Ecco come saranno le auto elettriche del futuro

Il rapporto di IDTechEx prevede che nel giro di vent'anni le auto elettriche genereranno il 76% di tutti i proventi provenienti dal settore dei trasporti elettrici

Foto di Matteo Paolini

Matteo Paolini

Giornalista pubblicista

Nel 2012 ottiene l’iscrizione all’Albo dei giornalisti pubblicisti. Dal 2015 lavora come giornalista freelance occupandosi di tematiche ambientali.

L’industria automobilistica è il settore dei trasporti più grande, con circa 80-90 milioni di auto vendute ogni anno in tutto il mondo. Un parco auto complessivo di circa 1,1 miliardi di veicoli in circolazione è il maggior responsabile delle emissioni, il che ha reso il settore un obiettivo naturale per i responsabili delle politiche ecologiche.

Mentre i progetti delle prime auto elettriche risalgono a un centinaio di anni fa, i mercati delle auto elettriche come li conosciamo ora sono in crescita solo dal 2011. Grazie alle loro dimensioni, i mercati automobilistici creano le maggiori opportunità per gli attori della catena di approvvigionamento dei veicoli elettrici, dai materiali avanzati ai pacchi batteria, all’elettronica di potenza e ai motori elettrici. Inoltre, guidano il rapido ritmo dell’innovazione che consente l’elettrificazione in altri settori dei trasporti, sia nella tecnologia, nella regolamentazione o nei modelli di business.

Il rapporto di IDTechEx prevede che nel giro di 20 anni l’auto elettrica genererà il 76% dei ricavi totali del trasporto elettrico.

Gli scenari futi del mercato elettrico

Le vendite di auto elettriche globali hanno registrato un forte aumento nel 2021, superando i 6,4 milioni di unità, e IDTechEx prevede che nel 2022 raggiungeranno quota 9 milioni. Previsioni positive, nonostante persistano alcune sfide, come la mancanza di chip e i problemi di produzione legati alla pandemia. All’orizzonte si profilano gravi carenze di materie prime fondamentali, in particolare il carbonato di litio. Mentre queste sfide potrebbero influire sulle tempistiche e sul ritmo della transizione, i principali mercati automobilistici sono orientati verso un’unica direzione: la decarbonizzazione attraverso i veicoli elettrici.

Il rapporto IDTechEx

Il rapporto fornisce previsioni regionali (Stati Uniti, Cina, Norvegia, Regno Unito, Francia, Germania, Paesi Bassi, Danimarca, RdM) e tecnologiche. La copertura tecnologica comprende le auto a batteria (BEV), ibride (PHEV e HEV) e a celle a combustibile (FCEV); i veicoli autonomi (L2, L3, L4); le batterie agli ioni di litio (NMC, NCA, LFP, al silicio, allo stato solido); i motori elettrici (PM, WRSM, ACIM, a flusso assiale, In-wheel); l’elettronica di potenza (SiC, Si IGBT); il cablaggio ad alta tensione e le infrastrutture di ricarica.

Mentre l’autonomia diventa un terreno di battaglia fondamentale per differenziare i veicoli elettrici in un contesto di scarsità di batterie, nuovi progressi nel campo dei propulsori si fanno strada. Il rapporto illustra l’aumento delle piattaforme a 800 V, degli inverter al carburo di silicio (SiC), dei sistemi di motori più efficienti e della capacità di ricarica rapida in corrente continua.

Celle e batterie

Il rapporto rivela i progressi e le opportunità delle celle a combustibile nei mercati automobilistici, fornendo previsioni globali a 20 anni. L’impiego delle celle a combustibile nei veicoli non è un concetto nuovo. I principali produttori di automobili, tra cui Toyota, Ford, Honda, GM, Hyundai, Volkswagen, Daimler e BMW, hanno investito ingenti somme negli ultimi 30 anni per far progredire questa tecnologia. Per quanto riguarda le autovetture, lo sviluppo delle celle a combustibile ha comportato enormi sforzi e spese, ma nel 2021 solo due grandi OEM (Original equipment manufacturer), Toyota e Hyundai, hanno in produzione auto FCEV e nel 2021 sono stati venduti meno di 20.000 FCEV.

La diffusione dei veicoli a celle a combustibile deve affrontare sfide considerevoli, tra cui la riduzione del costo dei componenti del sistema a celle a combustibile e la realizzazione di un’infrastruttura sufficiente per il rifornimento di idrogeno. Sarà inoltre essenziale la disponibilità di idrogeno “verde” a basso costo, prodotto dall’elettrolisi dell’acqua con l’utilizzo di energia elettrica rinnovabile, che secondo l’analisi del nuovo rapporto IDTechEx sarà fondamentale per far sì che i veicoli a celle a combustibile rispettino le credenziali ambientali con cui vengono venduti.

Celle e batterie agli ioni di litio avanzati

Le batterie agli ioni di litio derivati ​​su anodi di grafite e catodi di ossido stratificato (Nmc, Nca) sono le più utilizzate nei veicoli elettrici, ma iniziano a raggiungere i loro limiti di prestazione e vengono evidenziati i rischi ambientali e di approvvigionamento, i miglioramenti e le alternative alle batterie agli ioni di litio stanno diventando sempre più importanti.

Gli ioni di litio avanzati si riferiscono agli anodi di silicio e di metallo Li, agli elettroliti solidi, ai catodi ad alto tenore di Ni e a vari fattori di progettazione delle celle.

La previsione di IDTechEx è che gli ioni di litio manterranno la loro posizione di primo piano nel mercato dei veicoli elettrici, in particolare delle auto elettriche a batteria. Tuttavia, sono necessari miglioramenti incrementali nei catodi, negli anodi, nella progettazione delle celle e nella densità energetica.

L’elettronica di potenza

Si stanno compiendo progressi importanti nel campo dell’elettronica di potenza per autoveicoli (inverter, di bordo, convertitori DC-DC) per migliorare l’efficienza del gruppo propulsore, riducendo la necessità di capacità della batteria o migliorando l’autonomia.

Uno dei modi principali per migliorare l’efficienza è quello di passare ai Mosfet di carburo di silicio e alle piattaforme per veicoli ad alta tensione (800 V o maggiori).

Questa transizione mette alla prova i  i materiali dei moduli di potenza, in quanto richiede frequenze di commutazione, densità di potenza e temperature di esercizio più elevate, pur mantenendo una durata di 15 anni.

L’evoluzione dei motori elettrici

I mercati dei motori elettrici sono ancora oggi in evoluzione, con nuovi progetti, una maggiore densità di potenza e di coppia e maggiori considerazioni sui materiali utilizzati. Non si tratta solo di miglioramenti incrementali, con sviluppi come i motori a flusso assiale e vari OEM che hanno eliminato del tutto le terre rare.

I motori elettrici sono caratterizzati da diversi parametri di prestazione fondamentali. La densità di potenza e di coppia consente di migliorare la dinamica di guida in un pacchetto più piccolo e più leggero, dato che il peso e lo spazio dei veicoli elettrici sono molto importanti.

Un altro aspetto fondamentale è l’efficienza del ciclo di guida.  Migliorare l’efficienza significa sprecare meno della preziosa energia immagazzinata nella batteria durante l’accelerazione del veicolo, con conseguente aumento dell’autonomia a parità di capacità della batteria. A causa delle numerose considerazioni sulla progettazione dei motori, il mercato dei veicoli elettrici ha adottato diverse soluzioni, tra cui motori a magnete permanente, a induzione e a rotore avvolto.

Il rapporto rivela le tendenze in termini di tecnologia e topologia dei motori, densità di potenza e di coppia, e utilizzo dei materiali. Questo rapporto affronta tali tendenze all’interno dei mercati per le auto elettriche alimentate a batteria con casi d’uso degli OEM e una visione d’insieme della tecnologia in base al tipo di motore: magnete permanente (PM), induzione, rotore avvolto, magnete permanente in-wheel, magnete permanente assiale.