioni. Il conduttore ha poi molte attività come imprenditore nel settore immobiliare e vini e ha uno studio televisivo a Cologno Monzese, il Michelangelo Studio.

MARIA DE FILIPPI – Si avvicina ai dieci milioni anche Maria De Filippi solo per i programmi che conduce: Uomini e Donne, C’è posta per te, Amici, Tu si que vales. Cifra annuale alla quale si aggiungono i ricavi provenienti dalla società di produzione Fascino PGT, di cui possiede il 50% e che produce programmi in cui la De Filippi non si mostra (tanto per farsi un’idea la Fascino nell’anno 2017 ha chiuso con 65,8 milioni di euro di ricavi e 3,4 milioni di utile).

PAOLO BONOLIS – È il vero faraone di Cologno Monzese: il suo contratto prevede una parte fissa molto alta a cui si aggiungono i compensi per il quiz del preserale e dei programmi in prime time. In totale il conduttore romano sfiora i 10 milioni di euro l’anno, i suoi programmi sono poi coprodotti con la Sdl2005, società della moglie Sonia Bruganelli, Marco Bruganelli e dall’Arbobaleno Tre.

Mediaset, svelati i compensi d’oro dei conduttori