Denunce e querele, diventa obbligatorio il deposito online: cosa cambia

Dal 6 febbraio 2021 è obbligatorio depositare gli atti esclusivamente in forma telematica, come stabilito dal decreto del Ministero della Giustizia del 13 gennaio

Con il decreto del 13 gennaio 2021, il Ministero della Giustizia ha imposto la via telematica per depositare gli atti relativi a denunce e querele. La nuova norma, in tema di “Deposito di atti, documenti e istanze nella vigenza dell’emergenza epidemiologica da Covid-19”, fa seguito alle decisioni prese dal dicastero e dal Consiglio dei Ministri dall’inizio della pandemia. Nei vari decreti veniva infatti incoraggiato l’uso della tecnologia per evitare la diffusione del coronavirus dopo lo stop dei tribunali previsto fino al 31 maggio 2020.

Il nuovo decreto del 13 gennaio 2021, pubblicato sul numero 16 della Gazzetta Ufficiale del 21 gennaio 2021, entra in vigore dopo 15 giorni, ovvero il 6 febbraio 2021. È composto da due articoli.

Processo penale telematico: gli atti si depositano online

Il deposito per via telematica degli atti che riguardano un procedimento giudiziario avviene sul portale del pst.giustizia.it. Il nuovo decreto ministeriale firmato da Alfonso Bonafede estende il numero di atti per i quali è prevista la misura telematica. Questa facoltà era già prevista per gli atti e i documenti di polizia giudiziaria, e per le memorie, le istanze e i documenti successivi alla chiusura delle indagini preliminari.

“L’ampliamento degli atti rappresenta un significativo passo avanti per la realizzazione del processo penale telematico realizzato tramite deposito da portale. Si tratta di una nuova importante tappa della profonda opera di modernizzazione della giustizia italiana. Un ringraziamento particolare va agli operatori del settore, ai tanti avvocati, magistrati e al personale amministrativo che in questo momento delicato imposto dalla crisi pandemica, hanno accettato la sfida dell’innovazione digitale e stanno permettendo, con il loro lavoro, il raggiungimento di questi importanti traguardi”, ha dichiarato il Guardasigilli Alfonso Bonafede.

Grazie al lavoro degli uffici coinvolti, si legge sul sito del Ministero della Giustizia, si è già passati dai 20 depositi del mese di maggio 2020 ai 20.895 del periodo compreso tra il 1 dicembre e il 21 gennaio 2021. Il 25 gennaio è previsto l’avvio della fase di sperimentazione “bidirezionale” del portale del processo penale telematico. Sarà infatti possibile non solo trasmettere ma anche consultare e ricevere da remoto gli atti.

Verso il processo penale telematico: cosa cambia il 6 febbraio

I difensori saranno obbligati a depositare esclusivamente in via telematica negli uffici della Procure della Repubblica dei tribunali i seguenti atti a partire dal 6 febbraio 2021.

  • Istanza di opposizione all’archiviazione, prevista dall’articolo 410 del Codice di procedura penale.
  • Denuncia (e relativa procura speciale), prevista dall’articolo 333 del Codice di procedura penale.
  • Querela (e relativa procura speciale), prevista dall’articolo 336 del Codice di procedura penale.
  • Nomina del difensore, rinuncia o revoca del mandato, indicate dall’articolo 107 del Codice di procedura penale.

 

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Denunce e querele, diventa obbligatorio il deposito online: cosa cambi...