Cashback di Stato, tutte le date da segnarsi per avere il rimborso

Martedì 8 dicembre parte il tanto chiacchierato Extra Cashback di Natale introdotto dal Governo con la Legge di Bilancio 2020 per rilanciare i consumi

Domani martedì 8 dicembre finalmente parte il tanto chiacchierato Cashback di Stato, che qualcuno chiama impropriamente “bonus bancomat”.

Come abbiamo approfondito qui, il Cashback è una delle iniziative del Piano Italia Cashless previste dal Governo Conte nella Legge di Bilancio 2020.

Il Cashback offre la possibilità di ottenere un rimborso in denaro in base agli acquisti effettuati, entro un certo periodo e a titolo privato e non professionale, con pagamenti elettronici.

Cashback, i pagamenti ammessi

Il Cashback si applica solo agli acquisti fatti tramite dispositivi elettronici all’interno di negozi aderenti, cioè che partecipino al programma sul territorio nazionale (qui trovate i casi di esclusione).

Partecipano al Cashback le transazioni effettuate tramite POS fisici o altri dispositivi fisici di accettazione di pagamenti, con:

  • carte di credito;
  • carte di debito su circuiti internazionali e su circuito PagoBANCOMAT;
  • carte prepagate;
  • le cosiddette carte fedeltà, ovvero carte e app di pagamento connesse a circuiti privativi e/o a spendibilità limitata (esclusi, quindi, quelli solo per accumulo punti);
  • app di pagamento, come ad esempio Satispay, Nexi o BANCOMAT Pay;
  • altri sistemi di pagamento, come ad esempio Google Pay e Apple Pay (a partire dal 2021).

Qui potete verificare quali carte e app di pagamento potete già attivare.

Cashback, quali pagamenti non sono accettati

Sono esclusi dal piano Cashback questi tipi di pagamenti:

  • tutti i pagamenti effettuati online sulle varie piattaforme (Amazon, eBay, AliExpress, ecc.)
  • tutti i pagamenti effettuati per acquisti nell’ambito di qualsiasi attività d’impresa, arte o professione;
  • tutti i pagamenti effettuati per acquisti presso gli esercenti che non dispongono di un “Acquirer Convenzionato” per partecipare al programma;
  • tutti i pagamenti per acquisti effettuati fuori dal territorio nazionale, inclusi la Repubblica di San Marino e lo Stato del Vaticano;
  • le operazioni eseguite presso gli sportelli ATM, come prelievi, ricariche telefoniche, etc.;
  • i bonifici effettuati tramite SDD (Sepa Direct Debit), cioè gli addebiti diretti su conto corrente;
  • le operazioni relative a pagamenti ricorrenti, con addebito su carta o su conto corrente.

I 4 periodi del piano Cashback

Il Cashback si articola in quattro periodi. Il primo periodo sperimentale, detto “Extra Cashback di Natale”, inizia l’8 dicembre 2020 e termina il 31 dicembre 2020. Successivamente, a partire dal 1° gennaio 2021, sono previsti tre ulteriori periodi della durata di sei mesi ciascuno:

  • Periodo sperimentale-Extra Cashback di Natale: dall’8 dicembre 2020 al 31 dicembre 2020
  • 1° semestre: dal 1° gennaio 2021 al 30 giugno 2021
  • 2° semestre: dal 1° luglio 2021 al 31 dicembre 2021
  • 3° semestre: dal 1° gennaio 2022 al 30 giugno 2022.

Per sapere come aderire al piano Cashback vi rimandiamo ai 4 passaggi necessari da compiere che abbiamo approfondito qui.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Cashback di Stato, tutte le date da segnarsi per avere il rimborso