Premi ai dipendenti: in quali casi sono obbligatori

I premi ai dipendenti sono una pratica a discrezione del datore di lavoro, ma ci sono dei casi in cui le gratifiche sono obbligatorie

Il datore di lavoro può scegliere se premiare uno o più dipendenti che nel corso dell’anno si sono distinti per il lavoro svolto. In alcuni casi, però, le gratifiche sono obbligatorie.

Ad esempio, in alcuni contratti collettivi del lavoro è previsto l’obbligo della gratifica al raggiungimento di determinati risultati e in quel caso l’azienda è obbligata a premiare i propri dipendenti. Se non lo fa, il dipendente può portare l’azienda in tribunale o davanti alla Direzione Lavoro, come nei casi di stipendio non pagato.

QUALI SONO I PREMI – Solitamente le gratifiche e i premi si suddividono in tre diverse categorie:

  • premi di produttività, ovvero quei riconoscimenti economici che il datore di lavoro concede ai propri dipendenti che hanno contribuito a far conseguire all’azienda un determinato risultato. Solitamente vengono concessi una volta l’anno per motivi legati alla crescita aziendale e all’incremento della produttività;
  • i premi di rendimento che non sono legati all’andamento dell’azienda bensì ai risultati ottenuti dal singolo dipendente grazie all’impegno mostrato sul lavoro;
  • i premi fedeltà, le gratifiche riconosciute per quei dipendenti impiegati da diversi anni in azienda, legate quindi all’anzianità di servizio.

QUANDO SONO OBBLIGATORI – I premi sono obbligatori quando previsti dal CCNL di riferimento, nel quale solitamente viene indicata anche la tipologia del premio e i modi per calcolarne l’importo.
Quando vengono riconosciuti in maniera abituale, diventando quindi una vera consuetudine per l’azienda, il datore di lavoro ha il dovere di riconoscerle a tutti i suoi dipendenti senza alcuna eccezione, poiché l’uso aziendale ripetuto fa sorgere un obbligo unilaterale di tipo collettivo.

QUANDO NON SONO OBBLIGATORI – I premi sono facoltativi – ed è il datore di lavoro a decidere se e quando pagarli – quando sussistono le seguenti condizioni:

  • non ci sono norme e contratti che prevedono l’obbligo della gratifica retributiva ai dipendenti;
  • quando questa viene concessa in maniera occasionale e quindi non si può definire come prassi aziendale.

Leggi anche:
Luxottica, bonus record ai dipendenti: fino a 3mila euro
Ferrari: bonus da oltre 5mila euro ai dipendenti
Bonus e premi: gli stipendi dei super manager

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Premi ai dipendenti: in quali casi sono obbligatori