Leopardo delle nevi, a rischio estinzione, sta scomparendo

Ci sono sempre meno leopardi delle nevi. Il rischio di estinzione è alto per via dei bracconieri e dei cambiamenti climatici.

Secondo i dati del WWF, il numero degli esemplari di leopardo della neve è diminuito di più del 20% negli ultimi 20 anni. Il rischio di estinzione è alto.

Sempre per il WWF gli esemplari in libertà di leopardo delle nevi sarebbero in numero compreso tra i 4080 e i 6590. Di questo soltanto 2500 hanno le caratteristiche adatte a riprodursi. Si tratta di un animale bellissimo, con un pelo spesso e grigio chiaro, intervallato da macchie scure. Lo si trova sulle montagne dell’Asia centrale e della Russia, a 3.000-4.500 metri di altezza. Predilige ambienti rocciosi dove crescono arbusti.

A minacciare la sopravvivenza del leopardo delle nevi sono il bracconaggio, le comunità locali, la perdita del loro habitat ideale e i cambiamenti climatici, che mettono a rischio la fauna di queste montagne.

​Il leopardo delle nevi viene ucciso dai bracconieri principalmente per la sua meravigliosa pelliccia, ma anche per le ossa, gli organi o da altre parti del corpo. Come se non bastasse, le popolazioni che vivono in quelle montagne li uccidono per evitare che attacchino gli animali che allevano. Gli insediamenti umani, oltre a strade e miniere, hanno ridotto drasticamente gli spazi in cui il leopardo può muoversi e vivere.  

Quanto ai cambiamenti climatici si tratta di un vero e proprio flagello che interessa questa zona, ma non solo. Non a caso in occasione della Earth Hour 2018 del 24 marzo 2018, il WWF ha voluto porre l’accento sul rischio di estinzione degli animali per via dei cambiamenti del clima. A causa del riscaldamento globale, molte aree geografiche stanno trasformandosi e a farne le spese sono la flora e la fauna.

Leopardo delle nevi, a rischio estinzione, sta scomparendo