Mascherine, dove resta l’obbligo di FFP2 e di chirurgiche fino al 30 settembre

Dal 15 giugno è decaduto l'obbligo di mascherine in tutta una serie di luoghi al chiuso, ma non ovunque. Ecco dove resta e quali bisogna indossare

Foto di QuiFinanza

QuiFinanza

Redazione

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

Dal 15 giugno è decaduto l’obbligo di mascherine in tutta una serie di luoghi al chiuso, ma non ovunque. Non si devono più indossare i dispositivi di protezione delle vie respiratorie, neanche le mascherine chirurgiche, in musei, mostre, cinema, teatro, sport, palestre, piscine, alberghi, ristoranti, centri benessere. Nemmeno in bar, negozi e supermercati, e neanche in occasione di feste e cerimonie a chiuso. Tutto superato.

Un lento ritorno alla normalità, avviato già dopo la fine dello stato di emergenza il 31 marzo scorso, che dovrebbe consentirci di vivere un’estate rilassata. Ma attenzione, perché i contagi Covid stanno ancora una volta risalendo, quindi massima prudenza e se siete in dubbio fate sempre un tampone (qui vi abbiamo parlato dell’aumento di casi gravi anche tra i vaccinati, e a cosa prestare attenzione).

Mascherine FFP2 obbligatorie sui trasporti fino al 30 settembre: ecco su quali

Rimane tuttavia, per decisione del governo Draghi, un limbo: una sorta di “zona grigia” dove vigono ancora le regole precedenti. Quale? Stiamo parlando dei trasporti e delle strutture ospedaliere. Ma vediamo meglio nel dettaglio.

Secondo quanto disposto dall’ultima ordinanza firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza il 15 giugno, resta fino al 30 settembre l’obbligo di indossare le mascherine – e attenzione quelle di tipo FFP2 – per l’accesso ai mezzi di trasporto a breve e a lunga percorrenza, quindi bus, tram, metropolitane, treni, navi, traghetti, e più precisamente:

  • mezzi impiegati nei servizi di trasporto pubblico locale o regionale;
  • navi e traghetti adibiti a servizi di trasporto interregionale;
  • treni impiegati nei servizi di trasporto ferroviario passeggeri di tipo interregionale, Intercity, Intercity Notte e Alta Velocità;
  • autobus adibiti a servizi di trasporto di persone, ad offerta indifferenziata, effettuati su strada in modo continuativo o periodico su un percorso che collega più di due regioni ed aventi itinerari, orari, frequenze e prezzi prestabiliti;
  • autobus adibiti a servizi di noleggio con conducente;
  • mezzi di trasporto scolastico dedicato agli studenti di scuola primaria, secondaria di primo grado e di secondo grado.

Niente mascherina, invece, per i voli, sia nazionali che internazionali, e per le funivie.

Mascherine chirurgiche obbligatorie nelle strutture sanitarie fino al 30 settembre

Resta l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie – questa volta però bastano le mascherine chirurgiche – per i lavoratori, gli utenti e i visitatori delle strutture sanitarie, socio-sanitarie e socio-assistenziali, comprese le strutture di ospitalità e lungodegenza, le residenze sanitarie assistenziali, gli hospice, le strutture riabilitative, le strutture residenziali per anziani, anche non autosufficienti, e tutte le strutture residenziali per anziani.

Questo obbligo tuttavia non sussiste quando, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantito in modo continuativo l’isolamento da persone non conviventi.

In queste strutture resta anche l’obbligo di super green pass: si accede solo con vaccinazione o guarigione da Covid, non con il tampone.

Chi rimane esente dall’obbligo di mascherina

Come già in precedenza, non hanno l’obbligo di indossare le mascherine:

  • i bambini di età inferiore ai 6 anni
  • le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina
  • le persone che devono comunicare con una persona con disabilità in modo da non poter fare uso del dispositivo
  • chi svolge attività sportiva.

Infine, l’ordinanza di Speranza fissa le regole per le mascherine riguardo allo svolgimento degli esami di Stato di terza media e Maturità per l’anno scolastico 2021-2022: durante gli esami scritti e orali non sono obbligatorie (qui abbiamo parlato delle toto-tracce della Maturità).

Dove comprare le mascherine FFP2 a prezzo ridotto

Ricordiamo che le mascherine FFP22 si possono trovare in farmacia, nei supermercati, in alcune tabaccherie e online su vari siti e-commerce (qui le mascherine irregolari e come riconoscere quelle pericolose per la salute).

Su Amazon ad esempio il modello più venduto è mascherine FFP2 IDOIT 20/30PCS CE 2834 5 Strati BFE ≥99% (sigillate singolarmente). Le trovate in 6 colori diversi.

Tra le più economiche si trovano anche le mascherine MEDMASK 100% Made in Italy. Sono mascherine Ffp2 Senza Valvola certificate CE con capacità filtrante BFE ≥99%.

Per quel che riguarda invece i più piccoli, tra i modelli più venduti e affidabili su Amazon ci sono le YIDA Mascherine Ffp2 taglia piccola Monouso 5 Strati certificate CE.

Dove trovare mascherine chirurgiche a un prezzo scontato

Ricordiamo che sono tantissimi i modelli di mascherine in circolazione: si possono acquistare sia online che nei supermercati, in farmacia o nei negozi. Su Amazon per esempio le trovate scontate.

Mascherina chirurgica più venduta:

ALFAMED 50 Mascherine Chirurgiche 100% Made in ITALY Certificate CE, 3 Strati Traspirante Con Nasello Regolabile

Mascherina chirurgica più venduta di colore nero:

BLACK SHIELD 100 Pezzi Mascherine Chirurgiche Certificate CE Nere 3 veli – Dispositivo Medico di Tipo I

Mascherina Amazon’s Choice in tantissimi colori:

Mascherine per bambini colorate: