Riscatto laurea con lo sconto, boom di domande

In quattro mesi sono state superate le richieste di tutto il 2018 per il riscatto laurea low cost

Il riscatto della laurea con lo sconto piace. Il nuovo sistema agevolato, entrato in vigore il 29 gennaio di quest’anno grazie all’articolo 20 del dl 4/2019, consente il riscatto fino a cinque anni, anche non continuativi, di contributi per la pensione. Al comma 6 è previsto il riscatto agevolato dei periodi contributivi del periodo di studi, pagando un onere ridotto (circa 5mila euro annui).

Per poter scegliere il riscatto agevolato servono due requisiti: il lavoratore deve avere almeno un contributo versato nella gestione Inps dove intende riscattare e il corso di studi deve collocarsi nei periodi di competenza del metodo contributivo. Ovvero, ai sensi della legge Dini, il metodo contributivo inizia a essere operativo dall’inizio del 1996.

“In soli 4 mesi, da marzo a luglio, secondo i dati più aggiornati dell’Inps, le richieste -riporta Il Messaggero– sono state oltre 32mila, contro le circa 29mila totalizzate nell’intero 2018. La maggior parte arrivano dai lavoratori del privato (27.348), mentre quelle del settore pubblico si fermano a 5.149. L’incremento è stato forte soprattutto nei primi mesi di applicazione della misura: si passa infatti da 5.920 istanze a marzo, il mese in cui sono entrate a regime le nuove norme, a 7.020 in aprile fino alle 8.060 di maggio. A giugno si riscende a 6.267 e a luglio a 5.230″.

In collaborazione con Adnkronos 

Riscatto laurea con lo sconto, boom di domande