Pasqua 2022, quando chiudono le scuole: i giorni di vacanza

Pasqua 2022, il calendario scolastico (regione per le regione) e i giorni di vacanza confermati dal Miur, le prime festività senza restrizioni dopo l'emergenza

Foto di QuiFinanza

QuiFinanza

Redazione

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

Dopo due anni passati in casa, Pasqua 2022 sarà il primo evento post emergenza pandemica che potrà essere festeggiato senza la minaccia di nuove restrizioni. Il 31 marzo, infatti, verranno meno molte disposizioni anti contagio e molte attività potranno accogliere il pubblico senza particolari restrizioni (qui la road map delle riaperture). Per questo motivo diverse famiglie si stanno già organizzando per trascorre qualche giorno di vacanza insieme ai più piccoli, tenendo conto dei giorni di chiusura delle scuole.

Di seguito, i calendari scolastici (regione per regione) con le sospensioni delle attività confermate dal Miur a Pasqua.

Vacanze di Pasqua 2022, per quanti giorni chiudono le scuole? Il calendario regione per regione

Ogni anno il Ministero dell’Istruzione emana un’ordinanza che contiene le date delle festività nazionali, uguali perle scuole di ogni ordine e grado e stabilisce anche le date di sospensione delle lezioni, in vista di eventi nazionali e occasioni segnati in rosso sul calendario.

L’inizio e il termine delle lezioni, nonché le ulteriori sospensioni, sono determinate secondo il seguente calendario scolatico A.S. 2021/2022, che per Pasqua 2022 ha previsto i seguenti giorni di vacanza per ogni Regione:

  • Abruzzo dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Basilicata dal 14/09/2022 al 19/04/2022;
  • Calabria dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Campania dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Emilia Romagna dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Friuli Venezia Giulia dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Lazio dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Liguria dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Lombardia dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Marche dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Molise dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Piemonte dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Puglia dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Sardegna dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Sicilia dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Toscana dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Umbria dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Valle D’Aosta dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Veneto dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Prov. di Bolzano dal 14/04/2022 al 19/04/2022;
  • Prov. di Trento dal 14/04/2022 al 19/04/2022.

In alcune Regioni il periodo è differente perché il Miru riconosce la possibilità di fissare, oltre la data di inizio e di fine delle lezioni, anche eventuali ulteriori giorni di chiusura delle scuole durante le festività natalizie e pasquali o per altre occasioni durante l’anno.

Per non perderti le ultime notizie e ricevere i nostri migliori contenuti, iscriviti gratuitamente al canale Telegram di QuiFinanza: basta cliccare qui.

Cosa fare in caso di positività dell’alunno dopo le vacanze di Pasqua (e prima del rientro a scuola)

Come si procede se l’alunno o il docente risulta positivo al test molecolare prima il rientro a scuola (dopo le vacanze di Pasqua)? Con la fine dello stato di emergenza (qui le nuove regole per Green pass), come ha specificato il Miur, non verranno meno le regole anti contagio già previste in ambito scolastico. Nello specifico, rimangono confermate le ordinarie procedure di gestione dei casi di contagio possibili, probabili o confermati, da attuare in collaborazione con le autorità sanitarie territorialmente competenti. Quindi, secondo quanto indicato dal verbale del CTS n.34/2021 “in caso di sintomi indicativi di infezione acuta delle vie respiratorie di personale o studenti, occorre attivare immediatamente la specifica procedura: il soggetto interessato dovrà essere invitato a raggiungere la propria abitazione e si dovrà attivare la procedura di segnalazione e contact tracing da parte della ASL competente”.

Tuttavia, il Ministero della Salute, con circolare n.36254/2021, ha aggiornato le indicazioni sulla quarantena facendo una differenza tra quelli che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni e distinguendo tra:

  • contatti asintomatici ad alto rischio, c.d. “contatti stretti”, che “possono rientrare in comunità dopo un periodo di quarantena di almeno 7 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine del quale risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo. Qualora non fosse possibile eseguire un test molecolare o antigenico tra il settimo e il quattordicesimo giorno, si può valutare di concludere il periodo di quarantena dopo almeno 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, anche in assenza di esame diagnostico molecolare o antigenico”;
  • contatti asintomatici a basso rischio, che “non devono essere sottoposti a quarantena, ma devono continuare a mantenere le comuni misure igienico-sanitarie”, ovvero mascherina, distanziamento fisico, igiene frequente delle mani etc.

Nella stessa circolare n.36254/2021, il Ministero della Salute precisa per i non vaccinati o per coloro che non hanno completato il ciclo vaccinale da almeno 14 giorni, i contatti asintomatici ad alto rischio, “possono rientrare in comunità dopo un periodo di quarantena di almeno 10 giorni dall’ultima esposizione al caso, al termine al termine del quale risulti eseguito un test molecolare o antigenico con risultato negativo”. In assenza del test, anche in questo caso, la quarantena si chiude dopo almeno 14 giorni dall’ultima esposizione al caso, senza necessità di esame diagnostico molecolare o antigenico. I contatti asintomatici a basso rischio, invece, continuano a non essere sottoposti a  quarantena, ma devono rispettare  le comuni misure igienico-sanitarie.