BTP Italia al via: quanto può rendere e perché conviene

Il nuovo titolo offerto dal Tesoro ed indicizzato all'inflazione sarà offerto da oggi sul mercato MOT ed acquistabile anche tramite home banking

Prendono il via oggi le prenotazioni del nuovo BTP Italia, il titolo offerto dal Tesoro e riservato alla clientela retail, che offre un rendimento legato all’inflazione, una caratteristica oggi più che mai apprezzata dai risparmiatori italiani, che arriveranno a percepire cedole vicine al 10% nel 2023, proprio come accade oggi al BTP Italia scadenza maggio 2025, che quest’anno ha pagato cedole prossime al 10%.

Le caratteristiche del BTP Italia

Il titoli offerto dal tesoro è riservato alla clientela retail, anche se è prevista una seconda fase dedicata ad investitori istituzionali, ed ha durata 6 anni (scadenza 22 novembre 2028), un po’ meno degli 8 anni della serie precedente offerta a giugno.

Il tasso minimo garantito pagato dal MEF è pari all’1,6%, stabile rispetto all’emissione di giugno, ma la caratteristica principale di questo titolo è quello di essere agganciato all’inflazione, una peculiarità quanto mai apprezzata oggi dai risparmiatori a causa della forte crescita del caro vita.

Per coloro che sottoscriveranno il titolo in questa fase e lo deterranno fino a scadenza (22 novembre 2028), è previsto un premio fedeltà pari allo 0,8% del capitale investito.

Perché conviene?

La convenienza di questo titolo, in questa fase del ciclo economico, è insita nelle sue caratteristiche, in quanto il legame con l’inflazione mette al riparo i risparmiatori dal depauperamento prodotto dal caro vita.

C’è da tener conto infatti che una emissione precedente (la sedicesima),  scadenza maggio 2025, sta pagando cedole che offrono un rendimento lordo molto prossimo al 10% dal momento che l’inflazione è crescita progressivamente, arrivando a sfondare questa soglia ad ottobre.

L’inflazione ai massimi dagli anni ’80

L’inflazione è volata ai massimi dagli anni ’80, ma all’epoca l’Italia era nel pieno del cosiddetto “miracolo economico”, mentre oggi la crescita dei prezzi ha carattere esogeno (la guerra in Ucraina e le tensioni sui prezzi dell’energia, la ripresa posto Covid ed i problemi alle catene di approvvigionamento).

Dall’ultimo report disponibile dell’Istat, l’inflazione è balzata ad ottobre all’11,9%, al top dal 1984, ed il carrello della spesa all’8,9%, ai massimi dal 1983. L’inflazione cui sono collegate le cedole del BTP Italia è però l‘indice FOI, quello delle famiglie operaie che escluide i tabacchi, salito a settembre all’8,9%.

Dal momento che l’inflazione è attesa in crescita anche nel 2023, ci si attende che almeno per l’anno venturo le cedole pagheranno circa il 10%, recuperando totalmente il caro vita.

Come acquistare il BTP Italia

Il BTP Italia sarà acquistabile sul mercato MOT di Borsa Italiana da oggi 14 novembre sino a mercoledì 16 novembre (giovedì 17 novembre se si include anche la giornata dedicata agli investitori retail).

Per la sottoscrizione del BTP Italia, oltre a recarsi in banca o all’ufficio postale, possibile anche l’acquisto online mediante il proprio home-banking (di norma con funzione di trading abilitata). Il codice ISIN del titolo per questa Prima Fase è IT0005517187.