Tariffe dei servizi aggiuntivi in aereo in aumento: i costi

I biglietti aerei costano di più a causa di alcuni rincari "mascherati" con servizi extra che fanno lievitare i prezzi in maniera vertiginosa

Quelli appena passati non sono stati di certo giorni semplici per tutti gli italiani che, con le valigie in mano, erano pronti a partire in aereo verso la meta scelta per le vacanze. Il weekend, infatti, è stato condizionato da numerosi voli cancellati a causa di uno sciopero che ha portato migliaia di italiani a dover riprogrammare le partenze e, in altri casi, ad annullare tutto (qui vi abbiamo detto com’è possibile richiedere il rimborso del biglietto).

L’estate 2022 è segnata dai voli cancellati, dai ritardi e dai passeggeri rimasti a terra, ma è anche la stagione dei rincari anche per i viaggi in aereo. Infatti, oltre a dover fare i conti con gli enormi disagi causati dalle compagnie low cost nelle ultime settimane, è stato registrato l’aumento “mascherato” del prezzo del biglietto per le vacanze.

Le cause dell’aumento dei prezzi dei biglietti aerei

A denunciare l’aumento dei costi dei biglietti aerei è stata Assoutenti, che ha puntato il dito contro i rincari “mascherati” dalle compagnie attraverso servizi aggiuntivi. Secondo l’accusa dell’associazione, infatti, chi oggi compra un biglietto sui siti delle varie compagnie aeree low cost, si ritrova in una vera e propria “giungla” fatta di passaggi a schermate poco comprensibili, servizi aggiuntivi costosi e continue proposte di aggiungere benefit a pagamento.

Tra i costi che fanno lievitare il costo dei biglietti ci sono infatti il bagaglio a mano da portare in cabina (qui vi abbiamo spiegato perché si potrebbe andare sempre più verso il viaggio con questo tipo di bagaglio), servizio extra che costa al viaggiatore fino a 30 euro, così come la scelta del posto a sedere che può arrivare fino a 45 euro o il “fast track” che arriva a costare anche 5 euro.

Non contando le assicurazioni sul viaggio, che ai tempi del Covid in tanti sottoscrivono spendendo anche fino a 40 euro, tutti i servi extra che vengono proposti nelle varie schermate di passaggio dalla scelta del volo al pagamento finale a volte portano i viaggiatori a pagare più del costo stesso del volo scelto.

Assoutenti, nella sua denuncia, sottolinea anche gli altri rincari fantasiosi a carico dei viaggiatori come “la possibilità, alla modica cifra di 3 euro, di bloccare per 48 ore una tariffa online, oppure il “Check-in automatico” (2 euro)”.

Il consiglio degli esperti

La situazione, tra voli cancellati e scioperi annunciati, lascia tutti con l’amaro in bocca. Simone Baldelli, presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sulla tutela dei consumatori e degli utenti, invita a “tenere alta la guardia sui diritti dei passeggeri“, così come a “prestare attenzione ai costi dei vari servizi aggiuntivi che possono far aumentare il prezzo finale dei collegamenti aerei”.

A fargli eco è anche Assoutenti, che ha dato dei consigli ai viaggiatori che si apprestano ad acquistare online i tagliandi per i voli. A loro arriva infatti il suggerimento di “prestare la massima attenzione in fase di acquisto del biglietto aereo, scegliendo solamente i servizi di cui abbiamo effettiva necessità, per evitare che il costo complessivo di tali balzelli arrivi a superare il prezzo del volo”.