Cancro: ecco il farmaco che manda in remissione i tumori

Un promettente studio americano indica remissioni delle neoplasie nel 100% dei casi trattati con un farmaco da assumere ogni tre settimane per sei mesi.

Da tempo ormai le terapie per combattere i tumori hanno preso la via della selettività: sempre meno trattamenti chemioterapici, che investono l’intero organismo, sempre più percorsi di cura basati sull’attacco selettivo alle cellule malate, con farmaci appositi e trattamenti di immunoterapia che puntano sulla reazione del sistema immunitario naturale.

In questo percorso si inserisce un promettente studio americano, un test molto limitato dal punto di vista quantitativo – solo 18 pazienti con cancro del retto, ognuno dei quali ha assunto lo stesso farmaco – ma i cui risultati sono stati sorprendenti. Il cancro è scomparso in ogni singolo paziente, non rilevabile dall’esame fisico, dall’endoscopia, dalle scansioni PET o dalle scansioni MRI. Ne ha parlato il New York Times in un articolo tradotto per l’Italia dal sito Dagospia.

Lo studio

Il dottor Luis A. Diaz Jr. del Memorial Sloan Kettering Cancer Center, autore di un articolo pubblicato domenica sul New England Journal of Medicine che descrive i risultati dello studio, ha affermato di non essere a conoscenza di altri studi in cui un trattamento ha completamente cancellato un cancro in ogni paziente. “Credo che questa sia la prima volta che accade nella storia del cancro”, ha detto il dottor Diaz.

I pazienti, tutti con cancro del retto, avevano già affrontato trattamenti estenuanti: chemioterapia, radiazioni e, molto probabilmente, interventi chirurgici che alterano la vita e che potrebbero causare disfunzioni intestinali, urinarie e sessuali. Alcuni hanno avuto bisogno di sacche per colostomia. Sono entrati nello studio pensando che, una volta terminato, avrebbero dovuto sottoporsi a quelle procedure perché nessuno si aspettava davvero che i loro tumori scomparissero. Ma hanno avuto una sorpresa: non è stato necessario alcun ulteriore trattamento.

“Ci sono state molte lacrime di gioia”, ha affermato la dott.ssa Andrea Cercek, oncologo del Memorial Sloan Kettering Cancer Center e coautore del documento, presentato domenica all’incontro annuale dell’American Society of Clinical Oncology.

Il farmaco

Si tratta del dostarlimab, noto come inibitore dei checkpoint immunitari. Il farmaco è stato somministrato ogni tre settimane per sei mesi ed è costato circa 11.000 dollari a dose. Smaschera le cellule tumorali, consentendo al sistema immunitario di identificarle e distruggerle. Dunque nel pieno solco dell’immunoterapia.

In un editoriale che accompagna il documento, la dott.ssa Hanna K. Sanoff del Lineberger Comprehensive Cancer Center dell’Università della Carolina del Nord, che non è stata coinvolta nello studio, lo ha definito “piccolo ma avvincente”. Ha aggiunto, tuttavia, che non è chiaro se i pazienti siano guariti. “Si sa molto poco sulla durata di tempo necessario per scoprire se una risposta clinica completa al dostarlimab equivale a curare”, ha affermato il dottor Sanoff nell’editoriale.

Il precedente

L’ispirazione per lo studio sul cancro del retto è venuta da uno studio clinico condotto dal dottor Diaz nel 2017 e finanziato da Merck, il produttore di farmaci. Ha coinvolto 86 persone con cancro metastatico che ha avuto origine in varie parti del loro corpo. Ma i tumori condividevano tutti una mutazione genetica che impediva alle cellule di riparare i danni al DNA. Queste mutazioni si verificano nel 4% di tutti i malati di cancro.

I pazienti in quello studio hanno assunto un inibitore del checkpoint Merck, pembrolizumab, per un massimo di due anni. I tumori si sono ridotti o stabilizzati in circa un terzo-metà dei pazienti e sono vissuti più a lungo. I tumori sono scomparsi nel 10% dei partecipanti allo studio.