Quanto costa in bolletta l’aria condizionata? Come risparmiare

Con l'arrivo dell'estate i costi dell'energia elettrica lievitano a causa dell'aria condizionata: ecco dei consigli per risparmiare

Ogni anno è sempre la stessa storia: con l’arrivo dell’estate e con il caldo i consumi in bolletta aumentano a causa dell’aria condizionata. Croce e delizia per milioni di italiani, che cercano di combattere l’afa con l’aria fresca, i condizionatori sono da sempre stati un cruccio per tantissime famiglie che nel trimestre estivo vedono schizzare i costi in bolletta arrivando a settembre con conti salatissimi da pagare. Nel 2022 poi, con l’aumento dei costi della luce, sarà ancora peggio.

Si tratta infatti dell’ennesimo effetto collaterale della guerra in Ucraina che, in molti ricorderanno, era già stato sollevato mesi fa dal presidente del Consiglio Mario Draghi che aveva chiesto agli italiani: “Volete l’aria condizionata o la pace?”. A oggi, né dall’uno né dall’altro fronte si può sorridere, con i costi dell’energia elettrica elevati e il conflitto che continua ad andare avanti.

Aria condizionata, quanto incide in bolletta

L’estate, si sa, è la stagione più calda e una di quelle in cui i costi dell’energia elettrica utilizzata schizzano alle stelle. La causa principale, come detto, è l’aria condizionata che incide molto in bolletta e che quest’anno, più di tutti, sarà attenzionata da milioni di italiani. I consumi di riscaldamento e raffrescamento degli edifici, infatti, secondo i dati Istat valgono circa il 70% della spesa energetica totale delle famiglie.

Nello specifico, fa sapere l’istituto di statistica, nei mesi estivi il peso della bolletta elettrica aumenta sempre più con consumi che di anno in anno sono cresciuti. Nel 2019, per esempio, il consumo è stato pari a 47,31 euro/mese, pari al 34% della spesa energetica complessiva media a famiglia (1.639,72 euro l’anno di media per i consumi energetici dell’abitazione).

Secondo un’indagine di Otovo, specialista nell’installazione di pannelli solari, il condizionatore è su tutti l’elettrodomestico che in media presenta i consumi più alti, con 450 KWh all’anno e una spesa media per famiglia di 120 euro (vi avevamo già dato dei consigli su come cercare di risparmiare sulla bolletta). A seguire i consumi di altri elettrodomestici come il frigorifero (un modello di classe A attivo 24 ore su 24 e 7 giorni su 7 consumerebbe 305 Kwh), il phon (da 1800 Watt utilizzato per mezz’ora al giorno assicurerebbe un consumo di 290 KWh) e la lavatrice (di classe A, con 260 cicli all’anno, produrrebbe un consumo di 240 KWh).

Come risparmiare in bolletta sull’aria condizionata

Tutti quelli citati, però, sono a loro modo indispensabili nella vita di ognuno di noi. L’unico che potrebbe non essere utilizzato, o comunque essere acceso in condizioni limite, è il condizionatore. In estate, quando fa veramente tanto caldo, gli italiani si ingegnano come possibile per cercare di vivere in un luogo fresco sfruttando al meglio i propri condizionatori, ma anche cercando di tagliare i consumi senza rinunciare al comfort.

Ma come si può fare? A correre in soccorso a chi ancora non ha trovato una soluzione ci pensa l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. Per ottenere bollette più leggere, senza però rinunciare a un ambiente fresco, il consiglio è prima di tutto cercare di aumentare di due gradi il settaggio della temperatura interna, portando il termostato da 26 a 28°C. Secondo consiglio utile è quello di chiudere le finestre quando non si è in casa, in modo tale che il fresco accumulato dall’abitazione nelle ore in cui era accesa l’aria condizionata resti all’interno.

Tra gli altri consigli utili su come risparmiare per i condizionatori d’estate c’è ovviamente quello di sostituire un vecchio modello con uno di classe A+++, che permette di risparmiare tanto sui consumi. Se tutto ciò non è possibile, poiché comunque richiede un gran dispendio economico (ma ci sono anche dei bonus, vi abbiamo detto qui a chi spettano), il consiglio è quello di fare sempre una buona manutenzione del condizionatore, cercando di pulirlo per bene per renderlo meno rumoroso e più efficiente.