Come scrivere la lettera di recesso da un contratto

Per recedere da un contratto di qualsiasi tipo, bisogna seguire una procedura: ecco come scrivere una lettera di recesso

Generalmente, quando si stipula un contratto si prevede tra le clausole la possibilità di recedere dallo stesso, comunicando la disdetta nei tempi e nei modi previsti dall’accordo. A meno che il contratto non escluda espressamente questo diritto, è dunque possibile annullare gli effetti dello stesso seguendo una procedura ben precisa, il cui rispetto permetterà di evitare eventuali penali o richieste di risarcimento dalla controparte. Fermo restando la necessità di prendere sempre visione di quanto espresso nel contratto, vediamo in quest’articolo come procedere alla scrittura di una lettera di recesso e quali condizioni rispettare.

Tipologie di recesso dal contratto

I contratti possono avere forme diverse e prevedere clausole specifiche in merito alla loro scadenza e rinnovo. Vi sono contratti che cessano automaticamente alla data stabilita, altri che possono prevedere un rinnovo tacito al termine di ogni periodo, altri ancora che non prevedono alcuna scadenza, ma che permettono di recedere dal contratto in qualsiasi momento previa comunicazione alla controparte. Tutte queste fattispecie sono regolate da ciò che viene esplicitato nell’accordo stesso, pertanto ogni variazione dovrà seguire quanto riportato nella relativa sezione.

Se il contratto indica una data entro cui comunicare l’eventuale recesso, la parte interessata può inviare la propria richiesta in qualsiasi momento, anche con largo anticipo, ma in tal caso la risoluzione avrà effetto a partire dalla data riportata nell’accordo. Non esiste infatti nessuna norma che vieti di esprimere la volontà di recedere dal contratto anche molto tempo prima rispetto a quanto concordato. Ciò è importante soprattutto nei casi in cui sia previsto un rinnovo automatico, una condizione che, se scritta unilateralmente, può rientrare nei casi di clausole vessatorie, poiché permette di impedire il successivo rinnovo comunicando sin da subito la propria volontà di non dare seguito all’accordo.

Se, invece, il contratto non prevede una data di scadenza, è possibile inviare la disdetta in qualsiasi momento e ottenere un effetto immediato. Sono considerati privi di scadenza anche i contratti che indicano una data di cessazione superiore alla ragionevole aspettativa di vita del contraente e, in tal caso, la disdetta è sempre possibile.

Quando è possibile il recesso anticipato

Per tutelare le parti interessate, la legge prevede la possibilità di recedere da un contratto senza preavviso, qualora la controparte risulti inadempiente rispetto all’accordo in essere: si parla in questo caso di recesso anticipato. Può accadere, per esempio, di stipulare un contratto per una fornitura di gas o di energia elettrica, oppure per ricevere un servizio specifico, e di non poter utilizzare quello stesso servizio perché il fornitore non pone in essere le condizioni per farlo.

Quando ciò accade, anche se il contratto dovesse prevedere una precisa data di scadenza o un rinnovo automatico, la parte danneggiata può richiedere l’immediata risoluzione della scrittura attraverso una semplice raccomandata. Si ricorda, inoltre, che per i contratti conclusi fuori dai negozi, per esempio su internet o nel caso di vendite telefoniche e per corrispondenza, la legge garantisce al consumatore la possibilità di recedere entro 14 giorni senza l’obbligo di fornire motivazioni: si parla in questo caso di diritto di recesso o di ripensamento.

Come si scrive una lettera di disdetta

In genere, per recedere da un contratto è necessario comunicare la propria volontà in forma scritta e inviarla tramite raccomandata a/r, fax o posta elettronica certificata. Ma come si scrive una raccomandata di disdetta? In rete è possibile trovare numerosi fac simile di disdetta contratto, talvolta anche sui siti delle stesse aziende fornitrici, da compilare con tutti i dati personali e i riferimenti del contratto e inviare secondo le modalità riportate.

È comunque utile conoscere alcuni consigli utili per evitare di scrivere una lettera di recesso inefficace o di incorrere in errori relativi alla spedizione della stessa. Il primo suggerimento è sempre quello di leggere con attenzione tutto ciò che è riportato nel contratto, in quanto esso deve indicare con precisione le modalità di recesso, eventuali termini e i recapiti ai quali inviare il modulo. Qualora tali informazioni non fossero contenute nell’accordo, è bene inviare il modulo di recesso dal contratto servendosi di un mezzo che assicuri la prova dell’invio: mai utilizzare, dunque, richieste a voce, e-mail ordinarie o telefonate.

Affinché la richiesta di disdetta sia efficace, inoltre, è importante che questa contenga tutti gli estremi affinché si possa risalire al contratto e alle parti che lo hanno sottoscritto. È dunque importante indicare i propri dati personali completi, il codice fiscale e/o la partita IVA (se si tratta di professionisti o aziende), il riferimento al numero di contratto in essere e alla data di stipula dello stesso. Dati incompleti o generici possono rappresentare per la controparte un ottimo appiglio per non concedere la rescissione e, per esempio, per continuare a richiedere il pagamento di canoni periodici.

Attenzione, inoltre, a verificare l’indirizzo corretto al quale inviare il recesso. Può capitare, infatti, che il contratto indichi un recapito diverso rispetto a quello della sede operativa o della mail solitamente utilizzata per altre comunicazioni, e che la spedizione alla destinazione errata renda inefficace la nostra richiesta.

Cause del recesso: vanno indicate o no?

Un’ultima annotazione riguarda la causa del recesso: in linea di massima, non è necessario indicare il motivo per cui desideriamo rescindere il contratto, dunque basta riportare nella lettera quanto sopra descritto senza ulteriori delucidazioni. Diverso è il caso di un recesso per giusta causa, in cui la motivazione è parte fondamentale della disdetta e può risultare utile anche in una eventuale controversia successiva.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come scrivere la lettera di recesso da un contratto