Vacanze 2010, decollano le nuove regole per i passaporti – Debutta quest’estate il nuovo passaporto europeo. I figli minorenni dovranno averne uno autonomo e non potranno più essere iscritti su quello dei genitori

Debutta quest'estate il nuovo passaporto europeo. I figli minorenni dovranno averne uno autonomo e non potranno più essere iscritti su quello dei genitori

E’ giugno e molti sono già in “in vacanza” con la testa. Non male, soprattutto se tra i sogni da spiaggia spunta anche qualche pensiero pratico che aiuta, dopo tante fantasie, a non ritrovarsi appiedati proprio al momento della partenza. Ci riferiamo soprattutto ai documenti di viaggio. Se andate in paesi extraeuropei è questo il momento di tirare fuori dal cassetto il passaporto e vedere se siete in regola. Anche perché le partenze estive 2010 saranno all’insegna di alcune novità per chi richiede un nuovo passaporto e chi viaggia con figli minorenni.

Firma e impronte obbligatorie

Entro il 25 giugno tutti le questure rilasceranno il passaporto europeo di ultima generazione, detto anche “biometrico”, che prevede, oltre al chip elettronico già presente nei passaporti attualmente rilasciati, anche foto e  firma digitalizzate con impronte digitali. Il nuovo libretto avrà 48 pagine.

I vecchi passaporti in corso di validità restano utilizzabili fino alla scadenza. Anche quelli richiesti prima del 20 maggio ma non ancora rilasciati saranno esenti dall’obbligo della firma digitale.
Niente più figli a carico

Ma le novità principali riguardano il passaporto per i figli “a carico”. Da quest’anno non è più possibile per il genitore iscrivere il figlio minore sul proprio passaporto: pertanto tutti i figli con meno di 18 anni dovranno dotarsi di un passaporto individuale, che avrà tutti i requisiti del nuovo modello europeo. L’obbligo della firma e delle impronte digitali scatta al compimento dei 12 anni.

Resta esonerato da quest’obbligo chi ha chiesto l’iscrizione del minore sul proprio passaporto prima del 25 novembre 2009 (farà fede il timbro con la data di accettazione dell’istanza). Anche in questo caso però c’è una novità: al compimento dei 10 anni del minore il genitore che ha ancora iscritto il figlio sul proprio passaporto dovrà far apporre la  foto del minore sul proprio passaporto.

Quanto dura

La validità del passaporto per i minori varia in base a delle fasce di età:

• da 0 a 3 anni di età: validità 3 anni;
• dai 3 ai 18 anni: validità 5 anni.

Per i maggiori di 18 anni la validità del passaporto è decennale.

L’assenso dei genitori

Per richiedere il passaporto per il figlio minore è necessario l’assenso di entrambi i genitori (coniugati, conviventi, separati o divorziati), che devono firmare l’apposito modulo presso la questura in cui si presenta la documentazione.
Se uno dei genitori non può presentarsi fisicamente per la dichiarazione, può dare il suo assenso scritto allegando una fotocopia del documento (firmata in originale).

Se il minore di 14 anni va all’estero con un accompagnatore diverso dai genitori è necessario che al passaporto del minore sia allegata la dichiarazione di accompagno firmata da entrambi i genitori. Non è necessaria invece alcuna dichiarazione se il minore viaggia anche con uno solo dei genitori.

“Carta bianca” in Europa

Tutto questo vale per i viaggi extraeuropei. All’interno dell’Unione Europea, per i maggiorenni, com’è noto basta la carta d’identità.

Per i minori di 15 anni è sufficiente la Carta bianca  cioè un certificato con i dati anagrafici e una fotografia, rilasciato dal comune di residenza e vidimato in questura. Ha una validità di cinque anni. Anche in questo caso la richiesta dev’essere firmata da entrambi i genitori e occorre lo stato di famiglia e cittadinanza in carta semplice.

Vacanze 2010, decollano le nuove regole per i passaporti – Debut...