Turisti sempre più green, boom dei viaggi sostenibili: le mete preferite

Secondo uno studio di Deloitte e AICEO sta crescendo l'attenzione degli italiani verso un turismo sostenibile per contrastare gli effetti del cambiamento climatico

Foto di Matteo Paolini

Matteo Paolini

Giornalista pubblicista

Nel 2012 ottiene l’iscrizione all’Albo dei giornalisti pubblicisti. Dal 2015 lavora come giornalista freelance occupandosi di tematiche ambientali.

In Italia, le persone si stanno dimostrando sempre più attente all’ambiente e disposte a pagare un sovrapprezzo per intraprendere viaggi e vacanze sostenibili. Lo rivela uno studio di Deloitte dal titolo “Obiettivo sostenibilità: nuove traiettorie di sviluppo per il turismo italiano”. Lo studio, svolto in collaborazione con AICEO-Associazione Italiana Ceo, analizza l’impatto della sostenibilità sulla filiera turistica italiana.

I risultati della ricerca

Lo studio evidenzia che la maggioranza dei viaggiatori oggi riconosce il valore e la necessità di pratiche di gestione sostenibili da parte degli operatori del turismo. Ma non solo, la maggior parte degli italiani è disposto a pagare un sovrapprezzo, a patto che tali pratiche siano effettivamente riconoscibili ed efficaci. La consapevolezza di tale orientamento deve indurre gli operatori del turismo italiano a consolidare gli interventi fatti finora e ad avviarne di nuovi, anche facendo leva sulle agevolazioni e sui fondi disponibili legati alla transizione ecologica.

Turismo Sostenibile a difesa del clima e delle comunità locali

Sono gli effetti del cambiamento climatico a spingere gli italiani a scegliere di viaggiare in maniera più sostenibile. Ed è soprattutto la Gen Z che prende seriamente in considerazione viaggi green per non impattare sul clima. A spingere a una forma di “turismo sostenibile” è soprattutto il desiderio di tutela del territorio con l’obiettivo di preservare l’ambiente e la cultura di un luogo, e la volontà di riduzione dell’impatto ambientale tramite mezzi di trasporto ecologici.

Inoltre, gli italiani prediligono mete turistiche italiane con l’obiettivo di incentivare il turismo di prossimità e riscoprire i borghi del nostro Paese.

Comportamenti sostenibili anche in vacanza

In base allo studio di Deloitte la maggior parte delle persone è consapevole dell’impatto ambientale delle proprie azioni, anche quando si tratta di vacanze e la maggior parte adotta comportamenti sostenibili anche fuori casa. Sono comportamenti spesso mutuati dalle abitudini sviluppate in casa, come la riduzione degli sprechi tramite il riutilizzo delle bottiglie plastica, la riduzione del consumo di acqua ed elettricità. Oppure l’attenzione verso la scelta di mezzi di trasporto poco inquinanti sia per raggiungere la propria destinazione, sia durante il soggiorno, ad esempio scegliendo la bicicletta o i mezzi pubblici per spostamenti locali quando possibile.

L’importanza di comunicare efficacemente la sostenibilità

La sostenibilità, dunque, ormai è un fattore importante per dirsi soddisfatto della propria esperienza di alloggio e di viaggio. Dalla ricerca emerge però che è difficile trovare con facilità informazioni sulle pratiche sostenibili delle strutture alberghiere o dei mezzi di trasporto. Ma non solo: i turisti segnalano anche una mancanza di chiarezza nella comunicazione. Comunicare in modo efficace, invece, è estremamente importante. Infatti, sempre più italiani sono orientati a scegliere strutture che rendono disponibili le proprie informazioni sulle politiche ESG. Inoltre, la presenza di una certificazione di sostenibilità è un’importante leva per la scelta o meno di una struttura ricettiva.

Migliorare l’offerta del turismo sostenibile

Una parte importante verso un turismo più sostenibile deve però essere recitato anche dai siti di booking online e più in generale dalle agenzie di viaggio. Grazie al loro lavoro possono migliorare la segnalazione delle strutture con certificazioni sostenibili per facilitare il turista. Ma quali sono le soluzioni di viaggio sostenibili?

Albergo diffuso

Come spiegato nell’articolo, sempre più persone stanno riscoprendo i borghi antichi del nostro Paese, questo è dovuto anche ai sempre più numerosi alberghi diffusi. Grazie a queste soluzioni è possibile trascorrere un lungo periodo di vacanza impattando in misura ridotta sull’ambiente.

Gli alberghi diffusi sono tipici dei piccoli borghi, non sono lontani dai centri storici e spesso mettono a disposizione mezzi di locomozione sostenibili per poter raggiungere in completa autonomia i luoghi che il turista vuole visitare.

Montagna

La montagna è un ottimo modo per allontanarsi dal caos e dalla confusione della città. Questa è la vacanza ideale per sfuggire all’inquinamento, anche sonoro, che caratterizza i grandi centri. Qui si può tornare in contatto con la natura e muoversi senza inquinare, grazie all’ampio utilizzo di biciclette su sentieri battuti o, se si è appassionati, anche a cavallo.

La montagna è una meta adatta a ogni stagione, infatti, a seconda del periodo dell’anno, l’ambientazione e le attività da fare cambiano.

Scegliere un mare incontaminato

Vacanza al mare non significa necessariamente andare nei posti più affollati durante la stagione. Si può scegliere una destinazione diversa e provare la natura selvaggia di spiagge meno conosciute, affittando anche delle residenze ecocompatibili nei pressi della spiaggia per avere un’esperienza unica.

È importante non considerare servizi e comodità a cui si è sempre abituati in modo da entrare a stretto contatto con una natura diversa e un mare che non si è mai visto prima.