Che differenza c’è tra guadagno e ricavo

Ricavo e guadagno sono due grandezze fondamentali per la valutazione della capacità e possibilità di creare reddito da parte di un azienda, un professionista o comunque un'organizzazione.

La differenza fra i due valori, entrambi di natura economica, risiede nella considerazione dei costi. I ricavi rappresentano infatti il valore monetario totale delle entrate, mentre il guadagno è dato dalla differenza fra i ricavi e i costi di gestione di una determinata attività. Si parla di economicità quando i ricavi superano i costi e dunque si genera il guadagno; si è invece nel campo della dis-economicità quando quando i costi sono maggiori dei ricavi. L’ammontare di questi ultimi è calcolabile anche come somma fra costi e guadagno.

L’ammontare dei ricavi equivale al fatturato di una organizzazione, quindi in altre parole al totale degli incassi in denaro che si registrano in un determinato periodo di tempo (in genere si considera un’annualità). Il valore si ottiene moltiplicando la quantità di merce venduta (o prestazioni di servizi effettuate) per il rispettivo prezzo. E’ evidente che questa grandezza rappresenta una discriminante fondamentale nella valutazione della capacità di generare reddito: quanto più sono maggiori i ricavi, tanto più è probabile che l’organizzazione economica produca ricchezza. Tuttavia questo è una dato necessario ma non sufficiente.

L’economicità e con essa la bravura con cui è amministrato un ente economico sono determinati soprattutto dai guadagni, e cioè dalla differenza fra ricavi e costi. E’ questo l’elemento indispensabile nella vita di un’organizzazione che ha come obiettivo la sopravvivenza a lungo termine. Può infatti accadere che i ricavi siano elevati, ma di pari passo lo siano anche i costi necessari a conseguirli. La presenza di un’ ampia fetta di costi riduce o erode totalmente il guadagno, privando un’impresa della sua stessa essenza.

Talune organizzazioni riescono invece ad ottenere notevoli guadagni nonostante non contino su ricavi ingenti; questo è possibile attraverso politiche oculate di gestione dei costi. Per esempio può capitare di osservare un’azienda che conta 1 milione di euro di incassi in un anno e sostiene costi per 900 mila euro, mentre un’altra registra 400 mila euro di entrate e 200 mila di uscite: è evidente che, nonostante i minori ricavi, la seconda è “più economica” della prima, perché riesce ad ottenere maggiori guadagni. E’ poi importante distinguere fra i guadagni lordi, da cui non sono detratte le imposte sui redditi, e quelli al netto delle imposte stesse, che rappresentano l’utile finale, il reale guadagno.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Che differenza c’è tra guadagno e ricavo