Contributi a fondo perduto, come compilare e inviare l’istanza

Per i contributi a fondo perduto, a partire dal 15 giugno è necessario compilare l’apposita istanza dell’Agenzia delle Entrate: come fare

Con apposito provvedimento, l’Agenzia delle entrate ha pubblicato il modello di domanda per richiedere i contributi a fondo perduto previsti dal decreto Rilancio.

Ricordiamo che i contributi spettano ai contribuenti con partita Iva (tranne alcuni soggetti esclusi, anche se potrebbero esservi dei ripescaggi in sede di conversione), e in particolare a imprese, anche agricole, e titolari di reddito di lavoro autonomo, colpiti dall’emergenza da Covid-19, i cui ricavi o compensi, nel periodo di imposta 2019, non hanno superato la soglia di 5 milioni di euro e che, nel mese di aprile 2020, hanno rilevato un “fatturato” o “corrispettivi” inferiori ai due terzi di quelli di aprile 2019.

Le richieste possono essere inviate a partire dal 15 giugno 2020 e non oltre il 13 agosto 2020, direttamente o anche tramite un intermediario.

Come compilare l’istanza

La richiesta del contributo avviene tramite la presentazione di apposita istanza dal 15 giugno 2020 e non oltre il 13 agosto 2020. Il modello di istanza è stato pubblicato dall’Agenzia delle entrate (lo potete trovare qui).

Nell’istanza vanno indicati:

  • il codice fiscale del soggetto che richiede il contributo (e del suo rappresentante legale, nel caso di soggetto diverso da persona fisica ovvero nel caso di minore/interdetto);
  • l’Iban del conto corrente su cui accreditare la somma a titolo di contributo (il conto corrente deve essere intestato o cointestato al soggetto che richiede il contributo);
  • la soglia dei ricavi/compensi conseguiti nel 2019 che troveranno posto nel modello redditi 2020 (periodo d’imposta 2019);
  • il fatturato riferito ad aprile 2019 e ad aprile 2020 ( sulla differenza si applica la percentuale del contributo spettante, vedi pr. precedente);
  • l’eventuale indicazione che l’attività per la quale si richiede il contributo è stata avviata a partire dal 1° gennaio 2019.

Nel caso in cui il contributo richiesto è superiore a 150.000 euro, sarà necessario anche compilare il quadro A del modello relativo alle “verifiche antimafia”. In questo caso sarà necessario indicare i codici fiscali dei soggetti sottoposti alla verifica antimafia.

Si tratta, di fatto, di un’autocertificazione, che consentirà all’Agenzia delle Entrate di erogare il contributo in maniera molto più semplice e veloce, evitando così di burocratizzare eccessivamente la procedura.

Ovviamente, ciò non vuol dire che non ci saranno controlli. Anzi. Come spiegato dalla stessa Agenzia, i controlli sulle domande avverranno in tre fasi e, in caso di irregolarità, si rischiano sanzioni piuttosto pesanti.

Invio dell’istanza di contributo a fondo perduto online

La compilazione e l’invio dell’istanza può avvenire direttamente online o avvalendosi di intermediari come Caf o commercialista di fiducia. In questo caso, l’istanza potrà essere inviata dal commercialista già delegato al “Cassetto fiscale” o al servizio di consultazione e acquisizione delle fattura elettroniche.
L’invio può essere solo telematico ossia non è ammessa la presentazione cartacea della richiesta di contributo.
È possibile utilizzare un software di compilazione apposito o avvalersi direttamente di una procedura web resa disponibile dell’Agenzia delle entrate nel portale “Fatture e corrispettivi”. La procedura da seguire (previo login con le credenziali Fiscoonline  oppure Spid o Carta nazionale dei Servizi)è questa:
  • cliccare sul link “Contributo a Fondo Perduto” presente nella home page del portale “Fatture e Corrispettivi”;
  • cliccare sul link “Predisponi e invia istanza”;
  • inserire le informazioni dell’istanza (codice fiscale, Iran ecc), controllare il riepilogo e cliccare sul tasto “Invia istanza”

Invio dell’istanza, casi particolari

Nel caso in cui il contributo a fondo perduto richiesto sia superiore a 150.000 euro, con obbligo di autocertificazione antimafia, l’istanza va predisposta in PDF, firmata digitalmente. l’invio dovrà avvenire esclusivamente tramite PEC al seguente indirizzo Istanza- CFP150milaeuro@pec.agenziaentrate.it.
Anche l’eventuale rinuncia al contributo deve essere inviata alla stessa PEC. Sempre se il contributo a fondo perduto richiesto sia superiore a 150.000 €.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Contributi a fondo perduto, come compilare e inviare l’istanza