Mondiali, la Francia è Campione del Mondo per le assicurazioni

Secondo la compagnia britannica Lloyd's, i transalpini sono la squadra con il valore complessivo più elevato

Francia campione del mondo. Non accade ormai da 20 anni, dal famoso mondiale ospitato e vinto contro il Brasile di Ronaldo. Nel mezzo, tante delusioni per i transalpini, compresa la finale persa contro l’Italia nel 2006. A distanza di 20 anni, però, la Francia può nuovamente giocarsi le sue carte di vittoria e, secondo la compagnia di assicurazioni Lloyd’s, è la squadra maggiormente accreditata per la vittoria finale.

Il Mondiale 2018 è iniziato ieri in Russia, ma i pronostici sono già partiti da tempo attorno alla manifestazione sportiva dell’anno. Se l’Italia dovrà accontentarsi di seguire l’evento in tv senza poter tifare per i colori azzurri, dovendo subire anche un discreto danno dal punto di vista economico, i “cugini” francesi, allenati da una vecchia conoscenza del calcio italiano come Didier Deschamps, puntano decisamente in alto con una squadra molto competitiva.

Secondo una ricerca che ha visto collaborare la Lloyd’s e il Center for Economics and Business, oltre alle velleità già dimostrate durante i gironi di qualificazioni, i “galletti” possono contare anche sulla rosa con il valore complessivo più elevato per quel che riguarda il valore assicurabile collettivo, e per questo motivo sarebbero tra i favoriti per la conquista della Fifa World Cup 2018.

La compagnia assicurativa britannica stima in 13,1 miliardi di sterline l’intero patrimonio assicurabile delle rose che disputeranno il mondiale. È chiaro, però, che tra le nazionali più importanti e le cosiddette “cenerentole” la differenza è abissale. Basti pensare che la nazionale francese vale 1,4 miliardi, quella inglese si ferma ad 1,17, mentre il Brasile vale “solo” 1,1 miliardi di sterline: sono questi tre i team che compongono il podio.

Per capire la differenza tra un top team e una delle squadre con meno velleità di vittoria, il valore medio di un nazionale inglese è superiore al valore assicurabile dell’intera squadra di Panama. La ricerca di Lloyd’s e Cebr è da tenere forte considerazione non solo, però, per il valore simbolico. Già nel 2014, infatti, in occasione della Coppa del Mondo Fifa disputata in Brasile, la compagnia assicurativa aveva predetto il trionfo della Germania, pronostico poi confermato dalla vittoria della squadra guidata da Joachim Löw.

La ricerca parte dal valore del giocatore e dai dati riguardanti probabilità di infortunio e anagrafica per stilare il valore complessivo. Considerato il “peso” di ogni gol e quanto ogni nazionale guadagna al Mondiale, è scontato pensare che gli attaccanti siano i calciatori più preziosi, seguiti dai centrocampisti, presenti alla kermesse internazionale in maggior numero. I calciatori tra i 18 e i 24 anni sono infine quelli con il valore assicurabile medio più elevato.

Una volta stilata la graduatoria, la compagnia assicurativa Lloyd’s è in grado anche di stabilire gli ipotetici percorsi delle squadre anche durante la fase ad eliminazione diretta. A trionfare è stata la Francia, capace di trionfare in un’ipotetica finale tutta europea proprio contro l’Inghilterra e di sopraffare, invece, i team sudamericani. I tifosi transalpini presenti in Russia e quelli che guarderanno il Mondiale da casa hanno dunque un motivo in più per tifare e sperare in un trionfo possibile, quest’anno più che mai.

Mondiali, la Francia è Campione del Mondo per le assicurazioni