Pensioni invalidità, arriva l’aumento: quanto vale il nuovo assegno

In concomitanza con la presentazione del Decreto agosto, il Governo ha annunciato il tanto atteso aumento per gli invalidi civili

Non solo misure a sostegno delle aziende e delle attività colpite dal nuovo Coronavirus. Nel Decreto agosto approvato nei giorni scorsi dal Governo (salvo intese) è presente anche un provvedimento che accoglie una sentenza della Corte di Cassazione riguardante le pensioni di invalidità. L’Esecutivo ha più che raddoppiato l’assegno destinato agli invalidi civili dai 18 anni in su, accogliendo così le indicazioni degli Ermellini.

Si tratta di un deciso miglioramento delle condizioni economiche rispetto alle attuali. Oggi, infatti, l’assegno per la pensione di invalidità arriva a circa 285 euro, una cifra ritenuta giustamente insufficiente dalla Corte di Cassazione per garantire loro i mezzi necessari per vivere. L’aumento della pensione di invalidità dovrebbe avere valenza immediata, anche se per l’erogazione del primo assegno maggiorato si dovrà attendere settembre o, addirittura, ottobre.

Aumento pensioni di invalidità: quanto vale l’assegno

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del Decreto agosto, il premier Giuseppe Conte ha dedicato spazio anche all’aumento per l’assegno di invalidità. Rispetto ai 285 euro attuali, l’indennità di invalidità civile salirà fino a un massimo di 651,51 euro (anche se il Primo ministro parla di 648 euro). Sommando questa cifra all’indennità di accompagnamento (520 euro mensili), ecco che l’assegno mensile per gli invalidi civili al 100% arriva a quasi 1.200 euro.

Aumento pensioni di invalidità: a chi spetta

Come affermato dal Premier, l’aumento riguarderà gli invalidi civili al 100% a partire dai 18 anni di età, gli inabili, i sordi e i ciechi civili assoluti. Una platea molto ampia, dunque, per la quale verrà eliminato una volta per tutte il limite di età (in precedenza era fissato a 60 anni), che dovrà però fare i conti con nuovi limiti reddituali.

Come specificato anche dalla Corte di Cassazione, infatti, il nuovo “massimale” potrà essere erogato solo a chi rispetta precisi requisiti economici. Secondo alcune indiscrezioni, l’aumento della pensione di invalidità potrà essere richiesto da chi ha un reddito massimo di 8.469,63 euro (se pensionato celibe) o di 14.447,42 euro (per pesionato coniugato). Se il reddito annuo è superiore, l’assegno resterà di 285 euro, esattamente come oggi.

Probabile, dunque, che l’erogazione del nuovo assegno sarà subordinata alla presentazione di una domanda integrativa, nella quale venga specificato il reddito annuo. Vale la pena sottolineare, comunque, che si tratta di mere ipotesi e che è necessario attendere la pubblicazione di una circolare esplicativa dell’INPS nella quale verranno chiariti tutti i dubbi ancora rimasti ancora insoluti.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensioni invalidità, arriva l’aumento: quanto vale il nuovo ass...