Definizione agevolata, in discussione rottamazione quater: i destinatari

Attenzione però, non si tratta di una riapertura dei termini della rottamazione ter

Concedere ai contribuenti che hanno intenzione di regolarizzare la propria posizione con il Fisco una possibilità in più per ravvedersi: è questa la proposta di modifica al Decreto Fiscale presentata in questi giorni in Parlamento. L’emendamento in questione, nello specifico, prevederebbe l’introduzione di una rottamazione quarter, che non andrebbe però a riaprire i termine della rottamazione ter e del saldo a stralcio.

Sull’eventualità di approvare una nuova rottamazione per le cartelle esattoriali, comunque, il Governo appare diviso. Tra i membri della maggioranza, infatti, pare che non tutti siano d’accordo sul riconoscimento di un’ulteriore definizione agevolata per i contribuenti in debito con l’Erario.

I critici della rottamazione quarter sostengono che una politica fatta di condoni e sanatorie non farebbe altro che indebolire l’immagine dello Stato, che invece dovrebbe essere più severo e ligio con chi non paga le tasse (e l’inasprimento delle pene per i reati fiscali sono un esempio di come invece si dovrebbe procedere in questo senso).

I sostenitori dell’approvazione di una rottamazione quarter, invece, avallano le loro posizioni sostenendo un Fisco più benevolo e meno gravoso nei confronti di quelle aziende e imprese in difficoltà che, comunque, hanno intenzione di regolarizzare la propria posizione con il Fisco. Ricordiamo infatti che alla definizione agevolata dei debiti (come già succede con la rottamazione ter e con il saldo a stralcio) hanno accesso tutti coloro i quali si trovano in comprovate condizioni di difficoltà economiche. Garantire loro un’altra possibilità per “redimersi”, dunque, equivarrebbe a far tirare un sospiro di sollievo a molti imprenditori in crisi.

L’emendamento in questione è stato presentato dal Partito Democratico che, a tal proposito, ha subito fissato i paletti di accesso alla rottamazione quarter. Quest’ultima, a differenza della rottamazione ter e del saldo a stralcio, sarà riconosciuta solo a chi ha già intrapreso il procedimento di ravvedimento operoso. Un vero e proprio aiuto alle imprese in difficoltà che, in questo modo, potrebbero dilazionare ulteriormente i pagamenti in dieci o venti anni, purché abbiano dichiarato regolarmente le imposte dovute ma si siano trovate nella posizione di non dover pagare per mancanza di liquidità.

Termini e modalità di accesso alla rottamazione quarter verranno definiti in un secondo momento, se e qualora la proposta venisse approvata dal Parlamento.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Definizione agevolata, in discussione rottamazione quater: i destinata...