Certificazioni Rifiuti Zero: ecco i primi comuni virtuosi

La Certificazione Zero Waste Cities ha l'obiettivo di accelerare le politiche dei rifiuti zero e implementare l'economia circolare nelle città europee

Foto di Matteo Paolini

Matteo Paolini

Giornalista pubblicista

Nel 2012 ottiene l’iscrizione all’Albo dei giornalisti pubblicisti. Dal 2015 lavora come giornalista freelance occupandosi di tematiche ambientali.

El Boalo, Cerceda, Mataelpino (Madrid) e Torrelles de Llobregat (Catalogna) sono i primi comuni in Spagna ad ottenere la certificazione Zero Waste. El Boalo ha ottenuto una stella, mentre il comune catalano ne ha ottenute tre. I Comuni hanno superato un processo di verifica condotto da un ispettore esterno incaricato dalla Mission Zero Academy (MIZA).

La Certificazione Zero Waste

La Certificazione Zero Waste Cities è uno standard europeo valutato da terze parti, sviluppato dall’organizzazione non governativa Mission Zero Academy (MiZA), che è promosso da Zero Waste Europe. L’obiettivo è quello di accelerare la transizione verso politiche dei rifiuti zero e implementare l’economia circolare nelle città europee a livello locale.

L’organizzazione Friends of the Earth Spain

Friends of the Earth Spain è stata il mentore e l’organizzazione di supporto per El Boalo, Cerceda, Mataelpino City Council. L’associazione ha raccolto le iniziative lanciate negli ultimi anni, come la promozione del compostaggio decentralizzato (domestico, comunitario e avicomposting), un servizio di riutilizzo o la raccolta porta a porta nelle abitazioni, negozi e bar & ristoranti. In parallelo, Friends of the Earth è stato auditor del Torrelles de Llobregat City Council.

L’organizzazione Rezero

Rezero è stata l’organizzazione mentore di Torrelles de Llobregat. Questo comune ha più di 15 anni di esperienza nell’implementazione della raccolta porta a porta, compresa quella della materia organica, per tutti i tipi di utenti, sia domestici che commerciali. Inoltre, Rezero è stato l’auditor di El Boalo, Cerceda, Mataelpino.

La promozione di politiche rifiuti zero

Queste due organizzazioni hanno da tempo intrapreso la promozione e la diffusione di politiche per il raggiungimento dei rifiuti zero, al fine di migliorare i sistemi produttivi e di consumo attuali, riducendo l’estrazione delle risorse naturali e la produzione di rifiuti, contribuendo così ad affrontare la crisi climatica ed ecologica in corso. Per queste ragioni, tali enti considerano fondamentali la messa in atto di misure a livello locale.

Le cinque fasi per ottenere la Certificazione

Sono cinque le fasi per ottenere la Certificazione Zero Waste Cities:

  1. la manifestazione di interesse da parte del Comune nel diventare Rifiuti Zero
  2. la fase di candidatura
  3. l’implementazione delle azioni
  4. l’ottenimento della certificazione
  5. la valutazione delle prestazioni per i miglioramenti annuali

Il superamento di ciascuna di queste fasi fornisce ai comuni un supporto continuo e la consulenza di esperti nella gestione dei rifiuti e delle risorse. La valutazione per la certificazione si sviluppa attorno a un sistema di punteggio, che comprende criteri obbligatori e criteri a punti.

I criteri di punteggio sono valutati in base all’ambizione e all’impatto della politica attuata. La somma dei punti definisce il livello di certificazione del Comune e il conseguente numero di “stelle”.

Il mantenimento della certificazione

Dopo aver ottenuto la certificazione, i comuni sono tenuti a monitorare la loro attività e implementare nuove azioni per raggiungere i miglioramenti annuali previsti. Ogni tre anni i comuni sono sottoposti a nuovi audit per confermare lo status della Certificazione e hanno la possibilità di ottenere più stelle fino al raggiungimento massimo di cinque.

Le organizzazioni accreditate

Friends of the Earth Spagna e Rezero, sono due organizzazioni con una vasta esperienza in azioni per il raggiungimento dei rifiuti zero. Entrambe le organizzazioni sono state accreditate da Mission Zero Academy (MiZA) e da Zero Waste Europe per accompagnare i comuni interessati nell’ottenimento della Certificazione Zero Waste Cities ed essere inseriti nella mappa dei comuni rifiuti zero, indipendentemente dalla loro dimensione.

El Boalo-Cerceda-Mataelpino (Madrid) e Torrelles de Llobregat (Catalogna) si aggiungono ad altre città europee già certificate come Bled, Gorje (entrambe in Slovenia) e Capannori, in Italia.

Un esempio per altri comuni

I comuni che finora hanno già ottenuto la Certificazione stanno tracciando la strada e, come sottolineato da Marian Lorenzo, responsabile delle Risorse Naturali e dei rifiuti presso Friends of the Earth Spain, è emozionante vedere queste iniziative crescere e svilupparsi con la partecipazione dei cittadini e la volontà politica, affrontando le difficoltà con immaginazione e convinzione.

Una certificazione per rispondere all’emergenza climatica

Rosa García, direttrice di Rezero, ha affermato che, la Certificazione Zero Waste Cities è un programma utile per i comuni che vogliono affrontare l’emergenza climatica. Questo perché è un ottimo strumento di sviluppo, sia per chi sta iniziando ad intraprendere il percorso verso i rifiuti zero, sia per chi ha già esperienza in questo settore.