Pensioni, rischio sospensione assegni a febbraio: come evitarlo

Pensioni, le scadenze di febbraio: come evitare la sospensione dell'assegno

A febbraio i titolari di  pensioni minime e/o di invalidità, nonché di accompagnamento e assegni sociali, potrebbero non ricevere gli importi spettanti a partire dalla fine del mese. L’erogazione degli assegni previdenziali, infatti, per queste categorie è legata all’invio del modello Red, ICRIC, ICLAV o Acc-As/Ps, e il mancato rispetto di tale procedura (o un eventuale ritardo) potrebbe addirittura portare alla sospensione della pensione.

L’invio di tali dichiarazioni di responsabilità, ogni anno, spetta al titolare della pensione, tenuto a sua volta a trasmettere tutto all’Inps nei modi e nei tempi previsti dalla legge.

Pensioni, perché gli assegni di febbraio rischiano di saltare

Il pagamento delle pensioni di invalidità civile, dell’indennità di accompagnamento, degli assegni e delle pensioni sociali è subordinato al controllo del rispetto dei requisiti e delle condizioni richieste per ottenerle, cui verifica spetta all’Inps.

Da diversi anni, però, l’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale non invia più la lettera con il modulo da compilare ai pensionati, ma spetta a questi ultimi dimostrare di essere ancora nella posizione di poter ricevere – di diritto – l’assegno spettante. Come? Attraverso l’invio delle dichiarazioni di responsabilità, ovvero tramite il modello RED, ICRIC, ICLAV o Acc-As o Ps.

I moduli sono disponibili online, e sia i pensionati che i percettori di prestazioni previdenziali possono procedere al loro invio rivolgendosi ad un Caf o ad un centro di assistenza fiscale autorizzato. In alternativa, tuttavia, è possibile accedere ai servizi Inps utilizzando apposito Codice Pin Inps, Spid, carta nazionale dei servizi o carta di identità elettronica (senza quindi ricorrere ad un intermediario).

Il modello Red, così come ICRIC, ICLAV o Acc-As o Ps, va inviato entro il 20 febbraio 2020. Tale scadenza, infatti, è stata riportata anche nelle comunicazioni che l’Inps ha iniziato a inviare ai titolari di pensione a partire da settembre, tramite stringa telematica o lettera.

Chi è obbligato a presentare la denuncia di responsabilità? Modello RED

Il modello RED è una dichiarazione che deve essere presentata dai pensionati che usufruiscono di alcune specifiche prestazioni erogate dall’Inps. Serve per indicare i redditi posseduti, anche quelli già denunciati in dichiarazione dei redditi, ma riguarda solo determinate tipologie di entrate, ovvero quelle derivanti da:

  • lavoro dipendente prestato all’estero;
  • lavoro autonomo;
  • prestazioni coordinate e continuative;
  • lavoro a progetto;
  • immobili, terreni e fabbricati;
  • interessi bancari e postali, BOT, CCT, titoli di Stato, quote di investimento;
  • redditi soggetti di ritenuta alla fonte (a titolo di acconto o imposta sostitutiva);
  • prestazioni assistenziali in denaro erogato dallo Stato o dalla Pubblica Amministrazione;
  • arretrati di lavoro dipendente;
  • arretrati di integrazioni salariali di anni precedenti;
  • Tfr e liquidazioni;
  • redditi non soggetti a Irpef;
  • pensioni estere (anche ai superstiti o per infortuni sul lavoro);
  • rendite vitalizie a titolo oneroso – estero;
  • arretrati da pensioni estera.

Modulo Inps ICRIC, ICLAV o Acc-As/Ps

Diverse, invece, sono i presupposti che obbligano all’invio del modulo Inps ICRIC, ICLAV o Acc-As/Ps. Nello specifico:

  • Icric, va inviato per le dichiarazioni dei ricoveri degli invalidi titolari di indennità di accompagnamento;
  • Iclav, va inviato per le dichiarazioni sullo svolgimento di una o più attività lavorative da parte di invalidi civili;
  • Acc-As/Ps, va inviato dai titolari di pensione sociale, che devono dichiarare la loro dimora in Italia o all’estero, ed i titolari di assegno sociale, che dovranno segnalare anche l’eventuale stato di ricovero in una struttura pubblica o privata.

Tutti e tre i moduli sono delle autocertificazioni, necessarie per permettere all’Inps il controllo dei redditi dei cittadini titolari di prestazioni assistenziali e previdenziali il cui importo dipende dalla situazione economica propria o di eventuali familiari a carico.

In quanto dichiarazioni sostitutive, dunque, la responsabilità cade in capo di coloro che sono tenuti a presentare tali moduli, che non solo – ovviamente – non dovranno dichiarare il falso, ma dovranno accertarsi che le informazioni riportate nei modelli presentati si riferiscano tutte all’anno riportato nella procedura.

Attenzione dunque al rispetto dei tempi e delle modalità di invio, poiché un errore potrebbe causare la sospensione dell’assegno pensionistico a partire proprio da questo febbraio.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni, rischio sospensione assegni a febbraio: come evitarlo