Come detrarre e dedurre le donazioni a un’organizzazione no profit

Le donazioni a favore della Fondazione Telethon possono essere sottratte al reddito prima di calcolare l'imposta da pagare

Informazione promozionale – L’Agenzia delle Entrate riconosce uno "sconto" fiscale per i versamenti effettuati a favore di organizzazioni non-profit. Alcuni di essi sono detraibili, altri deducibili dalle imposte sui redditi. Si tratta delle cosiddette erogazioni liberali, donazioni che i  contribuenti possono effettuare nei confronti di Onlus, università e scuole, enti di ricerca, Chiesa o altro istituto religioso autorizzato, associazioni sportive, al fine di sostenere economicamente il proseguo dell’impegno sociale, civile, scientifico portato avanti da tali soggetti.
Ai contribuenti che sostengono con le erogazioni liberali determinate categorie di enti di particolare rilevanza sociale, il nostro ordinamento riconosce loro delle agevolazioni fiscali sia sotto forma di detrazioni d’imposta che di deduzioni dal reddito imponibile Irpef.

Le donazioni a favore della Fondazione Telethon rientrano a pieno titolo tra le spese deducibili dai propri redditi, ovvero si tratta di spese che possono essere sottratte al reddito prima di calcolare l’imposta da pagare.
Vediamo le norme e lche regolano la deduzione dalla dichiarazione dei redditi delle erogazioni liberali devolute a supporto dell’attività della Fondazione Telethon.

AGEVOLAZIONI FISCALI PER I PRIVATI
I privati possono dedurre le donazioni in denaro e in natura erogate a favore della Fondazione Telethon (come da DPCM attuativi), per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui (art. 14 comma 1 del Decreto Legge 35/05 convertito in legge n° 80 del 14/05/2005).

AGEVOLAZIONI FISCALI PER LE AZIENDE
Le imprese possono dedurre:
– le donazioni in denaro e in natura a favore della Fondazione Telethon (come da DPCM attuativi) per un importo non superiore al 10% del reddito complessivo dichiarato e comunque nella misura massima di 70.000 euro annui (art. 14 comma 1 del Decreto Legge 35/05 convertito in legge n° 80 del 14/05/2005).
– OPPURE, possono dedursi le erogazioni liberali per un ammontare complessivamente non superiore al 2 per cento del reddito d’impresa dichiarato (art. 100 c 2 lett. a TUIR e risoluzione 74 del 29/07/2014). La disposizione è particolarmente adatta per imprese di grandi dimensioni che intendano donare importi elevati.

INOLTRE, possono dedursi integralmente e senza limiti di reddito le erogazioni liberali in denaro specificamente destinate allo svolgimento e la promozione di attività di ricerca (art. 1, c 353 e segg, L 266/05 e DPCM attuativi). Questa disposizione è di carattere residuale e può essere assunta qualora la donazione sia di importo superiore ai massimali delle due precedenti, previa condivisione con la Fondazione Telethon.

Importante: le agevolazioni fiscali previste non sono cumulabili tra di loro. Per ottenere la deducibilità i contributi devono essere versati attraverso il sistema bancario o postale, conservando per dieci anni, con la propria dichiarazione dei redditi, il documento idoneo attestante il versamento effettuato (es. contabile bancaria, estratto conto, vaglia postale). Non è quindi ammessa deducibilità per i contributi versati in contanti. 

 Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi online al servizio donatori di Telethon.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come detrarre e dedurre le donazioni a un’organizzazione no&nbsp...