Posate e piatti monouso addio: rivoluzione in Inghilterra

Thérèse Coffey, segretaria all'ambiente del governo inglese ha confermato l'intenzione di vietare la plastica monouso, anche se non c'è ancora una data precisa

Foto di Matteo Paolini

Matteo Paolini

Giornalista pubblicista

Nel 2012 ottiene l’iscrizione all’Albo dei giornalisti pubblicisti. Dal 2015 lavora come giornalista freelance occupandosi di tematiche ambientali.

Il Regno Unito vieterà gli oggetti in plastica monouso come posate, piatti e vassoi per ridurre l’inquinamento. Il governo britannico, tramite la segretaria all’ambiente, Thérèse Coffey, ha confermato il divieto, senza fornire ulteriori dettagli o una data precisa.

Quasi 100 miliardi di pezzi di plastica all’anno

La decisione è stata presa sulla base di una consultazione del Dipartimento per l’ambiente, l’alimentazione e gli affari rurali (Defra) che ha rilevato che ogni anno il Regno Unito utilizza circa 1,1 miliardi di piatti monouso e 4,25 miliardi di posate usa e getta, di cui solo il 10% viene riciclato. Si stima che i britannici smaltiscano circa 100 miliardi di pezzi di imballaggi in plastica all’anno.

Le dichiarazioni di Thérèse Coffey

In merito al divieto alla vendita di piatti e posate monouso, Coffey ha affermato: “Sono determinata a affrontare questo problema con decisione. Negli ultimi anni abbiamo già compiuto importanti passi avanti, ma sappiamo che c’è ancora molto da fare. Questo nuovo divieto avrà un enorme impatto nel fermare l’inquinamento di miliardi di pezzi di plastica e nel contribuire a proteggere l’ambiente naturale per le generazioni future. Una forchetta di plastica può impiegare 200 anni per decomporsi, in discarica o inquinando i nostri oceani”.

In Inghilterra riciclato solo il 10% della plastica monouso

In Inghilterra, circa la metà di tutta la plastica va in articoli monouso, di cui circa il 40% è costituito da imballaggi. Gli inglesi utilizzano una media di 18 piatti di plastica monouso e 37 posate di plastica all’anno, secondo Defra, mentre solo il 10% di questi viene riciclato. Il fatto scioccante è che praticamente ogni pezzo di plastica prodotto esiste ancora in qualche forma, ad eccezione della piccola quantità che è stata incenerita.

Il commento di Greenpeace UK

Megan Randles, rappresentante di Greenpeace UK, ha dichiarato: “Siamo soddisfatti che il governo abbia finalmente preso provvedimenti per vietare alcuni articoli in plastica monouso, ma dobbiamo tenere presente che stiamo affrontando un’epidemia di plastica. Ci serve una vera e propria strategia di riduzione della plastica, comprendente obiettivi di riduzione e programmi efficaci di riutilizzo e ricarica. È giunto il momento di smettere di ascoltare i rappresentanti dell’industria, di smettere di proporre soluzioni inadeguate e di smettere di scaricare i nostri rifiuti di plastica sui paesi che non hanno contribuito alla crisi climatica. Il governo deve mostrare maggiore leadership a livello globale per risolvere il problema della plastica.”

La campagna “Cut the Cutlery”

Greenpeace, City to Sea e 38 Degrees hanno lanciato una campagna chiamata “Cut the Cutlery” per chiedere al governo di agire più rapidamente per aderire alle restrizioni sulla plastica monouso stabilite dall’Unione Europea prima della Brexit. Inoltre, chiedono che vengano fissati obiettivi legalmente vincolanti per il 2025, tra cui una riduzione del 50% della plastica monouso e un aumento del 25% della plastica riutilizzabile.

L’inquinamento della plastica è un problema globale

La plastica è uno dei più pericolosi e urgenti problemi ambientali con cui dobbiamo fare i conti. Le microplastiche si diffondono dalle profondità degli oceani alle vette delle montagne, la plastica si trova nel corpo umano e nel cibo che mangiamo, e piove letteralmente su uomini e animali. Il divieto attuale sulla plastica monouso, tuttavia, è troppo circoscritto. Infatti, non vengono considerate le bottiglie d’acqua monouso, non menziona i sacchetti di plastica e non sono previste misure per controllare la combustione dei rifiuti di plastica negli inceneritori. Come riportato dal The Guardian, in Inghilterra non esiste ancora un sistema di deposito cauzionale per i contenitori delle bevande e non ci sono misure per fermare l’esportazione di rifiuti di plastica verso paesi in via di sviluppo.

La richiesta di un sistema di deposito cauzionale

Gli attivisti ambientali chiedono in Inghilterra l’introduzione di un “sistema di deposito” che incoraggi il riciclo facendo pagare ai consumatori un deposito sui contenitori delle bevande e restituendo loro il denaro quando questi vengono restituiti vuoti in un punto di raccolta. I funzionari britannici hanno dichiarato che tale programma non sarà operativo in Inghilterra, Galles e Irlanda del Nord almeno fino alla fine del 2024.

Altri divieti contro la plastica

La Scozia ha introdotto un divieto per le aziende che utilizzano una varietà di prodotti in plastica monouso nel giugno dell’anno scorso. Anche la cannuccia monouso, gli agitatori e i cotton fioc con gambo di plastica sono stati vietati in Inghilterra nel 2020. In Galles, le leggi per un divieto simile sono state approvate a dicembre e entreranno in vigore nel 2023. Tuttavia, questa misura non copre gli articoli venduti nei supermercati o nei negozi. Il governo ha dichiarato che li affronterà attraverso altre iniziative.