Quanto costa la fattura elettronica

State per avviare un'attività imprenditoriale e vorreste sapere quanto vi costa la fattura elettronica? Dipende...

Al momento del lancio, uno dei maggiori timori dei milioni di attività produttive e professionisti soggetti all’obbligo di fatturazione elettronica riguardava un eventuale aumento dei costi per la gestione del servizio. È iniziato così un dibattito sui costi della fattura elettronica che, nella gran parte dei casi, ha finito con lo spaventare i contribuenti senza fornire informazioni accurate.

L’emissione di una fattura elettronica, infatti, non comporta alcun costo. Il servizio di ricezione e inoltro del documento fiscale, infatti, è gestito dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con Sogei e non prevede che i contribuenti – o gli intermediari cui si rivolgono – paghino alcunché. La fattura elettronica, dunque, è gratis. A patto, però, che si sia in grado di predisporre il file della fattura autonomamente (partendo dal modello XML dell’Agenzia delle Entrate) e che si utilizzi il servizio di invio predisposto dalla stessa Agenzia delle Entrate.

Un’operazione che richiede competenze tecniche e fiscali avanzate, e che potrebbe anche costare caro nel caso si commettesse qualche errore. Per questo motivo, è sempre consigliabile utilizzare degli strumenti che aiutino a compilare in maniera corretta la fattura elettronica e inviarla senza correre il pericolo di multe e sanzioni. Scegliendo software gestionali-amministrativi, si sarà in grado di inviare tutte le fatture elettroniche che si vogliono pagando un piccolo abbonamento annuale.

Costo fattura elettronica professionista

Una strada che aziende e professionisti possono seguire per emettere fattura elettronica è rivolgersi a un intermediario che si occupi della loro gestione finanziaria e contabile occupandosi anche dell’elaborazione e dell’invio delle fatture elettroniche.

Anche in questo caso, ovviamente, ci saranno dei costi da sostenere e varieranno in base al numero di fatture da emettere ogni anno e alla complessità del lavoro che si chiederà al professionista. I costi della fatturazione elettronica rivolgendosi a un professionista vanno mediamente da qualche centinaio di euro fino a superare la soglia dei 1.000 euro. Ovviamente, si tratta di cifre indicative per la gestione di una piccola attività imprenditoriale; nel caso di aziende di grandi dimensioni i costi sono destinati ad aumentare.

Costo software fattura elettronica

Come già accennato, un’altra strada è rappresentata dai software gestionali che, oltre a poter essere utilizzati per l’emissione di fatture elettroniche, offrono anche strumenti per la contabilità e il tracciamento dei pagamenti dei clienti. Scegliendo Libero SiFattura, ad esempio, si potranno creare modelli di fattura elettronica personalizzata da utilizzare ogni volta che si vuole. L’utilizzo del gestionale targato Italiaonline è alla portata di tutti: intuitivo e “facile” da navigare, non richiede lunghi tempi di apprendimento e mette a disposizione decine di funzioni utili a migliorare l’organizzazione aziendale.

Inoltre, scegliendo questa opzione, si avrà la certezza che il costo sarà fisso per tutto l’anno, indipendentemente dal numero di fatture elettroniche generate o ricevute. Il piano Lite, che offre funzionalità base del gestionale e la possibilità di inviare un numero infinito di fatture elettroniche, ha un costo di 29 euro+IVA ogni anno; il piano Pro, che aggiunge le funzionalità avanzate del gestionale (inclusa la possibilità di tracciare gli insoluti) e la pagina di presentazione professionale, ha un costo di 49 euro+IVA ogni anno.

Per i contribuenti che rientrano nelle categorie dei minimi o forfettari, invece, possono optare per il piano Basic – completamente gratuito –, che mette a disposizione funzioni base del gestionale e la possibilità di ricevere gratis le fatture elettroniche legate alla propria partita IVA (e codice destinatario SDI).