Come leggere la busta arancione inviata dall’Inps per il calcolo della pensione

Ecco come leggere la busta arancione che l'Inps è pronta ad inviare a tanti lavoratori italiani che attendono con ansia di sapere quale sarà il loro futuro pensionistico

La busta arancione consentirà ai lavoratori di simulare l’importo delle loro pensioni future e nel dettaglio avere: età, storia lavorativa, tasse e tempistiche, tutto in base ai contributi versati. Il documento è pronto per essere inviato dall’Inps.

In realtà non sarà recapitato per posta, ma per usufruire di questo servizio è stato predisposto un sistema di riconoscimento online basato su un Pin gratuito personale, che è possibile richiedere sul sito dell’Inps abilitandosi alla sezione Fisconline. Il nome deriva dall’omologo documento svedese che è stato d’esempio, ma vediamo nello specifico di cosa si tratta.

La busta arancione è composta da quattro pagine: nella prima è presente una tabella che indica la simulazione fatta dall’Inps per calcolare la pensione futura. Oltre all’importo mensile lordo, vengono riportati la data prevista di pensionamento e una stima presunta dell’ultima retribuzione.

Nella pagina seguente, ci sarà l’estratto conto dei contributi versati dai datori sino a quel momento, nomi di aziende, ore di lavoro, tempi e importi. Così ogni lavoratore potrà controllare la regolarità delle informazioni riportate e confrontare il tutto con i documenti che possiede, come le ricevute dei contributi versati, se lavoratore autonomo.

In caso di incongruenze è possibile rivolgersi presso gli uffici Inps per delucidazioni. In terza pagina è riportata la simulazione della contribuzione futura stimata, che viene redatta in base al profilo lavorativo del contribuente. Escludendo cambi di lavoro o variazioni, il calcolo viene effettuato a lungo termine basandosi sull’età del lavoratore.

Da questa simulazione vengono esclusi benefici previsti da modifiche legislative, come il possibile anticipo della data del pensionamento o integrazioni di contribuzione autonoma. Nell’ultima pagina, troviamo le indicazioni per procedere con la richiesta del Pin gratuito sul portale ufficiale dell’Inps.

Si potrà così attivare la procedura di simulazione utile al calcolo della busta arancione. E’ possibile inoltre reperire alcuni consigli su come agire in caso di informazioni errate presenti nell’estratto conto e avere una consulenza personalizzata presso le sedi locali dell’ente per chiarimenti o problematiche.

Leggi anche:
Pensioni: 7 milioni di “buste arancioni” in arrivo. A chi e quando

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Come leggere la busta arancione inviata dall’Inps per il calcolo...