RdC, necessario aggiornare DSU per mantenere diritto a prestazione

(Teleborsa) – Per mantenere il beneficio del reddito o pensione di cittadinanza occorrerà presentare il nuovo DSU 2021, il modulo che certifica il reddito ISEE della famiglia, in quanto quello richiesto nel 2020 è scaduto il 31 dicembre.

I beneficiari di Rdc o pensione – avverte l’INPS – avranno tempo sino al 31 gennaio 2021 per rinnovarlo, in modo da non perdere la continuità nel pagamento della prestazione e delle altre prestazioni assistenziali e bonus previsti per i redditi bassi.

Le prestazioni di gennaio sono riferite ai redditi di dicembre 2020 e saranno pertanto messe in pagamento per tutti i beneficiari. A partire dal mese di febbraio 2021, invece, il calcolo dei redditi e pensioni di cittadinanza sarà riferito alle DSU valide del mese di gennaio 2021 e sarà quindi necessario disporre di un ISEE aggiornato.

Le dichiarazioni ISEE presentate a partire dal 1° gennaio 2021 avranno validità fino al 31 dicembre 2021.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

RdC, necessario aggiornare DSU per mantenere diritto a prestazione