Arriva la mascherina uccidi-Covid: cos’è e come funziona

Un ricercatore britannico ha utilizzato le nanotecnologie per realizzare uno strato anti-virus nascosto tra quelli filtranti

Che le varie tipologie di mascherine siano utilissime nel combattere la diffusione del virus del SARS-CoV-2 è cosa ormai nota e dimostrata da vari studi scientifici. Presto, però, potrebbe arrivare una mascherina che non solo potrebbe proteggere noi (e chi ci sta attorno) dal nuovo Coronavirus, ma potrebbe addirittura aiutarci a eliminarlo una volta per tutte. La novità arriva dal Regno Unito, dove il professor Gareth Cave della Nottingham Trent University afferma di aver realizzato una mascherina in grado di “uccidere” il virus.

La mascherina che uccide il Coronavirus: come funziona

All’apparenza, la mascherina ideata dall’accademico britannico (specializzato in chimica supramolecolare e chimica “green”) è in tutto e per tutto uguale alle mascherine chirurgiche raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. A differenza di queste ultime, però, sono composte di cinque strati anziché tre e, proprio in uno dei due strati aggiuntivi, sta il suo “segreto”.

Come spiegato dal professor Gareth Cave, la mascherina da lui progettata è composta da:

  • Uno strato esterno repellente ai liquidi;
  • Un primo strato filtrante;
  • Uno strato antivirale realizzato con nanotecnologie;
  • Un secondo strato filtrante;
  • uno strato interno ipoallergenico.

Questa combinazione di strati e di materiali differenti consente non solo di filtrare tutte le particelle microscopiche presenti nell’aria, ma anche di eliminare il SARS-CoV-2. Merito di una nanofibra in rame che emette ioni capaci di inibire il materiale genetico del virus ed evitare che si riproduca.

Test condotti nei laboratori dell’università di Nottingham Trent hanno mostrato che la mascherina ha una grande capacità filtrante – blocca il 99,98% delle particelle presenti nell’aria che respiriamo – ed è in grado di uccidere il 90% dei virus dell’influenza o di Coronavirus con cui entra in contatto.

Mascherina uccidi-Covid presto in commercio?

Secondo quanto affermato dalla stessa Nottingham Trent University, il processo che consente di realizzare lo strato “nanotecnologico” è stato brevettato dall’ateneo e la produzione in massa della mascherina dovrebbe iniziare entro la fine di questo mese. A occuparsi della commercializzazione sarà invece Pharm2Farm, azienda “spin out” della stessa università.

Inizialmente, le mascherine verranno messe a disposizione per gli addetti dei settori sanitario, dei trasporti e della produzione alimentare. Successivamente, lo spin out dell’Università di Nottingham Trent dovrebbe aprire la vendita anche al grande pubblico.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963

Arriva la mascherina uccidi-Covid: cos’è e come funziona