Brevetti+, Disegni+ e Marchi+, date e modalità per l’invio delle domande

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della riapertura dei bandi relativi agli incentivi Brevetti+, Marchi+ e Disegni+ sono state rese note anche le date per l’invio delle domande.

Foto di Donatella Maisto

Donatella Maisto

Digital Transformation and Sustainability Manager

Esperta Blockchain e digital transformation, tech-human need e sostenibilità nella sua accezione contemporanea.

Con Decreto del 7 Giugno 2022 il MISE ha decretato, all’art. 1, che per l’annualità 2022, sarebbero stati pubblicati gli avvisi di riapertura dei bandi relativi alle misure agevolative Brevetti+, Disegni+ e Marchi+ e all’art. 2 ha menzionato gli importi delle risorse finanziarie disponibili per la stessa annualità ed in particolare:

  • € 20.000.000  per la misura Brevetti+ a cui devono aggiungersi € 10.000.000 derivanti dalle risorse del PNNR;
  • €14.000.000 per la misura Disegni+
  • € 2.000.000 per la misura Marchi+

I bandi rientrano nel Piano strategico sulla proprietà industriale per il triennio 2021-2023 e nella linea di azione del PNRR per la brevettabilità delle innovazioni tecnologiche e la valorizzazione di marchi e disegni: Investimento 6 “Sistema della proprietà industriale” della Missione 1 “Digitalizzazione, innovazione competitività, cultura” – Componente 2 “Digitalizzazione, innovazione e competitività del sistema produttivo”.

I bandi Brevetti+, Marchi+ e Disegni+ sono procedure pubbliche volte all’erogazione di contributi economici.

Sono destinati alle micro, piccole o medie imprese italiane, anche di nuova costituzione, con lo scopo di favorire la brevettabilità delle innovazioni tecnologiche e la valorizzazione di marchi e disegni.

Le imprese possono presentare domanda a partire dalle seguenti date:

  • 27 Settembre 2022 per il bando Brevetti+
  • 11 Ottobre 2022 per il bando Disegni+
  • 25 Ottobre 2022 per il bando Marchi+

 Vediamo nel dettaglio i tre bandi.

Brevetti+

Brevetti+ è l’incentivo per la valorizzazione economica dei brevetti, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia.

Rivolto alle micro, piccole e medie imprese, Brevetti+ è stato rifinanziato con una dotazione di 30 milioni di euro (di cui 10 milioni di risorse PNRR). Una quota pari al 40% delle risorse finanziarie derivanti dal PNRR, pari a 4 milioni di euro, è destinata alle Regioni del Mezzogiorno: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Le domande di contributo potranno essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 27 settembre 2022.

Non sono previste date di scadenza in quanto Invitalia valuta le domande in base all’ordine di arrivo, fino ad esaurimento dei fondi.

Dopo la verifica formale, è prevista una valutazione di merito che comprende anche un colloquio con gli esperti di Invitalia.

Possono presentare domanda di accesso alle agevolazioni le PMI, anche di nuova costituzione, aventi sede legale ed operativa in Italia, che si trovino in una delle seguenti condizioni:

  • siano titolari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 01/01/2019 ovvero titolari di una licenza esclusiva trascritta all’UIBM di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 01/01/2019. In entrambi i casi i brevetti devono essere in regola con i pagamenti delle tasse di mantenimento in vita, ove dovute, al momento della presentazione della domanda;
  • siano titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata
    successivamente al 01/01/20 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”;
  • siano titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 01/01/2020, con il relativo rapporto di ricerca con esito “non negativo”, che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto, purché la domanda nazionale di priorità non sia stata già ammessa alle agevolazioni Brevetti+ di cui ai precedenti bandi.

Le imprese che soddisfino una delle condizioni di cui ai precedenti 3 punti, sono ammissibili alle agevolazioni di cui al presente Decreto se, alla data di presentazione della domanda di agevolazioni, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • essere iscritte nel Registro delle imprese;
  • essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti civili, non essere in liquidazione volontaria
    e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  • minimi tali da garantire il rispetto del regolamento finanziario (UE, Euratom) n. 2018/1046,
    nonché di quanto previsto dall’articolo 22 del regolamento (UE) n. 2021/241, in materia di
    prevenzione di sana gestione finanziaria, assenza di conflitti di interessi, di frodi e corruzione;

La domanda per Brevetti+ si presenta esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia.

Per richiedere le agevolazioni è necessario:

  • essere in possesso di una identità digitale (SPID, CNS, CIE) per accedere alla piattaforma dedicata
  • accedere all’area riservata per compilare direttamente online la domanda, caricare il business plan e gli allegati.

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Al termine della compilazione del piano di impresa e dell’invio telematico della domanda e dei relativi allegati, verrà assegnato un protocollo elettronico.

Le modalità di presentazione, i dettagli sugli incentivi e i criteri di valutazione sono descritti nel Decreto Direttoriale.

Marchi +

Il Bando Marchi+2022, promosso dalla Direzione Generale per la Tutela della Proprietà Industriale – UIBM del Ministero dello Sviluppo Economico e gestito dall’Unioncamere, intende sostenere le imprese di micro, piccola e media dimensione nella tutela dei marchi all’estero attraverso l’acquisizione di servizi specialistici:

  • Misura A: Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi dell’Unione europea;
  • Misura B: Agevolazioni per favorire la registrazione di marchi internazionali.

L’impresa alla data di presentazione della domanda di partecipazione deve:

Misura A

  • aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2019, il deposito della domanda di registrazione presso EUIPO del marchio oggetto dell’agevolazione e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di deposito;

nonché

  • aver ottenuto la registrazione, presso EUIPO, del marchio dell’Unione europea oggetto della domanda di partecipazione. Tale registrazione deve essere avvenuta in data antecedente la presentazione della domanda di partecipazione;

Misura B

  • aver effettuato, a decorrere dal 1° giugno 2019, almeno una delle seguenti attività:
    • il deposito della domanda di registrazione presso OMPI di un marchio registrato a livello nazionale presso UIBM o di un marchio dell’Unione europea registrato presso EUIPO e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
    • il deposito della domanda di registrazione presso OMPI di un marchio per il quale è già stata depositata domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione;
    • il deposito della domanda di designazione successiva di un marchio registrato presso OMPI e aver ottemperato al pagamento delle relative tasse di registrazione

nonché

  • aver ottenuto la pubblicazione della domanda di registrazione sul registro internazionale dell’OMPI (Madrid Monitor) del marchio oggetto della domanda di partecipazione. La pubblicazione della domanda di registrazione del marchio sul registro internazionale dell’OMPI (Madrid Monitor) deve essere avvenuta in data antecedente la presentazione della domanda di partecipazione.

Per la Misura A le agevolazioni sono concesse nella misura del 80% delle spese ammissibili sostenute per le tasse di deposito e per l’acquisizione dei servizi specialistici e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia e comunque entro l’importo massimo complessivo per marchio di euro 6.000,00.

Per la Misura B le agevolazioni sono concesse nella misura dell’90% delle spese ammissibili sostenute per le tasse di registrazione e per l’acquisizione dei servizi specialistici e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia e comunque entro l’importo massimo complessivo per marchio di euro 9.000,00.

Ai fini dell’ammissibilità tutte le spese (comprese le tasse di deposito/registrazone sostenute presso UIBM/EUIPO/OMPI) devono essere sostenute a decorrere dal 1° giugno 2019 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione. Le spese devono fare riferimento a fatture emesse e a pagamenti effettuati a partire dal 1° giugno 2019 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

Per uno stesso marchio è possibile cumulare le agevolazioni previste per le misure A e B.

Per lo stesso marchio è possibile presentare in un’unica domanda la richiesta di agevolazione sia per la Misura A sia per la Misura B.

Qualora un’impresa possa richiedere l’agevolazione per più marchi, occorre che venga presentata una domanda per ciascuno di essi. Ogni impresa può presentare più di una richiesta di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino a un massimo di 25.000,00 euro.

La domanda di partecipazione potrà essere presentata a partire dalle ore 9:30 del 25 ottobre 2022 e fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Prima di compilare e inviare la domanda è necessario:

  • essere in possesso di una identità SPID personale, CIE o CNS (nel caso in cui la domanda non sia presentata dal legale rappresentante dell’impresa occorre allegare la procura speciale firmata digitalmente, pena la non ammissibilità della domanda, sia dal legale rappresentante dell’impresa richiedente l’agevolazione sia dal suo procuratore speciale);
  • dotarsi di firma digitale;
  • disporre di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) della società, valido e attivo, per le comunicazioni tra Unioncamere e l’impresa.

Per richiedere le agevolazioni, dopo aver effettuato l’accesso, sarà necessario compilare la domanda esclusivamente attraverso la piattaforma informatica online messa a disposizione da Unioncamere cui si accede dalla home page di questo sito.

Al termine della procedura di compilazione e dell’invio telematico della domanda e dei relativi allegati caricati, verrà assegnato un protocollo elettronico.

Le informazioni di dettaglio sui soggetti beneficiari, la tipologia di spese ammissibili, l’entità dell’agevolazione, la presentazione delle domande, nonché i criteri di valutazione sono indicati nel Decreto direttoriale del 15 giugno 2022.

Non ci sono graduatorie, le domande sono esaminate in base all’ordine cronologico di presentazione telematica. Dopo la verifica della regolarità formale e della completezza della domanda di partecipazione è prevista una valutazione di merito delle spese sostenute.

La domanda di partecipazione, generata dalla piattaforma informatica deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentate dell’impresa richiedente l’agevolazione. Nel caso di presentazione della domanda di partecipazione da parte di un procuratore, occorre allegare la procura speciale firmata digitalmente.

Cliccando qui è possibile scaricare i moduli per presentare la domanda

Disegni+

Il Bando Disegni+2022, promosso dalla Direzione Generale per la Tutela della Proprietà Industriale – UIBM del Ministero dello Sviluppo Economico e gestito dall’Unioncamere, intende sostenere la capacità innovativa e competitiva delle PMI attraverso la valorizzazione dei disegni/modelli sui mercati nazionale e internazionale.

Oggetto dell’agevolazione è la realizzazione di un progetto finalizzato alla valorizzazione di un disegno/modello – singolo o di uno o più disegni/modelli appartenenti al medesimo deposito multiplo.

Il disegno/modello deve essere registrato presso l’Ufficio Italiano Brevetti e Marchi (UIBM) o l’Ufficio dell’Unione europea per la Proprietà Intellettuale (EUIPO) o l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI). In tale ultimo caso tra i Paesi designati deve esserci l’Italia.

Il disegno/modello deve essere registrato a decorrere dal 1° gennaio 2020 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di partecipazione ed essere in corso di validità.

Le agevolazioni sono concesse fino all’80% delle spese ammissibili entro l’importo massimo di euro 60.000,00 (sessantamila) e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna tipologia di servizio specialistico esterno richiesto.

Sono riconosciute ammissibili le spese per l’acquisizione dei servizi specialistici esterni sostenute successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana dell’avviso relativo al Bando Disegni+2022.

Il disegno/modello può essere oggetto di una sola domanda di partecipazione e non deve essere già stato agevolato dai bandi Disegni +2, Disegni+3, Disegni+4 e Disegni+2021.

Può essere agevolata soltanto una domanda per impresa.

La domanda di partecipazione potrà essere presentata a partire dalle ore 9:30 dell’11 ottobre 2022 e fino all’esaurimento delle risorse disponibili.

Per richiedere le agevolazioni, dopo aver effettuato l’accesso, sarà necessario compilare la domanda esclusivamente attraverso la piattaforma informatica online messa a disposizione da Unioncamere cui si accede dalla home page di questo sito.

Al termine della procedura di compilazione e dell’invio telematico della domanda e dei relativi allegati caricati verrà assegnato un protocollo elettronico.

Le informazioni di dettaglio sui soggetti beneficiari, la tipologia di spese ammissibili, l’entità dell’agevolazione, la presentazione delle domande, nonché i criteri di valutazione sono indicati nel Decreto direttoriale del 15 giugno 2022.

Non ci sono graduatorie, le domande sono esaminate in base all’ordine cronologico di presentazione telematica. Dopo la verifica della regolarità formale e della completezza della domanda di partecipazione è prevista una valutazione di merito del progetto di valorizzazione del disegno/modello.

La domanda di partecipazione, generata dalla piattaforma informatica, deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante dell’impresa richiedente l’agevolazione. Nel caso di presentazione della domanda di partecipazione da parte di un procuratore, occorre allegare la procura speciale firmata digitalmente.

Cliccando qui è possibile scaricare i moduli per presentare la domanda.