Riscaldamento: sette regole facili per risparmiare

L’inverno è alle porte perciò è importante conoscere tutti i trucchi per risparmiare sul riscaldamento, evitando brutte sorprese nelle bollette

Ottobre ha avuto un meteo decisamente clemente, ma già dal giorno 15 è possibile accendere il riscaldamento in diverse parti d’Italia. Quando torna la brutta stagione è molto importante essere aggiornati su tutte le novità e conoscere le regole fondamentali per risparmiare sul riscaldamento: in questo infatti modo si possono evitare spiacevoli sorprese nelle bollette e si può aiutare l’ambiente riducendo i consumi.

Riscaldamento: tutti segreti per risparmiare con le bollette

La prima regola da seguire con l’inizio dell’inverno è la manutenzione degli impianti. Avere un impianto funzionante e regolare permette di ridurre l’inquinamento e i relativi consumi: in caso contrario si rischia una sanzione fino a 500 euro. In passato il riscaldamento non si poteva programmare con orari precisi di accensione e spegnimento e il risultato erano case molto fredde, oppure case molto calde ma con consumi esagerati. Oggi fortunatamente grazie ai termostati, si possono programmare i giorni e le ore della settimana in cui accendere e spegnere il riscaldamento e anche questa è un’abitudine molto importante da seguire, onde evitare bollette dispendiose.

Forse non molti sanno qual è la temperatura ideale per riscaldare la casa senza eccessi: la normativa ha imposto come limite 22 gradi, ma già 19 sono ottimali per vivere in una situazione di comfort. Ogni grado in meno equivale a un 5-10% in meno sulla bolletta. Alcune case hanno anche problemi di dispersione di calore: in questo senso si può contrastare il problema chiudendo durante la notte le persiane e mettendo tende pesanti che impediscano al calore di uscire. Se il problema della dispersione di calore persiste, forse è l’occasione per fare un check-up alla propria casa e controllare lo stato di isolamento di pareti e finestre. Con le nuove tecnologie si possono ridurre fino al 20% dei consumi e si può usufruire degli ecobonus con una detrazione fiscale del 65%.

Un’altra regola da seguire è quella di evitare ostacoli davanti ai termosifoni: non si devono infatti collocare tende o mobili per evitare di disperdere calore, inoltre è fondamentale fare attenzione all’apertura prolungata delle finestre. Infine, un ultimo consiglio è quello di applicare valvole termostatiche che regolano il flusso di acqua calda nei termosifoni, riducendo i costi in bolletta del 20% e sfruttando anche in questo caso gli ecobonus.

Riscaldamento: sette regole facili per risparmiare
Riscaldamento: sette regole facili per risparmiare