Documenti e tempistiche per richiedere la disoccupazione

In questo articolo scoprirai tutte le informazioni utili su come fare la domanda di disoccupazione.

La NASpI (Nuova prestazione di Assicurazione Sociale per l’Impiego), detta anche indennità di disoccupazione, è il principale ammortizzatore sociale introdotto dal D.Lgs. 22/2015, conosciuto come Jobs Act, rivolto a tutti i lavoratori dipendenti o assimilati che perdono involontariamente il lavoro. In questo articolo vedremo tutto quello che c’è da sapere sulla nuova NASpI, a chi spetta, quali sono i requisiti necessari a richiederla, quanto dura, come si calcola, a quanto ammonta l’indennità erogata dall’INPS, nonché tutte le novità introdotte dal decreto Cura Italia del Giugno 2020, dal decreto Agosto e dal decreto Rilancio 2020. Iniziamo subito con il ricordare le due importanti novità riguardanti la NASpI introdotte nel corso dell’ultimo anno, ovvero:

  • Proroga per la presentazione domande di disoccupazione da 68 a 128 giorni;
  • Proroga di 2 mesi. Tutti coloro che hanno la NASpI o DIS.COLL (disoccupazione collettiva) in scadenza hanno diritto a una proroga automatica di 2 mesi;
  • NASpI volontaria. Nonostante il blocco dei licenziamenti, il governo ha stabilito che ai lavoratori dipendenti decisi ad aderire a un accordo collettivo per la risoluzione del proprio rapporto di lavoro sarà ugualmente riconosciuta la NASpI;
  • Proroga di 60 giorni per la presentazione della domanda di incentivo all’autoimprenditorialità;
  • Rivalutazione ISTAT dello 0,4% dell’importo complessivo della NASpI;
  • Compatibilità NASpI- Reddito di cittadinanza. La compatibilità delle misure è confermata, ma l’importo della NASpI è sottratto da quello del Reddito di cittadinanza.

Indennità di disoccupazione: requisiti e beneficiari

La NASpI, ovvero l’indennità di disoccupazione è rivolta innanzitutto alle seguenti categorie di lavoratori:

  • lavoratori dipendenti;
  • apprendisti;
  • soci di cooperativa con rapporto di lavoro subordinato;
  • personale artistico con contratto subordinato;
  • Docenti precari e supplenti;
  • dipendenti a tempo determinato della Pubblica Amministrazione.

Sono invece esclusi dalla NASpI i dipendenti a tempo indeterminato della Pubblica Amministrazione e gli operai agricoli. Le categorie che possono beneficiare della NASpI devono poi soddisfare tre requisiti fondamentali:

  • Stato di disoccupazione. Il lavoratore deve cioè aver perso il lavoro per cause indipendenti dalla propria volontà;
  • Requisito contributivo. Almeno 13 settimane di contributi versati nei 4 anni precedenti il licenziamento;
  • Requisito lavorativo. Almeno 30 giorni di lavoro effettivo nei 12 mesi precedenti il licenziamento.

NASpI: condizioni ed eccezioni al requisito di disoccupazione

Affinché lo stato di disoccupazione sia riconosciuto tale, il lavoratore deve aver comunicato al centro per l’impiego la propria immediata disponibilità al lavoro (DID). La comunicazione oggi può essere inoltrata anche in sede di presentazione telematica della domanda di disoccupazione all’INPS. Il lavoratore deve inoltre iscriversi all’ANPAL (Agenzia Nazionale per le Politiche Attive del Lavoro) e participare alle misure messe a disposizione dall’ente, tra le quali corsi formativi della Regione ed eventi di orientamento. Al primo requisito, inoltre, fanno da corollario alcune eccezioni, per le quali è riconosciuto comunque il diritto all’indennità di disoccupazione, ovvero in caso di:

  • maternità;
  • dimissioni per giusta causa;
  • risoluzione consensuale tramite procedura conciliativa presso la Direzione Territoriale del Lavoro;
  • Licenziamento con offerta di conciliazione entro i termini richiesti dalla legge;
  • Licenziamento a seguito del rifiuto da parte del lavoratore al proprio trasferimento presso altra sede dell’aziende distante oltre 50 km dalla propria residenza e/o raggiungibile con oltre 80 minuti di trasporto pubblico.

NASpI: quali contributi?

Per quanto riguarda il requisito contributivo, va ricordato che i contributi utili alla domanda di disoccupazione comprendono anche i cosiddetti contributi figurativi accreditati per maternità obbligatoria, congedo parentale o astensione dal lavoro causa malattia dei figli fino a 8 anni di età per un massimo di 5 giorni lavorativi in un anno. Non rientrano invece tra i contributi utili, anche se figurativi, quelli per cassa integrazione straordinaria o ordinaria a zero ore, permessi e congedi, detti permessi 104, per assistere un familiare con handicap in situazioni di gravità.

NASpI: ampliamenti al requisito lavorativo

Come per il requisito di disoccupazione, lo stato riconosce alcuni casi in cui i 30 giorni lavorativi nei 12 mesi precedenti il licenziamento possono essere ampliati, e cioè per:

  • malattia e infortunio sul lavoro;
  • cassa integrazione straordinaria o ordinaria a zero ore;
  • congedi e/o permessi 104;
  • maternità obbligatoria;
  • congedo parentale.

Come si presenta la domanda di disoccupazione NASpI

Il lavoratore è tenuto per legge a presentare la domanda di disoccupazione in forma telematica, e in questo modo richiedere l’indennità NASpI, entro un periodo di tempo compreso tra 68 e 128 giorni dalla data di licenziamento, pena la decadenza dello stesso diritto a inoltrare la domanda stessa. Il termine di erogazione dell’indennità di disoccupazione varia dunque in base al giorno di presentazione della domanda:

  • entro 8 giorni dal licenziamento, l’INPS erogherà la NASpI a partire dall’ottavo giorno successivo alla data di cessazione del rapporto di lavoro;
  • dopo 8 giorni dal licenziamento, l’INPS attiverà il servizio a partire dal giorno successivo a quello di presentazione della domanda.

Nei casi di malattia, maternità o infortunio, la decorrenza del pagamento parte dal’ottavo giorno successivo al termine dell’evento, ma a patto che la domanda sia presentata entro l’ottavo giorno. Per presentare la domanda si può usufruire del servizio di compilazione telematica disponibile registrandosi all’area riservata MyINPS, sezione I tuoi avvisi.

Termini di pagamento dell’indennità di disoccupazione

In genere il pagamento dell’indennità di disoccupazione NASpI arriva a partire dal 10 del mese successivo. La data di pagamento cambia comunque in base a quando è stata presentata la domanda e in ogni caso è possibile controllarla tramite una semplice procedura disponibile sul sito dell’INPS accedendo al proprio fascicolo previdenziale, disponibile sempre nell’area riservata MyINPS.

Durata dell’indennità di disoccupazione

La durata massima dell’indennità di disoccupazione NASpI per il 2020 è stata fissata a 24 mesi. In genere l’indennità spetta al lavoratore per un numero di settimane pari alla metà delle settimane contributive degli ultimi 4 anni sottraendo a queste i periodi coperti dai contributi figurativi, in quanto essi hanno già permesso al lavoratore di percepire prestazioni o indennizzi di disoccupazione negli anni precedenti.

Come si calcola l’indennità di disoccupazione

L’importo 2020 dell’indennità di disoccupazione NASpI è pari a 1.227,55€ e non può in ogni caso superare i 1.335,40 €. Per eseguire il calcolo dell’importo spettante, occorre recuperare online dalla propria area riservata INPS il proprio estratto conto contributivo. Dai dati contenuti in esso bisogna prima sommare tutte le retribuzioni imponibili a fini previdenziali percepite negli ultimi 4 anni, dividerle per il numero di settimane di contribuzione e moltiplicare il risultato per un coefficiente pari a 4,33. Se l’importo ottenuto è pari o inferiore a 1.227,55€, l’importo NASpI al quale si ha diritto è pari al 75%. Se l’importo è superiore, al 75% va aggiunto il 25% della differenza tra retribuzione mensile e l’importo soglia.

Va ricordato infine che l’importo NASpI si riduce del 3% a partire dal quarto mese. Quindi se per esempio l’imponibile previdenziale è di 40.000€ e 104 sono le settimane lavorate negli ultimi 4 anni, 40.000/104 (384,16) per 4,33 = 1.663,41. In quanto la retribuzione ottenuta supera l’importo NASpI (1.227,55€), al 75% di quest’ultimo (920,66€) bisogna sommare il 25% ottenuto da 1.633,41 (retribuzione mensile) – 1,227,55 (NASpI), ovvero 108,96€. L’importo mensile NASpI spettante è dunque pari a 1.029,62€.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Documenti e tempistiche per richiedere la disoccupazione