Bolletta dell’acqua, come presentare reclamo

Da un'eventuale perdita a un consumo sconsiderato, ecco cosa fare quando la fattura della bolletta dell'acqua risulta eccessivamente elevata

Tanti i motivi alla base di una bolletta particolarmente elevata. Ecco come presentare reclamo o, in caso di fattori esterni alle responsabilità della compagnia, ottenere delle agevolazioni.

Gli errori nel calcolo delle bollette dell’acqua possono capitare, di conseguenza è bene prestare attenzione all’importo richiesto. Se la cifra indicata è eccessivamente elevata, stando ai propri consumi regolari e alle fatture precedentemente pagate, è probabile ci si ritrovi dinanzi a uno sbaglio, e per porvi rimedio sarà necessario intervenire il prima possibile.

Si dovrà provvedere a presentare una regolare lettera di reclamo, indirizzata alla società responsabile per la gestione del servizio idrico. Si dovranno indicare i propri dati anagrafici nella parte iniziale della lettera, l’indirizzo dell’utenza di riferimento e il numero di fattura che si ritiene errata. In seguito si dovranno precisare eventuali eventi che potrebbero, secondo il proprio giudizio, aver scatenato un calcolo errato da parte del contatore. Da un eventuale guasto dello stesso a delle perdite d’acqua.

La lettera di reclamo può essere presentata di persona, presso gli uffici de gestore, o via posta raccomandata, con ricevuta di ritorno. Se s’intende sfruttare la posta elettronica invece, sarà necessario essere in un possesso di un indirizzo certificato PEC.

Entro 30 giorni dal ricevimento la compagnia è obbligata a procedere con delle verifiche, appurando eventuali cause esterne che possano aver generato l’eccessivo ammontare economico in fattura. Qualora venissero individuate perdite nelle tubature o malfunzionamenti di altro genere, la fattura dovrà essere stornata, inviando una nuova bolletta con la cifra corretta.

Una bolletta economicamente eccessiva rispetto al solito potrebbe però essere anche il frutto di uno spreco inconsapevole o irresponsabile d’acqua. In questo caso la compagnia non sarà ritenuta responsabile, ma l’utente avrà modo di richiedere un sistema di pagamento agevolato, consentito a famiglie numerose e meno abbienti. Qualora si rientrasse nella categoria, si riceverà un prezzo più basso per l’erogazione dell’acqua, dopo essersi presentati negli uffici e aver compilato i relativi documenti per la domanda ufficiale, corredata dai dati anagrafici del nucleo familiare e documenti reddituali.

Se le cifre fossero infine così alte da ritenere impossibile riuscire a saldare il debito in un’unica soluzione, si potrà fare richiesta per un pagamento rateale, ripartito in un lasso temporale non eccessivamente lungo, ma tale da consentire di saldare il dovuto.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Bolletta dell’acqua, come presentare reclamo