Pensione: cedolino di marzo, occhio alle novità Inps

Cedolino pensione: l'INPS comunica tutte le trattenute, i rimborsi e i prelievi effettuati a partire dal rateo di marzo, in ottica di trasparenza

Il cedolino pensione di Marzo 2020 sarà liquidato il giorno 2 sia per coloro che ricevono l’assegno in banca, sia per chi ha l’accredito presso Poste Italiane, visualizzabile online sul sito INPS. L’istituto di previdenza ha avviato peraltro un servizio informativo per aiutare i pensionati ad orientarsi dinanzi ad eventuali scostamenti di importo mese dopo mese, andando a spiegare in dettaglio le voci che compongono l’importo lordo e quello netto.

Cedolino
Mentre proseguono le trattative tra Governo e sindacati sulla riforma delle pensioni, ricordiamo che il cedolino della pensione è il documento che consente ai pensionati di verificare l’importo pagato ogni mese dall’Inps e di conoscere le ragioni per cui tale importo può variare.
Il cedolino è messo a disposizione dei pensionati sul sito Inps: possono accedere a questo servizio gli utenti in possesso delle credenziali di accesso PIN, SPID, CIE e CNS. È possibile consultare il cedolino anche dal proprio smartphone o tablet utilizzando la app INPSMOBILE.

Trattenute e crediti IRPEF
Per quanto riguarda le prestazioni fiscalmente imponibili, oltre all’Irpef mensile, vengono trattenute le addizionali regionali e comunali relative al 2019. Per chi non lo sapesse, queste trattenute, relative all’anno precedente, sono effettuate in 11 rate nell’anno successivo. Da questo mese viene avviata anche la trattenuta per addizionale comunale in acconto per il 2020, che proseguirà fino a novembre 2020.

È stato inoltre effettuato il ricalcolo dell’Irpef pagata mensilmente nel corso dell’anno 2019, in particolare per i pensionati che abbiano percepito nel corso del 2019 altre prestazioni assoggettate a tassazione. Nel caso in cui l’Irpef pagata per il 2019 sia risultata inferiore a quanto dovuto, l’Inps procederà ad effettuare la trattenuta per il recupero dell’Irpef dovuta sul rateo del mese di marzo fino a capienza o, laddove l’importo della pensione non sia sufficientemente capiente, sui ratei mensili successivi.

Altre trattenute
Per le prestazioni collegate al reddito delle gestioni private sono presenti anche le trattenute per recupero indebiti. Si tratta di coloro che hanno ricevuto nel mese di novembre 2019 una comunicazione INPS con il piano di recupero. Stesso discorso per le prestazioni assistenziali ricalcolate in base alle informazioni reddituali 2017 (campagna REDITA2018).

Le principali prestazioni collegate al reddito: integrazione al trattamento minimo, maggiorazione sociale, assegno sociale, corrisposte annualmente in via provvisoria sulla base dei redditi dichiarati e soggette a successiva verifica.

Crediti fiscali
Nel mese di marzo vengono inoltre rimborsati, se spettanti, i crediti Irpef relativi all’anno 2019 nel caso in cui l’Irpef mensile sia stata pagata in misura superiore rispetto a quanto dovuto su base annua.

Prelievi
Infine, per le pensioni di importo elevato anche a marzo è presente la trattenuta prevista per il 2020. E se quella 2019 è stata inferiore al dovuto, viene applicata la seconda rata del recupero (in tutto spalmata su tre ratei).

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Pensione: cedolino di marzo, occhio alle novità Inps