Malattia: sì al licenziamento se assenti alla visita fiscale

La Sentenza n. 64/2017 della Corte di Cassazione ha stabilito la legittimità del licenziamento del lavoratore che risulti ripetutamente assente alle visite fiscali di controllo nonostante l’effettività della malattia. La fattispecie rientrerebbe infatti nei casi di licenziamento per giusta causa.

Nel caso in esame, la Corte di Cassazione ha definito legittimo il licenziamento del dipendente risultato assente per tre volte alle visite fiscali per malattia nel corso di due mesi senza aver comunicato preventivamente l’assenza dal domicilio. Il provvedimento espulsivo è stato definito valido dai giudici supremi nonostante un sanitario dell’INPS abbia confermato la malattia diagnosticata con la relativa prognosi.

“La permanenza presso il proprio domicilio durante le fasce orarie previste per le visite mediche domiciliari di controllo costituisce non già un onere bensì un obbligo per il lavoratore ammalato, in quanto l’assenza, rendendo di fatto impossibile il controllo in ordine alla sussistenza della malattia, integra un inadempimento, sia nei confronti dell’istituto previdenziale, sia nei confronti del datore di lavoro, che ha interesse a ricevere regolarmente la prestazione lavorativa e, perciò, a controllare l’effettiva sussistenza della causa che impedisce tale prestazione”.

Leggi anche:
Malattia e visita fiscale, cosa cambia nel 2017
Boom di malattia il lunedì, un lavoratore su tre si ammala dopo il week end
A casa in malattia? Occhio, ora il datore di lavoro può sguinzagliare gli 007
Visita fiscale: quante volte si può essere sottoposti a controllo?
Visita fiscale e legge 104: esonero in un solo caso
Tutto sulla visita fiscale

Malattia: sì al licenziamento se assenti alla visita fiscale
Malattia: sì al licenziamento se assenti alla visita fiscale