Le detrazioni fiscali per chi ha animali in casa

Detrazioni Irpef per cani, gatti e altri animali domestici. Come ti "scarico" Fido... dalle tasse

La legge prevede la possibilità di detrarre dall’Irpef il 19% delle spese sostenute per le cure veterinarie prestate a cani, gatti e altri animali domestici (pesci rossi, pappagalli, criceti, ecc.). In fase di dichiarazione dei redditi (modello 730 o modello Unico), dunque, è bene conoscere a quali detrazioni (ovvero quelle spese che possono essere sottratte direttamente alle imposte da pagare) si ha diritto per il possesso e la conseguente assistenza degli animali domestici.

La detrazione compete entro un limite di spesa di 387,34 euro e con una franchigia di 129,11 euro: il limite è complessivo, a prescindere dal numero di animali posseduti, e comprende sia le prestazioni professionali del medico veterinario che la spesa per i medicinali (sia veterinari che quelli, eventualmente, a uso umano). Lo sconto massimo ottenibile è, quindi, di 49,06 euro, il 19% di 258,23 euro (la differenza tra spesa massima e franchigia).

In pratica, chi spende fino a 129,11 euro non recupera nulla: chi spende 330 euro può detrarre il 19% di 200,89 euro (330 meno 129,11), chi spende da 387,34 euro in su può detrarre sempre e comunque il 19% di 258,23 euro.

La detrazione spetta per le spese relative agli animali detenuti legalmente a scopo di compagnia o per la pratica sportiva (come cani, gatti, volatili in gabbia, cavalli da corsa, ecc.) e non invece per quelli destinati all’allevamento o al consumo alimentare (galline), quelli detenuti in casa illegalmente (animali esotici non autorizzati) o utilizzati per attività illecite (per es.: da combattimento).

VEDI ANCHE

Le detrazioni fiscali per chi ha animali in casa