Mercati emergenti: ecco perché il contesto macroeconomico è favorevole

Il contesto economico e di politica monetaria globale che si sta delineando potrebbe essere piuttosto favorevole per le azioni (e le obbligazioni) dei mercati emergenti, a condizione che non si verifichino fattori di disturbo inattesi

Foto di QuiFinanza

QuiFinanza

Redazione

QuiFinanza, il canale verticale di Italiaonline dedicato al mondo dell’economia e della finanza: il sito di riferimento e di approfondimento per risparmiatori, professionisti e PMI.

La politica monetaria statunitense, l’economia americana e cinese, i conflitti e i rischi geopolitici continuano a dominare i mercati finanziari. Ma anche gli utili societari e le prospettive aziendali esercitano un’influenza significativa sui prezzi, pur non facendo notizia. L’andamento degli utili continua a sostenere in larga misura le quotazioni azionarie, soprattutto negli Stati Uniti ma anche in numerosi mercati azionari europei.

Via libera dalla Federal Reserve?

I dati della banca centrale e quelli sull’inflazione USA hanno inviato messaggi contrastanti, che tuttavia non sembrano aver turbato i mercati azionari globali, spiega il Team Cee and Emerging Markets di Raiffeisen Capital Management. I tagli dei tassi d’interesse sono stati rimandati, in considerazione dei solidi dati su attività economica e mercato del lavoro. D’altra parte, i tassi d’inflazione al consumo e alla produzione sono stati leggermente migliori, ovvero l’inflazione è scesa un po’ più rapidamente del previsto. Ciò suggerisce che non dovremmo assistere a ulteriori forti spinte al rialzo dei rendimenti obbligazionari statunitensi e del dollaro USA.

In termini fondamentali, questo scenario sarebbe positivo per le azioni e le obbligazioni dei mercati emergenti, e potrebbe dare alle banche centrali di molti paesi un maggiore margine di manovra per tagliare i tassi d’interesse, se non devono temere importanti svalutazioni della valuta rispetto al dollaro USA. Almeno in teoria. Resta da vedere se ciò si concretizzerà nella pratica.

In generale, va sottolineato ancora una volta che, sebbene i titoli azionari dei mercati emergenti siano considerati un

Un contesto favorevole per le azioni dei mercati emergenti?

Ma torniamo ai mercati emergenti nel loro complesso. Il contesto economico e di politica monetaria globale che si sta delineando potrebbe essere piuttosto favorevole per le azioni (e le obbligazioni) dei mercati emergenti, a condizione che non si verifichino fattori di disturbo inattesi. Esistono opportunità di investimento in numerosi Paesi, come dimostra il forte sconto di valutazione di molti mercati azionari emergenti rispetto ai mercati sviluppati.

Valutazioni favorevoli, buona crescita e redditività

È chiaro che questi non scompariranno del tutto nel prossimo futuro, ma non è necessario che lo facciano per offrire agli investitori buone prospettive di guadagno. Probabilmente sarà sufficiente che i dati di redditività, spesso molto buoni (dividendi, rendimento del capitale proprio, flusso di cassa, ecc.) di molte società con sede in questi paesi attirino nuovamente l’attenzione degli investitori internazionali. E se anche gli utili societari dovessero aumentare, potrebbe affluire denaro fresco in questi mercati, soprattutto perché la maggior parte dei mercati emergenti continuerà a crescere a un ritmo superiore alla media ancora per qualche tempo. Un’eventuale rottura della tendenza al ribasso già citata nei prossimi mesi potrebbe essere un’indicazione dell’inizio di questo processo

Gli Emergenti cavalcano l’onda

Nella seconda metà del 2023, l’inflazione statunitense è risultata ampiamente inferiore alle aspettative e i mercati hanno prontamente prezzato tagli aggressivi dei tassi. Un po’ troppo in fretta, come si è visto, spiega Mike Biggs, Investment Manager, Emerging Markets Fixed Income di GAM. All’inizio di gennaio, i mercati hanno iniziato a fare marcia indietro sui sei o sette tagli dei tassi che erano stati prezzati. Con la ripresa inaspettata dell’inflazione, i titoli del Tesoro USA sono stati venduti, con un effetto a catena sugli asset più rischiosi, comprese le obbligazioni EM. All’inizio di giugno, i mercati prevedevano solo uno o due tagli da parte della Federal Reserve nel 2024. Questo drastico cambiamento delle aspettative si è basato in gran parte sulla premessa che l’inflazione persistente è destinata a rimanere. Riteniamo che il consenso si sia spostato troppo in là.

Pessimismo su inflazione potrebbe diventare un’opportunità

Il mercato ha sbagliato a prezzare tagli aggressivi dei tassi in passato e riteniamo che abbia sbagliato ancora una volta a escludere tutti i tagli, tranne uno, per il 2024. A nostro avviso, la tendenza di fondo al calo dell’inflazione rimane intatta e i fattori alla base dell’ultima ripresa potrebbero rivelarsi temporanei. Nel nostro scenario, un’inflazione più contenuta nella seconda metà del 2024 consentirebbe alle banche centrali di rimettere sul tavolo tassi di interesse significativamente più bassi fino alla fine dell’anno, sostenendo così gli asset basati sul rischio, come le obbligazioni EM. Inflazione: meno “appiccicosa” se si guarda oltre i titoli dei giornali.

I dati più solidi sull’inflazione registrati nel secondo trimestre, soprattutto per quanto riguarda l’inflazione dei servizi, hanno destato preoccupazione in alcuni investitori. Tuttavia, a nostro avviso, la stabilizzazione dell’inflazione dei servizi non è tanto un indicatore di un surriscaldamento dell’economia, ma riflette piuttosto l’effetto di ritardo dovuto al fatto che servizi come l’assicurazione auto e i costi della telefonia mobile sono soggetti a ritardi normativi e contrattuali. Le misure private degli affitti delle abitazioni mostrano già un calo dell’inflazione, e ci aspettiamo che l’inflazione degli affitti nell’IPC lo segua nel tempo. Nel mercato del lavoro statunitense, l’andamento più contenuto del tasso di abbandono dei posti di lavoro e delle intenzioni di assunzione suggerisce un raffreddamento delle pressioni salariali.

Nonostante la possibilità di un’eccezione, ci aspettiamo che ci siano le condizioni per un rallentamento sul numero di libro paga nella seconda metà del 2024. Nel frattempo, con l’inflazione dei beni che sta già diventando negativa e l’inflazione dei servizi destinata a passare da una fase di stabilizzazione a una di declino, ci aspettiamo che l’inflazione si raffreddi più di quanto previsto dal mercato nella seconda metà del 2024. Nei Paesi emergenti abbiamo assistito a un calo dei prezzi del petrolio e dei fertilizzanti, che ha aiutato l’inflazione a tornare ai livelli del 2013-2018. Ricordiamo che non molto tempo fa tutti si preoccupavano che l’ultimo miglio del percorso dell’inflazione fosse il più difficile; negli EM, ne stiamo vedendo ben poche prove. In effetti, negli ultimi 10 anni lo spread medio dell’inflazione EM rispetto a quella USA è stato dell’1,75% – ora lo spread è solo dello 0,35%, a testimonianza di quanto gli EM abbiano fatto bene sul fronte dell’inflazione negli ultimi tempi.

Prospettive di crescita al di fuori degli Stati Uniti

In Europa, l’impulso al credito è diventato positivo, ma il vento di coda derivante dalla riduzione dei depositi in eccesso è probabilmente finito.  In Cina, le autorità non sono riuscite a risollevare le sorti dei prestiti, per cui l’impulso al credito è rimasto intorno allo zero. La crescita economica della Cina nel primo trimestre è stata molto forte, pari al 5,3% su base annua, ma ci aspettiamo che sia molto più debole nel secondo trimestre. Nel complesso, guardando al quadro generale, i PMI globali si mantengono intorno a 50, quindi sul lato morbido rispetto a quanto visto nell’ultimo decennio. Il PIL sta crescendo a circa il 3,3%, in linea con il contesto piuttosto debole che abbiamo visto tra il 2012 e il 2018. Nel complesso, non siamo di fronte a un crollo della crescita tale da giustificare un forte rischio. Sebbene i dati macro USA siano stati molto positivi, l’indice di sorpresa degli Stati Uniti è in realtà negativo, mentre è positivo in Europa, nel gruppo G10 e negli EM. Nel complesso, le sorprese sulla crescita sono più positive negli EM che nel G10. Se questi sviluppi dovessero confermarsi, contribuirebbero a un dollaro USA in movimento laterale o più debole e alla forza dei cambi degli EM.