Lista dei lavori che nessuno vuole più fare

Ci sono molti lavori, alcuni tradizionali e altri faticosi, che nessuno vuole più fare: eccone 20

Foto di Claudio Garau

Claudio Garau

Editor esperto in materie giuridiche

Laureato in Giurisprudenza, con esperienza legale, ora redattore web per giornali online. Ha una passione per la scrittura e la tecnologia, con un focus particolare sull'informazione giuridica.

Nonostante la crisi economica e la disoccupazione elevata, in realtà esistono diversi mestieri che nessuno vuole più fare, lavori redditizi anche senza diploma, impieghi pericolosi ma ben pagati e nuove attività che in pochi conoscono, per le quali c’è tuttora un’alta richiesta da parte del mercato.

Sicuramente chi si sta chiedendo che lavoro fare oggi dovrebbe dare un’occhiata a questa lista, poiché comprende un’ampia selezione di mestieri classici ed emergenti, che possono aiutare a trovare un impiego. Attività non caratterizzate da un altissimo numero di candidature e, dunque, offerte di lavoro che – se accettate – potrebbero garantire un lavoro sicuro e ben pagato. Vediamo quali sono.

Lavori tradizionali ben pagati ma che nessuno vuole più fare

La maggior parte delle proposte inserite in questa lista, in merito ai lavori che nessuno vuole fare, riguarda mestieri antichi e umili. Si tratta di professioni come il panetterie e il cuoco, attività complesse e faticose, per le quali le imprese sono disposte a pagare un ottimo salario, o comunque garantendo una retribuzione sopra la media in Italia.

Ovviamente sono impieghi che richiedono un certo sacrificio, ma allo stesso tempo possono offrire uno stipendio adeguato per vivere dignitosamente, anche senza laurea.

Cuoco

Potrebbe sorprendere, ma tra le offerte di lavoro meno ‘gettonate’ ci sono quelle relative alla figura del cuoco. Basta aprire un sito di annunci, per vedere come questo mestiere sia fortemente ricercato. Le proposte di lavoro di certo non mancano e lo stipendio medio si aggira sui 1.700-1800 euro lordi al mese, in base all’esperienza e al locale.

Al fine di diventare un cuoco è possibile frequentare la scuola alberghiera, oppure farsi le ossa in cucina imparando le basi del mestiere.

Per fare lo chef bisogna essere disposti a lavorare molto e formarsi continuamente, però si possono trovare molti sbocchi nei ristoranti, sulle navi oppure proporsi nei servizi di catering o come cuoco a domicilio. Proprio il grande impegno richiesto tende a scoraggiare non pochi giovani, che spesso preferiscono puntare su un lavoro diverso. E, se vuoi saperne di più sui compensi di chi lavora in cucina, leggi qui.

Falegname

Uno dei lavori ben pagati che nessuno vuole fare è il falegname, un mestiere umile ma ben retribuito, che in pochi al giorno d’oggi sanno fare bene. Molte aziende cercano falegnami esperti, trovandoli con mille difficoltà, rivolgendosi spesso a stranieri con voglia di imparare e di mettersi in gioco. Si tratta di fatto di una professione ‘evergreen’.

In Italia il salario medio di un falegname è di circa 1.200-1.400 euro lordi, inoltre è possibile arrotondare lo stipendio con lavoretti personali, piccoli progetti oppure dopo qualche anno mettersi in proprio e aprire la propria azienda.

Meccanico

Che lavoro posso fare? Se questa è la tua domanda, una possibile risposta è il meccanico. L’auto è il mezzo di trasporto principale, infatti anche con la diffusione delle macchine elettriche la necessità di riparazioni, manutenzione e altri interventi rimane costante.

Le officine meccaniche assumono spesso i giovani grazie alle agevolazioni fiscali, perciò è possibile imparare il mestiere sul posto, sebbene un corso formativo di base costituisca sempre una corsia preferenziale per trovare lavoro.

Panettiere

Non poche delle offerte di lavoro che nessuno vuole fare riguardano la figura del panettiere, un mestiere duro ma ben pagato.

Lo stipendio medio in questo caso è di circa 1.200-1.400€ mensili, andando da un minimo di 1.000€ fino a punte massime di 2.000€ al mese.

Ovviamente è necessario svegliarsi presto, lavorare i condizioni ambientali impegnative – specialmente in estate – ma il pane è e resta un prodotto alla base dell’alimentazione, perciò di certo non mancherà la richiesta di panettieri anche nei prossimi anni.

Fabbro

Il fabbro è uno dei lavori redditizi senza laurea per eccellenza, un’attività difficile fisicamente e tecnicamente, ma in grado di ripagare dello sforzo con una retribuzione elevata. Nonostante i progressi tecnologici, l’installazione di strutture metalliche richiede tuttora l’intervento umano, svolgendo un mestiere che offre un compenso 1.200€ lordi appena assunti fino a 3-4.000€ per un fabbro esperto.

In più si può sempre diventare imprenditori, aprendo la propria azienda o lavorando in proprio, a seconda delle proprie esigenze e obiettivi.

Camionista

Sicuramente i camionisti non fanno più la vita di un tempo, ma si tratta ancora di un lavoro facile da trovare, sia in Italia che all’estero. Questo anche perché non tutti vogliono più farlo.

Il salario va da 1.800-2.000€ in una piccola impresa, anche fino a 3.000€ di una grande azienda internazionale, con compensi più alti per chi si occupa delle tratte lunghe da un paese all’altro.

Basta essere disposti a viaggiare, prendere le patenti di guida e fare esperienza, dopodiché trovare un impiego è abbastanza semplice, avendo davanti a sé un mercato europeo sempre alla ricerca di personale.

Idraulico

L’elenco dei lavori non più amati come un tempo non è finito. Un’attività tradizionale che i giovani non vogliono più fare è quella dell’idraulico.

Non bisogna occuparsi soltanto di rubinetti e perdite del lavello, ma è possibile acquisire competenze specifiche, per installare impianti, sostituire caldaie, trovare impiego all’interno delle imprese di costruzione, oppure aprire la partita IVA (sostenendone i relativi costi) e lavorare in proprio.

Il salario di un idraulico? Si va dai 1.200-1.400€ di una piccola azienda, fino a 2.500€ di una grande impresa per un professionista specializzato.

Pompe funebri

Tra i lavori redditizi senza diploma c’è un mestiere spesso lasciato da parte, per il particolare contesto. Ci riferiamo a quello dell’impiegato delle pompe funebri. Si tratta di un’occupazione assai delicata, per la quale non è richiesta una formazione particolare, basta un po’ di voglia di imparare, una certa predisposizione al contatto umano, oltre ovviamente alla forza d’animo, indispensabile per reggere la presenza costante di persone defunte.

Il salario però è decisamente elevato, oscillando dai circa 1.500 euro al mese a più di duemila, oltre a scatti d’anzianità e indennità relative alla funzione svolta.

Investigatore privato

La professione dell’investigatore privato è uno dei mestiere più sottovalutati, infatti in realtà è uno dei lavori più interessanti da fare anche nei tempi odierni.

Le possibilità sono diverse, si può lavorare presso un’agenzia investigativa, oppure aprire la partita IVA e richiedere la licenza, per mettersi in proprio dopo qualche anno d’esperienza nel settore.

Per un investigatore privato che lavora come dipendente con licenza, il reddito annuo parte da circa 13.500 euro,  ma è necessario lavorare spesso di notte e fare turni anche molto lunghi. Per saperne di più sui guadagni leggi qui.

Agente immobiliare

Uno dei lavori che fa più nessuno è quello dell’agente immobiliare, un impiego che richiede una forte intraprendenza, poiché lo stipendio dipende in gran parte dalle provvigioni.

Il salario fisso infatti è piuttosto basso, tuttavia dandosi da fare si possono raggiungere risultati notevoli, aiutando le persone ad acquistare la casa giusta per loro.

Le qualità necessarie sono spirito d’iniziativa, pazienza, una certa predisposizione ai rapporti con gli altri e voglia di crescere, muovendosi in un settore in crisi ma in grado di offrire ancora ottime opportunità. Leggi il nostro approfondimento, per saperne di più sui requisiti per diventare agente immobiliare.

Cameriere

Il cameriere è considerato tra i lavori redditizi senza diploma per eccellenza, un’attività da svolgere spesso da giovani, ma che può dare grandi soddisfazioni anche da adulti. Naturalmente bisogna fare una lunga gavetta, inoltre la scuola alberghiera in questo campo aiuta non poco.

Allo stesso tempo è possibile crearsi una carriera anche da soli, per ottenere un lavoro all’interno di ristoranti stellati, strutture ricettive di lusso oppure cercare impiego sulle navi da crociera, ottenendo salari molto variabili – da 900€ al mese fino a 2.000€ e oltre.

Spedizioniere doganale

Sicuramente non compare in cima alla lista dei lavori più gettonati, eppure lo spedizioniere doganale è un impiego complesso, che fornisce una retribuzione minima di 18.000€ circa alla prima assunzione, arrivando facilmente a 30.000€ circa l’anno con almeno due anni d’esperienza pregressa.

Per diventare spedizionieri doganali bisogna seguire un tirocinio obbligatorio, iscriversi all’albo e superare un esame, con una corsia preferenziale per le persone con una laurea in Giurisprudenza o ambiti simili.

Operatore import export

L’economia mondiale si basa su un sistema di trasporto internazionale, via terra e mare, che ha bisogno di addetti specializzati in grado di gestire ogni fase di questo complesso processo.

Gli operatori import export sono attività che in pochi vogliono fare oggigiorno, ma di assoluta importanza strategica, sia per le aziende che devono vendere le loro merci all’estero, sia per i paesi che devono controllare i flussi in entrata e uscita.

Lo stipendio medio si aggira sui 20.000 euro iniziali, per passare velocemente a 30-40.000€ dopo 2-3 anni, con ampie prospettive di crescita.

Estetista

La cura delle bellezza e del benessere è ormai sempre più ricercata, non soltanto dalle donne ma anche dagli uomini. Quella dell’estetista è una figura molto apprezzata dalle piccole aziende del settore, e specialmente le persone specializzate in tecniche e trattamenti particolari.

Il salario minimo di base è piuttosto basso, circa 900€ al mese, infatti per emergere bisogna offrire qualcosa in più rispetto alla concorrenza, ad esempio imparando a fare massaggi oppure applicazioni che richiedono l’utilizzo di macchinari complessi.

Nuovi lavori ben retribuiti che in pochi sanno fare bene

Oltre agli impieghi tradizionali, come il panettiere e il camionista, lavori ben pagati che nessuno vuole più fare, esistono delle nuove professioni nate negli ultimi anni, legate al boom di internet e delle nuove tecnologie.

Queste professioni sono ancora giovani, perciò specializzandosi in un settore è possibile trovare facilmente lavoro, sia all’interno di agenzie web e startup che mettendosi in proprio come liberi professionisti, con il vantaggio dello smart working.

Web designer

Uno dei lavori da fare è quello del web designer, sempre più richiesto dalle imprese che si occupano di servizi digitali. In questo capo è possibile essere assunti senza troppe difficoltà, nonostante serva un minimo di esperienza pregressa.

Si possono seguire corsi oppure imparare tutto da soli. Il salario varia molto a seconda dell’azienda, delle capacità professionali e del paese, ma è possibile integrare lo stipendio con progetti propri, in più si può lavorare anche da casa.

Esperti SEO e SEM

Quando ci si chiede che lavoro fare la risposta potrebbe arrivare da internet, in particolare dai siti web e dal mondo delle rete. Gli specialisti SEO, che si occupano del posizionamento dei portali sui motori di ricerca, oppure gli specialisti legati al settore del web marketing e della SEM, sono oggi tra i più ricercati dalle web agency.

Una laurea è sempre ben accetta, tuttavia bisogna soltanto aver maturato le conoscenze giuste, mostrando le proprie competenze in base ai risultati raggiunti – e ottenendo così salari decisamente interessanti.

Sviluppatore di applicazioni

Le applicazioni mobili sono diventate il centro delle tecnologie moderne, sempre più legate ai dispositivi come lo smartphone, il tablet e gli smartwatch, ma presenti anche negli apparecchi fissi come Smart TV e pc. Per diventare uno sviluppatore di app è possibile seguire un cammino universitario, oppure imparare tutto da soli, armandosi di pazienza e tanta voglia di fare.

Lo stipendio minimo parte da 1.200 euro al mese per le prime assunzioni, arrivando in poco tempo a 2-3.000€ mensili, con retribuzioni più elevate all’estero e in città come Milano.

Copywriter

Tra i lavori che si possono fare c’è anche quello di copywriter, lo scrittore per il web. Si tratta di una professione tra le più ricercate dalle aziende digitali, con diverse aree di attuazione come siti web, blog, e-commerce oppure è possibile specializzarsi nel copywriting per il web marketing.

La retribuzione dipende dall’esperienza, dalla velocità di scrittura e dai clienti, allo stesso tempo è un lavoro da svolgere anche da remoto, ideale per chi desidera diventare un nomade digitale e viaggiare per il mondo.

Lavori pericolosi che nessuno vuole fare ma ben pagati

Come abbiamo visto esistono dei lavori tradizionali che nessuno vuole più fare, ma anche delle nuove professioni legate al mondo di internet, opportunità interessanti per maturare retribuzioni elevate e trovare una concorrenza minima.

Ugualmente un’alternativa sono i cosiddetti impieghi pericolosi, posti di lavoro che nessuno vuole perché comportano un certo rischio, per i quali è previsto un compenso molto alto per bilanciare la pericolosità dell’attività da svolgere.

Addetto alle linee elettriche di alta tensione

Tra i lavori più redditizi frequentemente offerti dalle aziende c’è il manutentore e riparatore delle linee elettriche, soprattutto quelle ad alta tensione.

Si tratta di un impiego rischioso, che prevede rigide norme di sicurezza e un lavoro svolto quasi sempre ad alta quota, per il quale bisogna seguire corsi di specializzazione e severi procedimenti per garantire l’incolumità propria e altrui. Il compenso? In media questi operatori arrivano a guadagnare fino a 40-50mila euro l’anno (e talvolta anche di più): non male per un lavoro da fare senza laurea.

Sommozzatore professionista

Un altro lavoro pericoloso che nessuno vuole fare è il sommozzatore professionista, specializzato nei recuperi, negli interventi di manutenzione e nelle riparazioni di impianti e condutture.

Il salario è in media di 60.000€ l’anno, a seconda dell’esperienza e del tipo di attività da svolgere, con indennità molto alte a causa delle condizioni complesse in cui bisogna operare. Per diventare un sommozzatore professionista è necessario prendere tutti i brevetti, fare corsi appositi e un lungo periodo di tirocinio con esperti qualificati.