Rimborsi Irpef: cosa succede in caso di dichiarazione integrativa tardiva

La Corte di Cassazione sancisce il diritto al rimborso Irpef in caso di dichiarazione integrativa oltre i termini

Cosa succede ai fini del rimborso Irpef se il contribuente presenta la dichiarazione integrativa oltre il termine di scadenza?

La Corte di Cassazione, con sentenza del 4 luglio 2019 n. 17956, ha fatto chiarezza sul diritto al rimborso Irpef per il contribuente che presenta la dichiarazione integrativa con il modello 730 oltre i termini, stabilendo che il rimborso è dovuto. La sentenza ha accolto il ricorso di un contribuente che nella dichiarazione dei redditi non aveva inserito alcuni oneri previdenziali deducibili, presentando successivamente una dichiarazione integrativa tardiva.

I giudici della Quinta Sezione Civile della Corte di Cassazione hanno stabilito che, nonostante la dichiarazione integrativa presentata oltre i termini, in generale non può escludersi che il contribuente abbia diritto di contestare il provvedimento impositivo con la possibilità, in sede di contenzioso, di opporsi alla pretesa tributaria fatta valere dal Fisco, allegando errori o omissioni commessi nella redazione della dichiarazione dei redditi e incidenti sull’obbligazione tributaria, indipendentemente dal termine per la presentazione e la rettifica della dichiarazione fiscale.

Quindi, il contribuente che per errore abbia dichiarato redditi superiori a quelli dovuti può opporsi in sede giudiziale alla pretesa dell’Agenzia delle Entrate, facendo valere l’estraneità, in fatto o in diritto, della dichiarazione stessa, poiché emendabile. Questo è possibile quando il contribuente non abbia pagato la maggiore imposta.

Se invece ha già pagato non può fare valere in giudizio il suo credito contro l’atto impositivo, per via del carattere impugnatorio del processo tributario, ma può solo far ricorso alle procedure di rimborso previste dalla legge nelle modalità e nei termini di decadenza previsti. In questo caso, il contribuente avrà diritto a una compensazione del credito spettante con la successiva dichiarazione dei redditi.

Nell’accogliere il ricorso del contribuente, la Cassazione ha citato la sentenza n. 13378/2016 delle Sezioni Unite della stessa Corte, ricordando che “il rimborso dei versamenti diretti di cui all’art. 38 del D.P.R. n. 602 del 1973 è esercitabile entro il termine di decadenza di quarantotto mesi dalla data del versamento, indipendentemente da termini e modalità della dichiarazione integrativa di cui al D.P.R. n. 322 del 1998, art. 2, comma 8 bis”.

Attenzione, dunque, a quando si compila la dichiarazione dei redditi: verificare sempre che i dati siano corretti, anche quelli del modello 730 precompilato, presente sul sito web dell’Agenzia delle Entrate.

Rimborsi Irpef: cosa succede in caso di dichiarazione integrativa&nbsp...